La Marina degli Stati Uniti conferma i suoi timori di un'annessione di Taiwan da parte di Pechino entro il 2027

Nel marzo 2021, il comandante in capo delle forze armate statunitensi del Pacifico, l'ammiraglio Phil Davidson, ha sbalordito il suo pubblico annunciando che, a suo avviso, era prevedibile che le autorità cinesi avrebbero avviato operazioni militari in vista dell'annessione dell'isola di Taiwan entro il 2027. Secondo l'ufficiale americano esisteva infatti una flagrante dicotomia tra la traiettoria presentata da Pechino secondo la quale la Cina sarebbe diventata una potenza militare mondiale entro il 2050, e la realtà dello sforzo osservato, che suggeriva un incrocio di curve tra gli Stati Uniti e la Cina molto prima. Inoltre, tenendo conto dei vantaggi della breve distanza che separa la costa cinese da quella di Taiwan, e dei progressi compiuti in termini di interdizione navale da parte delle forze armate cinesi, c'erano tutte le ragioni per ritenere che Pechino avrebbe avuto una finestra di opportunità operative anche prima della fine del decennio, cioè prima che gli effetti dei programmi di ammodernamento e di ampliamento delle forze americane intrapresi a partire dal 2017, possano effettivamente pesare sugli equilibri di potere.

Sembra che questa scadenza del 2027 sia ormai l'ipotesi di lavoro per l'intera US Navy. In effeti, il capo delle operazioni navali, l'ammiraglio Gilday, non disse altro durante il suo discorso a un simposio digitale organizzato dal Consiglio Atlantico. Secondo lui, tutto fa pensare che Pechino stia valutando un'azione militare contro Taiwan prima del 2027, ovvero la fine del nuovo mandato del presidente Xi Jinping. A sostegno delle sue previsioni, il CNO lo ha specificato La Cina aveva, finora, rispettato perfettamente il suo programma per l'ascesa al potere, e che nulla suggeriva che sarebbe stato diversamente negli anni a venire. E per aggiungere che questa scadenza del 2027 rappresentava una scadenza elevata, e che doveva anticipare una possibile offensiva cinese contro Taiwan oggi, e per tutto questo periodo.

L'ipotesi avanzata dall'ammiraglio Gilday è tutt'altro che priva di senso, anche se presuppone un'assunzione di rischio molto importante da parte della Cina. Infatti, oggi gli eserciti cinesi sono lontani dall'essere effettivamente in grado di portare a termine una vasta operazione anfibia contro Taiwan, e ancor meno una strategia di blocco navale, mentre la Marina cinese allinea solo una trentina di moderni cacciatorpediniere, altrettante fregate, presto tre portaerei e una decina di grandi navi anfibie, oltre a una quarantina di sottomarini.-moderni marinai. In termini di forze aeree, Pechino può contare su un migliaio di moderni caccia tra cui un centinaio di caccia J-20 di nuova generazione, ma meno di venti aerei di supporto (awacs, rifornimento in volo); mentre le sue forze di terra allineano una cinquantina di brigate operative, comprese 8 brigate anfibie. In ogni caso, queste forze sembrano insufficienti per svolgere un'operazione militare contro Taiwan, che dispone di notevoli difese con, in particolare, 350 moderni aerei da combattimento, 3000 veicoli corazzati e 300 sistemi di artiglieria mobile, e che potrebbe potenzialmente ricevere supporto dalle forze americane composto da due o tre gruppi da battaglia di portaerei, due gruppi anfibi e diverse centinaia di aerei da combattimento provenienti da basi in Giappone o Guam. Inoltre, diversi paesi della costa del Pacifico, tra cui Giappone e Australia, hanno annunciato la loro intenzione di partecipare alla protezione di Taiwan se necessario, offrendo potenzialmente maggiori mezzi alle forze americane.


Il resto di questo articolo è riservato agli abbonati

Gli articoli ad accesso completo sono disponibili nella sezione “ Articoli gratuiti“. Gli abbonati hanno accesso agli articoli completi di Analisi, OSINT e Sintesi. Gli articoli negli archivi (più vecchi di 2 anni) sono riservati agli abbonati Premium.

A partire da € 6,50 al mese – Nessun impegno di tempo.


Related posts

Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE