La pianificazione russa si sta preparando per uno scontro con la NATO

Come ogni anno, il ministro della Difesa Sergei Shoigu e il capo delle forze armate russe, il generale Valery Gerasimov, hanno presentato al presidente Vladimir Putin il riassunto dello stato delle forze, nonché gli assi conservati per la futura pianificazione militare. Sorprendentemente, viste le notizie dal 24 febbraio, quest'anno quest'esercizio si è svolto in modo quasi tradizionale. E come negli anni precedenti, il discorso di Sergeï Choigou ha riportato molti progressi, in particolare nella modernizzazione delle forze strategiche che ora superano, secondo le classifiche del ministero, un tasso di modernizzazione del 91% per l'intera triade nucleare. , come così come l'arrivo all'interno delle forze armate di nuovi equipaggiamenti, tra cui un sottomarino missilistico balistico nucleare della classe Borei-A e un sottomarino d'attacco nucleare della classe Yassen. Tuttavia, gli annunci fatti quest'anno, se nella forma hanno rispettato il quadro definito per questa esercitazione negli ultimi anni, presentano una situazione e un'ambizione completamente nuove per gli eserciti russi.

Un semplice obiettivo presentato dal solo ministro russo riassume il cambio di ambizioni del Cremlino per i suoi eserciti, che passeranno da un formato di 1 milione di uomini, riserve escluse, a un formato di 1,5 milioni di uomini, con un incremento del 50%. Per raggiungere questo obiettivo, il Ministero della Difesa intende espandere il numero di soldati a contratto a 695.000 ed espandere la coscrizione da un'età minima di 18 a 21 anni e un'età massima di 30 anni. Inoltre, verrà fatto uno sforzo particolare per consentire ai coscritti di firmare un contratto di assunzione, anche esentandoli dal servizio di leva, il che costituisce un argomento forte in considerazione delle differenze retributive tra le due categorie. Ricordiamo che poche settimane fa, il Ministero della Difesa russo ha annunciato che il budget della difesa sarebbe stato aumentato nel 2023 a oltre 4,700 miliardi di rubli, o più di 75 miliardi di dollari, in aumento di quasi il 50% rispetto al 2021. Possiamo vedere una relazione con l'inizio del crollo del rublo, che ha perso il 25% nelle ultime settimane.

Le forze strategiche russe avrebbero raggiunto un tasso di modernizzazione del 91,3% secondo il ministro della Difesa russo. Qui, lancio di un missile balistico intercontinentale RS-24 Yars.

Questa estensione delle forze consentirà di creare o sviluppare numerose unità, con la creazione di 3 divisioni di fanteria motorizzata negli Oblast di Kherson e Zaporozhye, nonché un corpo d'armata in Karelia, la regione che confina con il confine finlandese. Inoltre, 7 brigate motorizzate dei distretti occidentale, centrale e orientale della Flotta del Nord saranno trasformate in divisioni di fucili a motore, mentre verranno create due nuove divisioni per rafforzare le truppe d'assalto aviotrasportate. Le truppe di fanteria della marina saranno riorganizzate per creare 5 nuove divisioni. In totale, negli anni a venire si costituiranno quindi da 22 a 25 nuove divisioni, senza che in sede di riunione sia stato presentato un calendario preciso.


Il resto di questo articolo è riservato agli abbonati

Gli articoli ad accesso completo sono disponibili nella sezione “ Articoli gratuiti“. Gli abbonati hanno accesso agli articoli completi di Analisi, OSINT e Sintesi. Gli articoli negli archivi (più vecchi di 2 anni) sono riservati agli abbonati Premium.

A partire da € 6,50 al mese – Nessun impegno di tempo.


Related posts

Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE