Portaerei NG, SCAF, MGCS ..: la Francia puntava troppo in alto?

Appena due anni fa, il ministro delle Forze armate, Florence Parly, formalizzava l'avvio dei lavori di studio per la costruzione di una nuova portaerei destinato a sostituire il Charles de Gaulle dal 2038. Da allora sono trapelate molte informazioni su questo programma, che dovrebbe essere, come il Charles de Gaulle, a propulsione nucleare, e raggiungere le 75.000 tonnellate di dislocamento, in particolare per poter mettere in atto le nuove catapulte elettromagnetiche da 90 metri necessarie per lanciare il nuovo caccia di nuova generazione del programma SCAF, a sua volta molto più grande del Rafale M. Com'era prevedibile, sono aumentati anche i costi di progettazione e produzione della nave che hanno subito un aumento molto significativo al costo di 2 miliardi di euro del Charles de Gaulle costruito negli anni 90. Infatti, mentre la nuova portaerei era inizialmente stimata tra i 5 e i 6 miliardi di euro, ora si tratterebbe di un costo di progettazione e costruzione di circa € 8 miliardi, o anche di più. E nell'ambito della preparazione della prossima Legge di Programmazione Militare 2024-3020, che sarà comunque dotata di circa 400 miliardi di euro, cioè 100 miliardi di euro in più rispetto alla precedente, questo costo pone un problema...

Da diverse settimane, infatti, sono stati sparsi indizi che suggeriscono che il programma PANG potrebbe essere rinviato, o addirittura cancellato, a causa degli arbitrati necessari nell'ambito della Legge sulla Programmazione, tanto più che diversi altri programmi, tra cui i programmi franco-tedeschi SCAF e MGCS, inoltre, promettono di essere particolarmente avidi di credito, proprio come il programma SNLE 3G che deve sostituire i 4 sottomarini missilistici nucleari, pilastri della deterrenza francese. Il fatto è che, che si tratti di SCAF, MGCS o PANG, sembra che ciascuno di questi programmi miri a sviluppare hardware molto più grande e più costoso di quelli che andranno a sostituire, non solo per l'aumento dei costi tecnologici e dell'inflazione, ma anche per ambizioni molto più alte, avvicinando la produzione industriale francese per la difesa alle attrezzature prodotte dagli Stati Uniti, e de facto allontanandosi da ciò che ha tradizionalmente fatto il successo operativo ma anche commerciale delle attrezzature per la difesa francese dagli anni '60.

Il programma MGCS mira a progettare un sistema di combattimento terrestre ad altissima tecnologia, che ovviamente sarà anche molto costoso.

Infatti, se all'inizio degli anni '4 la Francia dedicava più del 60% del suo prodotto interno lordo allo sforzo di difesa, l'economia francese si stava appena riprendendo dalle cicatrici della seconda guerra mondiale, costringendo il paese a essere inventivo per progettare prestazioni e attrezzature attraenti, ma molto meno costose dei sistemi d'arma americani che si sono imposti sul mercato. È così che il produttore di aerei francese Dassault Aviation ha progettato il Mirage III, un caccia intercettore pesante la metà dell'imponente F-4 Phantom II, superando l'F-104 in quasi tutte le aree, pur essendo significativamente meno costoso di questi due dispositivi. Allo stesso tempo, basandosi sul successo dell'AMX-13, AMX ha progettato il carro medio AMX-30 da 36 tonnellate, quando gli Stati Uniti stavano producendo l'M-60 da oltre 52 tonnellate. Quanto alle due portaerei francesi, la Clemenceau e la Foch, superavano di poco le 32.000 tonnellate a pieno carico per una lunghezza di 265 m, dove le americane Forrestal sfioravano le 80.000 tonnellate per 326 metri di lunghezza.


Il resto di questo articolo è riservato agli abbonati

Gli articoli ad accesso completo sono disponibili nella sezione “ Articoli gratuiti“. Gli abbonati hanno accesso agli articoli completi di Analisi, OSINT e Sintesi. Gli articoli negli archivi (più vecchi di 2 anni) sono riservati agli abbonati Premium.

A partire da € 6,50 al mese – Nessun impegno di tempo.


Related posts

Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE