Quale alternativa in Francia per la portaerei di nuova generazione?

Da alcuni giorni, nell'ecosfera della difesa francese si fa sempre più sentire un rumore di fondo: di fronte ai vincoli di bilancio legati alla prossima Legge di Programmazione Militare in preparazione, il Programma Portaerei di Nuova Generazione, o PANG , che è stato comunque l'indiscusso star dello show Euronaval 2022 poche settimane fa, sarebbe minacciata. Anche con un aumento significativo del budget, con 100 miliardi di euro in più tra il 2024 e il 2030 rispetto al periodo 2018-2025, circa 400 miliardi di euro, ovvero 57 miliardi di euro in media all'anno, le risorse disponibili non sarebbero infatti sufficienti per finanziare l'ampliamento delle forze con in particolare il reclutamento da 40 a 60.000 riservisti aggiuntivi, il finanziamento dei programmi in corso (SNA Suffren, FDI, Rafale F4/F5, Hélicoptères H160M Guépard, programma SCORPION, CAESAR NG ecc.) e il sviluppo di nuovi programmi, come il sostituto SNLE 3G per i sottomarini con missili balistici nucleari classe Triomphant, l'aereo da combattimento SCAF sviluppato congiuntamente con Germania e Spagna, o il carro armato franco-tedesco di nuova generazione MGCS.

Con un costo di sviluppo che ora raggiungerebbe o addirittura supererebbe gli 8 miliardi di euro, che verrebbero consumati per almeno la metà sul LPM a venire, il finanziamento del PANG così come previsto oggi richiederebbe difficili arbitrati su altri grandi programmi. delle Forze Armate, Sebastien Lecornu, ha lasciato intendere che è in corso una riflessione non solo per valutare un possibile rinvio del programma, ma anche per cancellarlo puramente e semplicemente, per essere, o meno, sostituito da una soluzione alternativa. In questo articolo studieremo le 4 possibili alternative: rinunciare alla portaerei per la Marina francese, posticipare il programma, progettare una portaerei nucleare meno imponente o una o più portaerei ibride leggere.

Rinunciare alla potenza della portaerei sarebbe un errore storico.

Ogni volta che in Francia si discute l'ipotesi della costruzione di una portaerei, ci sono voci che mettono in dubbio l'efficacia di questo tipo di nave. Per i suoi detrattori, la portaerei sarebbe oggi uno strumento obsoleto, troppo costoso per la sua effettiva efficacia, privando le altre forze di mezzi aggiuntivi capaci, anche, di colpire a lunga distanza. Soprattutto, ora sarebbe troppo vulnerabile per evolversi in un contesto di guerra moderna. Se alcune di queste argomentazioni possono essere ascoltate, soprattutto in merito alla privazione di crediti per altre necessità, le argomentazioni avanzate circa la scarsa efficienza o la presunta vulnerabilità della portaerei non hanno oggi più peso di quanto ne avessero ogni volta che furono avanzate nel passato: negli anni '50 in seguito all'arrivo delle armi nucleari, le guerre di Corea e poi del Vietnam hanno mostrato quanto questo tipo di nave fosse critico; negli anni '70 e '80 con l'arrivo dei bombardieri sovietici a lungo raggio armati di potentissimi missili anti-nave, contro i quali la coppia F-14 Tomcat/missile aria-aria AIM-54A Phoenix e il sistema anti-nave aereo AEGIS sono stati sviluppati, e in notizie recenti, mentre gli Stati Uniti tornano a una flotta di 11 portaerei pesanti e sviluppano il concetto di Lightning Carrier, la Cina sta compiendo enormi sforzi per acquisire rapidamente una flotta di portaerei pesanti, e che diversi paesi, come poiché anche Italia, Giappone, India e Corea del Sud stanno compiendo grandi sforzi per acquisirli.

La PANG è stata la protagonista indiscussa dello spettacolo Euronaval 2022. Qui, l'ammiraglio Vandier presenta la nave al Ministero delle Forze Armate Sebastien Lecornu e DGA Emmanuel Chiva

Per parafrasare il Capo di Stato Maggiore della Marina francese di fronte ai deputati francesi, se la portaerei fosse obsoleta, troppo vulnerabile o inefficace, la maggior parte delle principali marine del mondo non farebbe tali sforzi per acquisirla o per rafforzare le proprie flotte. In questo campo la Francia rappresenta un'eccezione mondiale essendo l'unico Paese, oltre agli Stati Uniti, ad essere dotato di una portaerei a propulsione nucleare e dotata di catapulte, un vantaggio non indifferente dal punto di vista operativo. - nei confronti delle portaerei che ne sono sprovviste, in particolare consentendo ai caccia di prendere il volo con il massimo armamento e carburante, ma anche consentendo ad alcuni dispositivi, come il velivolo avanzato di sorveglianza aerea E-2 Hawkeye, di accompagnare l'aria imbarcata gruppo. Al di là dei mezzi stessi, la Marina francese dispone delle competenze ereditate da decenni di impegno e utilizzo operativo, per implementare questo strumento. Privarlo, anche temporaneamente, comporterebbe una perdita di abilità che richiederebbe molti anni per riprendersi, come è avvenuto con il britannico.

Sono proprio queste competenze, e questo strumento, che oggi costituiscono uno dei maggiori valori aggiunti delle forze armate francesi, in particolare in Europa e all'interno della NATO, e che, come le sue navi marittime a propulsione subnucleare, e il suo sottomarino , componenti di deterrenza aeronavale e aerea, costituiscono la legittimità internazionale del paese, in particolare per quanto riguarda la sua sede come membro permanente del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite. In altre parole, rinunciare alla componente caccia di bordo dell'aviazione navale francese sarebbe una rinuncia strategica con conseguenze molto significative sulla scena internazionale, ma anche sull'attrattività della Francia come partner della difesa e come fornitore di equipaggiamenti militari.

Rinvio di PANG ed estensione di Charles de Gaulle

Al di là di un'impensabile rinuncia alla portaerei francese, l'alternativa più semplice, a prima vista, non sarebbe altro che lo spostamento del programma di qualche anno, tanto in particolare che gli investimenti necessari per ricostruire le compagnie francesi degli eserciti per far fronte alla sfida di elevata intensità, non sono vincolati dallo sviluppo della nave. Tuttavia, tale ipotesi non è priva di rischi, e anche di rischi elevati. Innanzitutto, per raggiungere questo obiettivo, sarebbe essenziale prolungare di qualche anno la vita operativa del Charles de Gaulle. Varata nel 1994 e ammessa in servizio nel 2001, la nave avrà infatti “solo” 37 anni di servizio nel 2038, mentre, ad esempio, è ancora in servizio la portaerei a propulsione nucleare Nimitz, prima nave dell'omonima classe dopo 48 anni di servizio, e che la USS Enterprise, la prima portaerei nucleare americana, rimase in servizio per 51 anni e servì come portaerei di riserva per altri 6 anni.

La Francia è oggi l'unico paese, a parte gli Stati Uniti, a implementare una portaerei a propulsione nucleare dotata di catapulte, capacità invidiata da molti paesi.

Tuttavia, ad oggi, gli ingegneri di Naval Group, DGA e Framatome, non sono in grado di determinare se il Charles de Gaulle potrebbe vedere prolungata la sua vita operativa. Tale estensione di servizio, infatti, è vincolata dallo stato di usura del reattore e del recipiente di contenimento, e non potrà essere definitivamente confermata, o invalidata, fino all'inizio del prossimo decennio. È quindi comprensibile che questa soluzione correrebbe un rischio molto concreto per il mantenimento delle capacità operative dell'aviazione navale francese, perché sarebbe molto difficile, se non impossibile, progettare e costruire un successore del Charles de Gaulle in grado di prendere servizio nel 2038 dal 2030, se il prolungamento della vita non fosse possibile. Inoltre, e questo è tutt'altro che aneddotico, la storia recente dei programmi di difesa industriale mostra che la maggior parte dei programmi "rinviati" sono finiti, pochi anni dopo, semplicemente cancellati. Infatti, rinviare la progettazione e la costruzione del successore del Charles de Gaulle, contando sull'estensione della vita della nave, rappresenterebbe un rischio inaccettabile per questa capacità, e non è prevedibile, almeno in questo modo.

È possibile ridurre le dimensioni del PANG per renderlo più economico?


Il resto di questo articolo è riservato agli abbonati

Gli articoli ad accesso completo sono disponibili nella sezione “ Articoli gratuiti“. Gli abbonati hanno accesso agli articoli completi di Analisi, OSINT e Sintesi. Gli articoli negli archivi (più vecchi di 2 anni) sono riservati agli abbonati Premium.

A partire da € 6,50 al mese – Nessun impegno di tempo.


Related posts

Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE