La Finlandia formalizza l'ordine per ulteriori 38 cannoni semoventi K9 Thunder sudcoreani

Con più di 850 sistemi di artiglieria in servizio, l'esercito finlandese è senza dubbio quello che, in Europa, ha la più impressionante densità di potenza di fuoco. Tuttavia, la maggior parte di questi sistemi, come il cannone H63 da 122 mm e il cannone H83 da 155 mm, sono sistemi trainati, noti per essere particolarmente vulnerabili su un moderno campo di battaglia. Basta notare le perdite comparative degli M777 trainati americani in Ucraina, rispetto a sistemi semoventi come il Caesar o il Pzh2000 per esserne convinti. Inoltre, 3 quarti di questa artiglieria erano ancora composti, a metà degli anni 2010, da sistemi acquisiti dall'Unione Sovietica, che erano meno efficienti e meno precisi dei loro omologhi occidentali. Per superare questa debolezza, Helsinki ha ordinato, nel marzo 2017, 48 cannoni semoventi sudcoreani K9 Thunder prelevati dall'arsenale degli eserciti sudcoreani per 160 milioni di dollari, con un'opzione per 48 sistemi aggiuntivi.

Le consegne di sistemi sudcoreani di seconda mano sono avvenute tra il 2017 e il 2021, e hanno dato rapidamente soddisfazione ai militari finlandesi. Nell'ottobre 2021 Helsinki ha esercitato l'opzione su 10 sistemi aggiuntivi, per un importo di 30 milioni di dollari, 5 da consegnare nel 2021, gli altri 5 nel 2022. L'inizio dell'aggressione russa contro l'Ucraina, e la candidatura alla NATO, hanno probabilmente finito di convincere le autorità di Helsinki, che hanno appena alzato il saldo dell'opzione prevista, ovvero 38 sistemi aggiuntivi, per un importo di 134 milioni di dollari, che porteranno la flotta finlandese a 96 K9, per un paese di soli 5,5 milioni di abitanti con un esercito schierando solo 19.000 uomini in campagna, inclusi solo 3.700 soldati professionisti.

L'esercito finlandese schiera 239 carri armati pesanti Leopard 2

L'arrivo del K9 migliorò notevolmente le prestazioni dei semoventi finlandesi, che fino ad allora si affidavano a 74 2S1 Gvozdika 122mm e di fabbricazione sovietica, entrati in servizio all'inizio degli anni 70. Infatti, laddove il 2S1 stenta a sostenere un ritmo di fuoco di 2 proiettili al minuto, con una portata massima di 20 km, il sudcoreano K9 Thunder può sostenere senza sforzo una cadenza di fuoco da 6 a 8 proiettili al minuto grazie al suo sistema di caricamento automatico, con una portata di 40 km, potendo anche superare i 50 km con proiettili con propulsione aggiunta. Inoltre, il sistema sudcoreano si rivela molto più preciso dei suoi omologhi sovietici, in particolare grazie all'unità centrale vietata dal TALIN, all'utilizzo del posizionamento GPS, e ad un potentissimo computer di sparo, ponendolo sullo stesso piano dei migliori Sistemi occidentali come il Caesar francese o il Pzh2000 tedesco. Inoltre, il K9 è altamente mobile, con ampi cingoli alimentati da un motore turbodiesel da 1000 cv che gli conferisce un notevole rapporto peso/potenza di 21 cv per tonnellata, anche su terreni fangosi o innevati, ma è anche ben protetto contro armi leggere e schegge di artiglieria.


Il resto di questo articolo è riservato agli abbonati

Gli articoli ad accesso completo sono disponibili nella sezione “ Articoli gratuiti“. Gli abbonati hanno accesso agli articoli completi di Analisi, OSINT e Sintesi. Gli articoli negli archivi (più vecchi di 2 anni) sono riservati agli abbonati Premium.

A partire da € 6,50 al mese – Nessun impegno di tempo.


Related posts

Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE