L'MQ-Next, futuro sostituto del drone MALE MQ-9 Reaper, prende forma per General Atomics

In servizio con 10 forze aeree, di cui 9 membri della NATO, il drone Medium Altitude Long Endurance MQ-9 Reaper della American General Atomics, è oggi il riferimento occidentale nel campo dei droni da combattimento di questa gamma. Capace di rimanere in aria per 15 ore ad una quota superiore a 7 km e a più di 300 km/h trasportando 4 missili aria-terra Hellfire o Brimstone, il Reaper è oggi una componente centrale delle operazioni svolte dagli eserciti occidentali, soprattutto sulle vaste distese dell'Africa e del Medio Oriente, sia per monitorare i movimenti di potenziali avversari sia per condurre colpi di opportunità. Dalla loro entrata in servizio, l'MQ-1 Predator e soprattutto il suo successore, l'MQ-9 Reaper, entrambi prodotti dalla General Atomics, hanno trasformato profondamente lo svolgimento delle operazioni militari nei cosiddetti teatri di bassa e media intensità. D'altra parte, non appena si è trattato di utilizzarli su aree contese con sistemi antiaerei, l'efficacia essenziale dei droni MALE è stata ampiamente minata.

Questo è stato particolarmente il caso durante la guerra civile libica che ha opposto le forze del governo di Tripoli a quelle del generale Haftar che controllava la regione di Bengasi. Con forze su entrambe le parti dotate di sistemi antiaerei SA-8 e SA-6 a corto e medio raggio, nonché sistemi più recenti come il Russian Pantsir, questi sistemi d'arma antiaerei hanno inferto duri colpi al Predator e ad altri Wing Loong cercando di monitorare le forze opposte da entrambe le parti. Persino il temuto Razziatore non è riuscito a manovrare in sicurezza sopra i cieli libici, come era avvenuto anche sopra la Siria alcuni mesi prima. La vulnerabilità degli attuali droni MALE e HALE non è tuttavia in alcun modo una scoperta recente per la US Air Force, che ha iniziato nel 2019 a sviluppare un sostituto dell'MQ-9 in grado di evolversi con precisione al di sopra degli spazi contesi presenti e futuri. . Questo programma, che attualmente risponde al nome in codice MQ-Next, punta all'entrata in servizio di questo nuovo modello di droni MALE tra il 2030 e il 2035, e intende avere capacità di gran lunga superiori a quelle degli attuali MQ-9.

L'arrivo di droni MASCHIO come l'MQ-9 Reaper ha offerto molte capacità finora fuori portata per le forze armate che li utilizzano, come qui per l'Air Force nel cielo del Mali.

Alla conferenza dell'Air Force Association del 2022, il progettista del Reaper e Predator, General Atomics, ha presentato la sua visione di quello che potrebbe essere il prossimo drone MALE MQ-Next della United States Air Force (nella foto principale). Ed è chiaro che, viste le ambizioni manifestate dal costruttore aeronautico americano, questa futura generazione di droni intende offrire un maggiore guadagno di capacità rispetto all'attuale generazione, ben oltre, ad esempio, quello che oggi porta la 5a generazione di combattimento aereo rispetto al 4°. In effetti, anche se la maggior parte della ricerca sull'argomento è ancora sotto il sigillo del segreto, General Atomics ha presentato alcune delle maggiori capacità del suo MQ-Next. Pertanto, il drone sarà progettato sotto forma di un'ala volante stealth in modo da ridurre il più possibile la superficie equivalente radar del dispositivo per consentirne l'uso al di sopra di spazi contesi. Allo stesso modo, l'equipaggiamento e gli armamenti saranno integrati nella cella o trasportati nella stiva per non degradare l'invisibilità della macchina. Sarà inoltre dotato di un nuovo sistema di propulsione elettrica ibrida che migliorerà le prestazioni del suo motore turbojet in modo da dargli un'autonomia di oltre 60 ore di volo, 4 volte in più rispetto al Reaper, a una velocità di crociera molto più elevata, offrendogli un'impareggiabile prestazioni in termini di portata dell'ordine di 35.000 km o più, consentendo potenzialmente all'MQ-Next di decollare dalle Hawaii, attraversare il Pacifico per svolgere una missione di sorveglianza di 20 ore nel cielo del Mar Cinese, prima di tornare alla sua punto di partenza, senza rifornimento o scalo, e nel modo più discreto.


Il resto di questo articolo è riservato agli abbonati

Gli articoli ad accesso completo sono disponibili nella sezione “ Articoli gratuiti“. Gli abbonati hanno accesso agli articoli completi di Analisi, OSINT e Sintesi. Gli articoli negli archivi (più vecchi di 2 anni) sono riservati agli abbonati Premium.

A partire da € 6,50 al mese – Nessun impegno di tempo.


Related posts

Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE