Dopo Australia e Norvegia, anche la Svezia farà a meno dei suoi elicotteri NH90

A metà degli anni '80, Francia, Germania Federale, Paesi Bassi e Italia si impegnarono a co-sviluppare, nell'ambito di un progetto NATO, un nuovo elicottero medio destinato sia a sostituire le manovre di trasporto truppe con elicotteri, sia alla guerra antisommergibile specializzata dispositivi a bordo delle fregate. La Gran Bretagna si unì al programma nel 1987, ma, come al solito, si ritirò rapidamente per sviluppare il proprio aereo, il Merlin. Nel 1992 è stato creato il consorzio NHI (Nato Helcoptere Industry), che riunisce AgustaWestland (Future Leonardo) per l'Italia, Fokker per i Paesi Bassi e Airbus Helicopters per Francia e Germania. Nel 2001 è entrato a far parte del consorzio il Portogallo, seguito pochi mesi dopo da Finlandia, Svezia e Norvegia che hanno scelto il velivolo europeo per il programma NSHP (Nordic Standard Helicopter Project). Dotato di prestazioni avanzate, in particolare in termini di autonomia, comandi elettrici al collo e avionica molto moderna, l'elicottero ottenne successivamente diversi successi sulla scena internazionale, scelto in particolare da Australia e Nuova Zelanda, Grecia, Spagna, Oman e Qatar. Un totale di 566 velivoli sono stati ordinati da 14 paesi, di cui 418 in versione da trasporto terrestre e 148 in versione navale.

Nonostante questi successi commerciali, il programma europeo ha incontrato numerose difficoltà, in particolare con notevoli ritardi e costi aggiuntivi. Soprattutto diversi utenti si sono regolarmente lamentati della scarsa disponibilità dei propri dispositivi, nonché degli eccessivi costi di implementazione e proprietà, superiori ai 10.000 euro per ora di volo secondo diversi studi indipendenti, ovvero i costi di manutenzione di un aereo da combattimento come l'F -16. Inoltre, sembra che diverse forze armate abbiano incontrato notevoli difficoltà nella manutenzione dei propri aerei, come nella gestione delle scorte di pezzi di ricambio, nonché nell'ammodernamento degli elicotteri. Queste difficoltà hanno portato nel 2020 Belgio puis L'Australia ha annunciato il ritiro di alcuni dei suoi dispositivi, mentre nel giugno 2022, Oslo ha annunciato la sua decisione di restituire semplicemente tutti i 14 NH90 al consorzio NHI mentre sarebbero riusciti, secondo il Ministero della Difesa norvegese, a fornire solo il 40% del contratto operativo previsto.

Gli NH90 TTH belgi sono soggetti a restrizione d'uso e saranno probabilmente sostituiti entro il 2025

La serie nera per NHI sembra non avere fine. In effeti, in occasione della presentazione del nuovo Piano di investimenti e dotazioni della Difesa, il capo di stato maggiore delle forze armate svedesi ha annunciato, il 1 novembre, la decisione di Stoccolma di seguire le orme di Oslo e di separarsi dai 13 NH90 HKP14E schierati dall'esercito, oltre a 5 HKP14F specializzati nella guerra anti-sottomarino e implementati dalla Marina svedese. Il primo sarà presto sostituito dagli americani UH-60 Blackhawks, mentre il modello che sostituirà gli elicotteri da guerra antisommergibile non è stato ancora annunciato, anche se l'MH-60R Romeo è un grande favorito. La decisione svedese è motivata, secondo il generale Micael Byden, capo di stato maggiore delle forze armate svedesi, dai costi di ammodernamento richiesti da NHI in particolare per la versione da combattimento ASM, oltre che da grossi problemi di disponibilità e manutenzione, e molto elevati costo di proprietà. Pertanto, nel 2018, un rapporto della corte dei conti svedese ha stimato il prezzo per ora di volo della versione ASM dell'aereo a 242,000 corone, ovvero più di 25.000 euro, mentre le forze armate svedesi avevano già dovuto ordinare 15 UH-60 rispettare i tempi di consegna per gli aerei europei.


Il resto di questo articolo è riservato agli abbonati

Gli articoli ad accesso completo sono disponibili nella sezione “ Articoli gratuiti“. Gli abbonati hanno accesso agli articoli completi di Analisi, OSINT e Sintesi. Gli articoli negli archivi (più vecchi di 2 anni) sono riservati agli abbonati Premium.

A partire da € 6,50 al mese – Nessun impegno di tempo.


Related posts

Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE