La Svezia aggiornerà i suoi caccia JAS-39 Gripen C/D per portarli al 2035

Per molti versi, la Svezia è un paese unico quando si tratta di difesa. Con una popolazione di soli 10 milioni di abitanti, e un PIL di 620 miliardi di euro, il 25% di quello della Francia e il 15% di quello della Germania, il Paese riesce a mantenere capacità industriali molto avanzate nel campo della difesa, con in particolare una dei 3 principali uffici di progettazione e cantiere europeo in grado di progettare sottomarini moderni, nonché uno dei pochi produttori di aeromobili al mondo con esperienza nella progettazione di aerei da combattimento. Fu così che il Drakken e poi il Viggen della Flygvapnet, l'Aeronautica Militare Svedese, protessero efficacemente i cieli svedesi durante tutta la Guerra Fredda, e furono addirittura esportati in Finlandia e in Austria in particolare. Nel 1988 il costruttore di aerei svedese SAAB presentò durante il suo primo volo il JAS-39 Gripen, un caccia monomotore inteso come diretta alternativa all'F-16 e ai francesi Mirages, e degno successore del JAS-37 Viggen.

Compatto con una lunghezza di 14 metri per un'apertura alare di 8,5 metri, e leggero con un peso a vuoto di sole 5 tonnellate, il Gripen si affermò rapidamente come uno dei tre membri della famosa famiglia "Eurocanard", con l'Eurofighter Typhoon e il Dassault Raffale. Offrendo prestazioni superiori a quelle dell'F-16 C/D dell'epoca, il Gripen conquistò diversi successi nell'esportazione, in particolare essendo scelto dalla Repubblica Ceca e dall'Ungheria in Europa, così come dalla Tailandia e dal Sud Africa. il Rafale non veniva esportato e, al di là dei primi mercati vincolati come l'Arabia Saudita, anche il Typhoon stentava a trovare sbocchi sulla scena internazionale. Il primo Gripen A è stato consegnato alla Flygvapnet nel 1996, ma è stato subito chiaro che il velivolo doveva essere modernizzato per rimanere competitivo sulla scena internazionale ed efficace contro l'arrivo di nuovi caccia come il russo Su-30SM. Così, nel 2006, è stato consegnato il primo Gripen C, con avionica modernizzata, capacità di trasporto di armamenti estese e un polo di rifornimento in volo.

Il Gripen è stato il primo aereo della generazione Eurocanard ad entrare in servizio nel 1996

Ad oggi la Flygvapnet allinea 71 monoposto Gripen C, oltre a 23 biposto Gripen D utilizzati per missioni di trasformazione ma dotati anche di tutte le capacità operative della versione monoposto. Nel 2016 ha inoltre ordinato 60 JAS-39 Gripen E, una versione avanzata del velivolo dotata di avionica completamente rinnovata che include, in particolare, un radar AESA e una suite di difesa integrata, un nuovo motore turbojet F414 che consente al dispositivo di mantenere una supercruise , e molti armamenti di nuova generazione, incluso il missile aria-aria a lungo raggio Meteor. Il primo esemplare è stato consegnato nel 2021. I Gripen C/D sarebbero dovuti uscire dal servizio dal 2025. Ma l'aggravarsi della minaccia in Europa ha portato Stoccolma a rivedere la sua pianificazione, e a decidere di estendere i 60 Gripen fino al 2035, quando i dispositivi dovrebbero essere in grado di essere sostituito dal successore del Gripen in fase di progettazione. È per rispondere a questa esigenza che le autorità svedesi hanno notificato, il 16 dicembre, un contratto del valore di 3,5 miliardi di corone, ovvero 320 milioni di euro, per l'ammodernamento del 60 Gripen C in modo da estenderne la vita operativa al 2035.


Il resto di questo articolo è riservato agli abbonati

Gli articoli ad accesso completo sono disponibili nella sezione “ Articoli gratuiti“. Gli abbonati hanno accesso agli articoli completi di Analisi, OSINT e Sintesi. Gli articoli negli archivi (più vecchi di 2 anni) sono riservati agli abbonati Premium.

A partire da € 6,50 al mese – Nessun impegno di tempo.


Related posts

Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE