L'esercito americano posticipa la produzione del suo Stryker DE M-SHORAD Guardian

Con armi ipersoniche e sistemi avanzati di comando e comunicazione al centro della dottrina JDAC2, le armi a energia diretta sono oggi una delle principali priorità del Pentagono e tutti gli eserciti americani sono impegnati nello sviluppo di molti di questi sistemi, siano essi ad alta -laser a energia o pistole a microonde, sia per proteggere le truppe di terra e le infrastrutture, sia per le navi da combattimento e persino gli aerei. Se la US Navy era stata a lungo in prima linea in questo settore, con il sistema Helios da 60 Kw, l'esercito americano ha compiuto negli ultimi anni uno sforzo molto significativo in questo settore, sviluppando contemporaneamente 4 programmi in questo settore : il fucile antidrone Jamming C-sUAS, il cannone a microonde IPFS-HPM per contrastare gli sciami di droni, il laser ad alta energia IFPC-HEL Valkyrie da 300 Kw e oltre per la protezione delle infrastrutture e il sistema mobile DE M-SHORAD Guardian per la protezione di unità di contatto, un laser autonomo da 50 Kw montato su un veicolo blindato Stryker che fornisce alimentazione e implementazione.

Le prime prove operative del Guardian sono iniziate a metà del 2021, e sembra aver mostrato risultati promettenti, al punto che l'esercito americano lo ha annunciato i primi sistemi di prova sarebbero stati consegnati già nel settembre 2022 a Fort Sill, in Oklahoma, per essere testato dalle unità operative. Va detto che all'interno delle unità dell'esercito americano le aspettative sono alte per questo tipo di sistema, particolarmente adatto a contrastare la minaccia dei droni leggeri di categoria 1, 2 o 3, ma anche munizioni vaganti e, in una certa misura, proiettili di mortaio e razzi (si parla poi del sistema C-RAM per Cruise-Racket Artillery and Mortar), area in cui l'esercito americano, come la stragrande maggioranza delle forze di terra occidentali, è particolarmente scarsamente dotato, e questo nonostante l'arrivo nei reparti del sistema IM-SHORAD montato anche su veicoli corazzati Stryker e dotato di un cannone da 30 mm oltre a missili Stinger e Hellfire per svolgere questa missione.

L'esercito degli Stati Uniti ha ordinato 144 sistemi M-SHORAD per fornire una protezione antiaerea ravvicinata per le sue unità da combattimento in attesa dell'arrivo di sistemi energetici diretti come il Guardian (nell'illustrazione principale)

Mentre la produzione industriale del Guardian doveva essere avviata inizialmente nel 2023 per l'entrata in servizio tra il 2024 e il 2025, l'esercito americano ha deciso di posticipare di almeno un anno l'entrata in servizio di questo sistema, nelle parole del tenente generale Rasch, al comando dell'Ufficio per le capacità rapide e le tecnologie critiche. Per l'ufficiale americano non si tratta qui di un arbitrato operativo, dato che il sistema ha dimostrato la sua efficienza e affidabilità durante le prove, ma di garantire che la risposta industriale attorno a questo programma sia ottimale e che gli impegni assunti dal i fornitori di servizi saranno effettivamente rispettati, in termini di scadenze e costi. Ovviamente l'esercito americano intende temporeggiare la prosecuzione di questo programma svolto a pieno regime, e avendo lasciato in basso le offerte industriali alternative a quella di Raytheon che sviluppa il Guardian, mentre le altre soluzioni erano state scartate una dopo l'altra .gli altri quando hanno riscontrato ulteriori ritardi.


Il resto di questo articolo è riservato agli abbonati

Gli articoli ad accesso completo sono disponibili nella sezione “ Articoli gratuiti“. Gli abbonati hanno accesso agli articoli completi di Analisi, OSINT e Sintesi. Gli articoli negli archivi (più vecchi di 2 anni) sono riservati agli abbonati Premium.

A partire da € 6,50 al mese – Nessun impegno di tempo.


Related posts

Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE