La Marina francese vuole modellare la sua strategia di capacità sui programmi aeronautici

Quando è entrato in servizio nel 2002 all'interno della flottiglia 12F dell'aviazione navale per sostituire il suo F-8F Crusader antidiluviano, i primi Rafale Marines sono stati consegnati allo standard F1, che allora aveva solo capacità aria-aria. Ma fin dall'inizio del programma, la scalabilità del dispositivo e la pianificazione delle versioni sono state al centro della strategia perseguita dal Ministero della Difesa e dal Team Rafale. Così nel 2005 l'Air Force iniziò a ricevere i suoi primi Rafale B e C allo standard F2, specializzati in attacchi Air-Ground per sostituire il ritiro dei SEPECAT Jaguar franco-britannici, seguiti nel 2009 dal Rafale F3, in grado di effettuare entrambi missioni, sia per il Rafale B e C dell'Aeronautica Militare che per il Rafale M della Marina francese, conferendogli lo status di aereo multiruolo. Da allora sono apparse altre 3 versioni successive, l'F-3O4T poi il famoso F-3R effettivamente omniruolo e capace di svolgere contemporaneamente missioni aria-aria, aria-terra, aria-superficie e ricognizione, e a cui già il 144 Rafale consegnate alle forze aeree francesi sono state prorogate dal 2018. Dassault Aviation e il team Rafale stanno ora sviluppando la versione F-4, che dovrebbe arrivare nel 2024 e che darà al velivolo capacità mutuate dalla famosa 5a generazione di combattimento, seguita nel 2030 dalla versione F5 che dovrebbe consentire al Rafale di controllare ed evolversi insieme ai droni da combattimento.

Questa gestione della scalabilità in modo flessibile e pianificato offre numerosi vantaggi, sia dal punto di vista operativo che industriale e commerciale. Innanzitutto permette ai dispositivi di non cedere all'obsolescenza, con evoluzioni regolari a cadenza quinquennale offrendo nuove capacità adeguate all'evoluzione delle minacce e delle esigenze. È così che il futuro Rafale F4 riceverà una nuova versione del suo sistema di autodifesa SPECTRA, oltre a un nuovo missile aria-aria MICA NG, così da adattare la sopravvivenza e la letalità del dispositivo alle evoluzioni del risorse a disposizione dei potenziali avversari della Francia e dei suoi clienti. Non sorprende inoltre notare che i primi operatori esteri del Rafale, Egitto e Qatar, hanno anche aggiornato il loro Rafale F3 alla versione F-3R, mentre tutti ora puntano alla versione F4. , a testimonianza della solidità di questo industriale e strategia operativa seguita da Dassault e dall'aviazione francese.

La scalabilità del Rafale è una delle maggiori risorse del programma così come del velivolo, in Francia e sulla scena internazionale.

Inoltre, questo approccio offre numerosi vantaggi sia dal punto di vista di bilancio che in termini di competitività dell'offerta internazionale. Infatti, mentre la maggior parte della flotta in servizio deve evolversi ogni 5 anni, questa soluzione consente al produttore e ai suoi subappaltatori di garantire la sostenibilità del proprio strumento di produzione nel tempo. Mentre un cambio di versione rappresenta un investimento industriale equivalente al 20% della produzione di un nuovo dispositivo, una flotta di 450 dispositivi a lungo termine genererà, nell'arco di cinque anni, un'attività produttiva equivalente alla produzione annua di 18 nuovi dispositivi. , ovvero un ritmo industriale ampiamente sufficiente a sostenere lo strumento industriale per l'intera vita operativa della flotta da 30 a 40 anni. Questa visibilità consente inoltre ai produttori di pianificare l'ammortamento dei propri investimenti in termini di infrastrutture, attrezzature di produzione e manodopera in modo sicuro nel tempo, migliorando così la performance di bilancio del programma. Intervenendo nell'ambito della legge finanziaria 2023 davanti all'Assemblea nazionale, il capo di stato maggiore della marina, ammiraglio Pierre Vandier, ha annunciato di avere intenzione, in futuro, di ispirarsi a questo approccio evolutivo ricorrente per le proprie navi.


Il resto di questo articolo è riservato agli abbonati

Gli articoli ad accesso completo sono disponibili nella sezione “ Articoli gratuiti“. Gli abbonati hanno accesso agli articoli completi di Analisi, OSINT e Sintesi. Gli articoli negli archivi (più vecchi di 2 anni) sono riservati agli abbonati Premium.

A partire da € 6,50 al mese – Nessun impegno di tempo.


Related posts

Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE