Dopo Slovacchia, anche Bulgaria e Romania si rivolgono all'F-16

Se Stati Uniti e Lockheed-Martin hanno registrato molti successi commerciali in Europa e nel mondo negli ultimi anni con l'F-35, mentre Austria, Repubblica Ceca e Spagna sono pronte ad unirsi ai 10 paesi europei che hanno già ordinato l'aereo o avviato in esclusiva trattative ufficiali con gli Stati Uniti sull'argomento, un altro aereo americano, sebbene progettato nei primi anni '70, continua ad essere esportato con successo: l'F-16, anch'esso costruito dalla Lockheed-Martin. Così, dal 2018, il caccia monomotore americano è stato acquisito da Marocco, Slovacchia e Taiwan secondo l'ultimo standard F-16V Block 70/72 dotato in particolare di un radar EASA, mentre diversi paesi, tra cui la Grecia, si sono impegnati a modernizzare le loro flotte a questo standard acquisendo kit di aggiornamento. Nei giorni scorsi è stata la volta della Bulgaria ad annunciare l'intenzione di ordinare F-16V in sostituzione dei suoi MIG-29, mentre la Romania ha annunciato l'acquisizione dalla Norvegia di 32 F-16 usati destinati ad evolversi insieme a 14 velivoli acquisiti dagli Stati Uniti in 2012, al fine di ritirare dal servizio i suoi ultimi MIG-21.

Per Sofia, questo annuncio conclude un controverso processo avviato nel 2013, quando il Paese ha avviato le consultazioni per l'acquisizione di F-16 usati da diversi operatori storici dell'aeromobile americano, come Belgio e Paesi Bassi. Nel 2016, però, l'instabilità politica del Paese ha avuto la meglio su questo processo e sono state avviate nuove trattative con altri partner, anche per cercare di acquisire Typhoon e F-16 di seconda mano, ma anche lo svedese Gripen. Nel 2017 sono proseguite le trattative intorno al Gripen svedese, mentre Boeing ha proposto il suo Super-Hornet e il parlamento bulgaro ha approvato una dotazione di 1,3 miliardi di euro per finanziare l'acquisizione di aerei da combattimento in sostituzione dei suoi Mig-29. , ma anche nuove motovedette navali .

l'aviazione bulgara allinea ancora una dozzina di Mig-29 e 7 Su-25

Alla fine, nel 2018, Sofia ha annunciato la sua decisione di acquisire 8 F-16V da Washington, ponendo fine a tutti gli ulteriori negoziati. Tuttavia, questa non era la fine di questo file di rimbalzo, Il presidente bulgaro Rumen Radev, lui stesso un ex pilota di caccia, ha posto il veto all'acquisizione degli 8 F-16 nel luglio 2019, giudicando la dotazione di bilancio eccessiva per il paese il cui PIL ha raggiunto il picco di 57 miliardi di dollari. Alcuni mesi dopo, questo ha cercato di avvicinarsi al KAI sudcoreano per acquisire il caccia leggero FA-50 Golden Eagle invece dell'F-16, il dispositivo è 3 volte più economico da acquistare rispetto al caccia americano. Infine, il 3 novembre, di fronte alla ricomposizione della minaccia in Europa orientale, i dissensi politici bulgari sono stati cancellati e il parlamento ha approvato a stragrande maggioranza (162 voti favorevoli, 49 contrari e 11 astenuti) l'ordine di 8 F-16V , con munizioni e pezzi di ricambio, per un importo totale di 1,3 miliardi di dollari, l'aereo sarà consegnato a partire dal 2027.


Il resto di questo articolo è riservato agli abbonati

Gli articoli ad accesso completo sono disponibili nella sezione “ Articoli gratuiti“. Gli abbonati hanno accesso agli articoli completi di Analisi, OSINT e Sintesi. Gli articoli negli archivi (più vecchi di 2 anni) sono riservati agli abbonati Premium.

A partire da € 6,50 al mese – Nessun impegno di tempo.


Related posts

Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE