Dopo l'Iran, la Russia modernizzerà anche gli eserciti nordcoreani?

Dal cessate il fuoco di Panmunjeom firmato il 27 luglio 1953, la penisola coreana è rimasta uno dei punti di tensione più intensi del pianeta. La nuclearizzazione di Pyongyang, a partire dal primo test riuscito di un'arma nucleare nordcoreana il 9 ottobre 2006, poi da una prima bomba all'idrogeno nel gennaio 2016, ha cambiato notevolmente lo status di questo conflitto congelato ma incompiuto in assenza di un armistizio ufficiale . Tuttavia, se gli eserciti nordcoreani schierano forze considerevoli, con quasi 1,3 milioni di uomini sotto bandiera, 600.000 riservisti, più di 4000 carri armati, 2500 veicoli corazzati, 8000 sistemi di artiglieria o 500 aerei da combattimento, oltre a una forza di missili balistici e da crociera stimata in oltre 3000 vettori, questa è costituita quasi esclusivamente da apparecchiature obsolete risalenti agli anni '60 o '70, e poco ammodernate da allora a causa delle sanzioni internazionali applicate da più di 3 decenni nel Paese, anche da Pechino e Mosca.

Nelle ultime settimane, però, diversi report, sicuramente difficili da verificare in maniera indipendente ma credibili, riportano la possibile consegna di munizioni ed equipaggiamenti militari da parte di Pyongyang a Mosca al fine di sostenere lo sforzo militare in Ucraina. Si tratterebbe essenzialmente di munizioni di artiglieria come proiettili da 122 e 152 mm, oltre a razzi da 122 mm per i sistemi Grad e da 220 mm per i sistemi Ouragan, entrambi utilizzati dai lanciatori. Il consumo di munizioni è davvero un grosso problema per le due parti opposte in questo conflitto, gli ucraini hanno, ad esempio, un consumo mensile di proiettili da 155 mm di quasi 40.000 unità, dove l'intera produzione di munizioni di questo tipo in Europa non supera 32.000 pezzi. Se le scorte prebelliche russe fossero considerevoli in questo campo, il consumo di munizioni da parte dell'artiglieria russa supererebbe, secondo gli osservatori, quello degli ucraini di un rapporto di 1 a 5 o addirittura di 1 a 10, in particolare per compensare la mancanza di precisione dell'artiglieria russa, cosicché, anche in questo caso, le capacità produttive dell'industria russa non sono sufficienti a compensare il consumo operativo delle forze.

Gli eserciti nordcoreani implementano un gran numero di LRM M1985/1991, produzioni locali di copie cinesi di sistemi Grad russi

Se Mosca ha cercato fin dall'inizio del conflitto, come del resto l'Ucraina, partner internazionali in grado di trasferire attrezzature e munizioni, gli sforzi dei negoziatori russi sono stati il ​​più delle volte sterili, e solo 3 Paesi hanno effettivamente risposto favorevolmente alle ripetute richieste del Cremlino: Bielorussia, Iran e Corea del Nord. Per Minsk si trattava soprattutto di preservare la protezione russa, unica garante del regime del presidente Lukashenko. Per Teheran, il sostegno sostenuto allo sforzo bellico russo, è vero considerevole con la consegna di migliaia di droni munizioni Shahed e, a quanto pare, presto missili balistici, è stato accompagnato da accordi critici sulla modernizzazione delle forze armate iraniane sotto sanzione per diversi decenni, e come gli eserciti nordcoreani, in gran parte obsoleti a parte alcune capacità come i missili. Pertanto, diverse fonti convergenti lo indicano i 24 Su-35ES inizialmente costruiti per l'Egitto ma la cui consegna è stata annullata, potrebbero presto essere consegnati a Teheran mentre piloti e manutentori iraniani sono già addestrati in Russia. Allo stesso modo, sarebbe una domanda all'Iran di modernizzare le sue forze navali acquisendo navi di costruzione russa, con in entrambi i casi una significativa ridefinizione degli equilibri di potere nello scenario mediorientale.


Il resto di questo articolo è riservato agli abbonati

Gli articoli ad accesso completo sono disponibili nella sezione “ Articoli gratuiti“. Gli abbonati hanno accesso agli articoli completi di Analisi, OSINT e Sintesi. Gli articoli negli archivi (più vecchi di 2 anni) sono riservati agli abbonati Premium.

A partire da € 6,50 al mese – Nessun impegno di tempo.


Related posts

Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE