Naval Group tornerà alla competizione sottomarina indiana P75i?

Nel 1997 New Delhi ha formalizzato l'ordine per 6 sottomarini a propulsione convenzionale del modello DCNS Scorpene, divenuto poi Naval Group. Il primo sommergibile, l'INS Kalvari, che darà il nome alla classe che verrà, è entrato in servizio nel 2017, apportando un notevole valore aggiunto operativo alla Marina indiana. Nel 2014 le autorità indiane si sono impegnate a lanciare un nuovo programma, sempre per 6 sottomarini d'attacco, ma questa volta dotati di un sistema di propulsione aerobica, o AIP per Air Independent Propulsion. Dopo una prima richiesta di informazioni nel 2014, poi una seconda nel 2017, 5 studi di progettazione sono stati selezionati per partecipare al concorso : il tedesco TKMS con il Type 214, lo spagnolo Navantia con l'S-80, il sudcoreano DSME con il Dosan Aah Changho, il russo Rubin con la classe Lada e il gruppo navale francese con una variante del Barracuda.

Tuttavia, rapidamente, i requisiti delle specifiche indiane, e in particolare l'obbligo imposto al sistema AIP di dover attrezzare le navi per essere già in servizio, portano TKMS, Navantia, Rubin e Gruppo Navale per gettare la spugna, lasciando in lizza solo Daewoo Shilling e Maritime Service della Corea del Sud. Questa situazione di concorrenza con un unico concorrente risultando molto insoddisfacente per New Delhi, le autorità indiane hanno annunciato la prossima revisione delle specifiche, in modo da consentire ad altri produttori di aderire alla concorrenza, e hanno posticipato il termine per la presentazione delle offerte a dicembre 2022. Per il al momento, tuttavia, non vi era alcuna indicazione che Naval Group intendesse partecipare nuovamente alla competizione, soprattutto perché nessun Barracuda è in costruzione, a parte le versioni a propulsione nucleare della classe Suffren.

L'INS Kalvari è entrato in servizio nel dicembre 2017

Mais una recente indiscrezione fatta alla stampa indiana sembra indicare che, lungi dall'aver gettato la spugna, Naval Group sarebbe ancora attivo nella competizione P75i, al punto da far valere alcune esclusive argomentazioni tecnologiche al di là del programma stesso. In effetti, secondo il sito idrw.org, Naval Group ha offerto all'India un trasferimento di tecnologia attorno al Pump-jet per il programma sottomarino di attacco nucleare indiano attualmente in fase di progettazione. Il Pump-jet (nell'illustrazione principale) è un'elica intubata che equipaggia i sottomarini con missili balistici nucleari classe Le Triomphant e la nuova classe di sottomarini d'attacco nucleare Suffren, consentendo alle navi di evolversi molto più velocemente senza generare cavitazione attorno all'elica, e quindi molto più discretamente, anche ad alta velocità.


Il resto di questo articolo è riservato agli abbonati

Gli articoli ad accesso completo sono disponibili nella sezione “ Articoli gratuiti“. Gli abbonati hanno accesso agli articoli completi di Analisi, OSINT e Sintesi. Gli articoli negli archivi (più vecchi di 2 anni) sono riservati agli abbonati Premium.

A partire da € 6,50 al mese – Nessun impegno di tempo.


Related posts

Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE