La guerra in Ucraina ha interrotto la programmazione militare russa

Dal 2012, con il ritorno di Vladimir Putin al Cremlino e l'arrivo di Sergei Shoigu al Ministero della Difesa, la programmazione militare russa, organizzata attraverso programmi pluriennali denominati GPV, è al centro dello sforzo di ricostruzione degli eserciti di Mosca . L'ultimo GPV, avviato nel 2017, doveva permettere agli eserciti russi di consolidare la propria ascesa digitale e tecnologica sui potenziali avversari, con un budget annuale di 2.000 miliardi di rubli, ovvero 30 miliardi di euro destinati ogni anno all'acquisizione di nuove attrezzature e all'ammodernamento delle apparecchiature in servizio. Così, poco più di un anno fa, durante la tradizionale valutazione dei progressi compiuti in questo campo, Sergei Choïgou ha annunciato che d'ora in poi, gli eserciti russi avevano oltre il 70% di equipaggiamento "moderno".. I fatti in Ucraina, tuttavia, hanno ampiamente sfumato le osservazioni del ministro russo.

Infatti, sulla base di distruzione visivamente confermata di attrezzature russe dall'inizio dell'operazione militare speciale in Ucraina, sembra che la metà dei carri armati distrutti, danneggiati o catturati fossero modelli sovietici non modernizzati, come il T-72A/B/B-Obr1989, il T-80BV oi vari T-62/64 perduti. Lo stesso vale per i veicoli corazzati da combattimento di fanteria, l'80% delle perdite essendo rappresentato da BMP-1 o 2 non modernizzati, o sistemi di artiglieria, per i quali il 90% dei sistemi perduti è stato ereditato dall'era sovietica. Infatti, il tasso del 70% degli apparati moderni si osserva effettivamente, nelle perdite, solo per aerei, navi e sistemi di difesa antiaerea e di guerra elettronica. Comunque sia, di fronte alle terribili perdite che hanno ampiamente intaccato le capacità degli eserciti russi, il Cremlino ha annunciato all'inizio di novembre di aver abrogato l'attuale GPV, così come i lavori preparatori per il prossimo GPV, per assumere il controllo diretto dello sforzo di difesa industriale russo e per concentrare gli investimenti su attrezzature economiche, efficienti e di rapida produzione, nel tentativo di affrontare la sfida posta dagli eserciti ucraini sostenuti dall'Occidente .

Solo la metà dei carri armati russi documentati persi in combattimento riguarda veicoli corazzati “moderni” nel senso della classificazione russa, ben lontani dal 70%+ annunciato qualche mese fa da Sergei Shoigu

La decisione del Cremlino, peraltro accelerata visto che dovrebbe entrare in vigore prima del 14 novembre, ha senso vista la situazione. Mentre la maggior parte delle truppe d'élite russe sono state dislocate durante i primi mesi di combattimento, Mosca intende ora affidarsi a una strategia difensiva basata simultaneamente sulla costruzione di una vasta rete di fortificazioni per bloccare l'avanzata ucraina, e su la massa risultante dagli sforzi di mobilitazione presenti e futuri per armare queste difese. Tuttavia, i soldati russi, a causa del rapido addestramento e della mancanza di precedenti esperienze militari, non possono utilizzare efficacemente armi moderne e altamente tecnologiche, soprattutto perché questi materiali non hanno brillato in precedenza per la loro efficacia, anche nelle mani di soldati debitamente addestrati. Inoltre l'industria della difesa russa, esposta alle sanzioni occidentali, stenta a produrre questo moderno equipaggiamento, mentre riesce, a costi inferiori, a produrre nuovamente apparati degli anni '70 e '80, meno efficienti ma più semplici, e privi di componenti.


Il resto di questo articolo è riservato agli abbonati

Gli articoli ad accesso completo sono disponibili nella sezione “ Articoli gratuiti“. Gli abbonati hanno accesso agli articoli completi di Analisi, OSINT e Sintesi. Gli articoli negli archivi (più vecchi di 2 anni) sono riservati agli abbonati Premium.

A partire da € 6,50 al mese – Nessun impegno di tempo.


Related posts

Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE