4 argomenti a favore dello sviluppo di un nuovo caccia francese Mirage

Indipendentemente dal fatto che giunga al termine o meno, il programma di velivoli da combattimento di nuova generazione SCAF che riunisce Germania, Spagna e Francia non vedrà la luce prima della fine degli anni 2040, e probabilmente anche all'inizio degli anni 2050, da l'ammissione di Eric Trappier, CEO di Dassault Aviation. Va detto che per il costruttore aeronautico francese, ma anche per il suo omologo tedesco Airbus DS, questa nuova data è tutt'altro che priva di significato. È infatti nel 2050 che si comincerà a prendere in considerazione la sostituzione di una maggioranza dei Rafale e Typhoon, ma anche degli F-35A venduti di recente. Tuttavia, lo SCAF Next Generation Fighter si evolverà in una gamma adattata alla sostituzione di questi velivoli, inizialmente il francese Rafale e il tedesco e spagnolo Typhoon durante il primo decennio, poi l'aereo esportato oltre. Ovviamente, per Dassault come per Airbus DS, non è interessante arrivare sul mercato troppo presto, a rischio di ripetere il fenomeno che ha dato la preferenza all'F-35A in molte competizioni, con l'argomento che Rafale e Typhoon fossero aerei progettati negli anni '80, dove l'F-35 fu progettato 20 anni dopo.

Tuttavia, se un tale calendario probabilmente soddisfa i produttori di aeromobili e i loro azionisti, soprattutto perché avranno una sufficiente attività industriale fino al 2040 producendo l'ultimo aeromobile ordinato e garantendo l'ammodernamento della flotta, ciò è molto più problematico per le forze aeree , in particolare per le Forze aeree e spaziali. In effetti, qualunque cosa possa dire Dassault Aviation, il Rafale, anche nelle sue future versioni iterative, non sarà in grado di mantenere una sufficiente ascesa tecnologica sui velivoli che entreranno in servizio entro la fine di questo decennio, senza nemmeno parlare delle opportunità di esportazione che probabilmente molto basso tra il 2030 e il 2050. In questo contesto, potrebbe essere rilevante, per l'aviazione francese, ma anche per l'intera industria aeronautica nazionale, sviluppare un dispositivo complementare al Rafale ma anche all'NGF/SCAF , posizionato in un tradizionale segmento di eccellenza nell'industria aeronautica della difesa francese, un caccia monomotore ad alte prestazioni erede della famosa famiglia Mirage. In questo articolo, studieremo questa ipotesi attraverso 4 argomentazioni complementari a favore di tale approccio.

1- L'arrivo di una nuova generazione di aerei da combattimento dal 2030

Ad oggi, sono ben 7 i programmi nel mondo volti a sviluppare, per il 2030, velivoli da combattimento di nuova generazione che offrano prestazioni almeno pari a quelle che ci si può aspettare dalle future versioni del Rafale. Si tratta, negli Stati Uniti, del programma NGAD della US Air Force che riguarda lo sviluppo di un caccia da superiorità aerea destinato a sostituire l'F-22 Raptor, dispositivo tuttavia considerato ancora oggi come il miglior aereo da combattimento del momento. Dotato di tecnologie molto avanzate e di un prezzo altrettanto elevato, è probabile che come l'F-22, l'NGAD non sia destinato ad essere offerto sulla scena internazionale, se non eventualmente a certi alleati molto privilegiati come Israele o il Giappone. Probabilmente non rappresenterà quindi un concorrente per il Rafale, né dal punto di vista commerciale né operativo, le possibilità che un NGAD si trovi di fronte a un Rafale sono molto limitate. Questo probabilmente non sarà il caso dell'F/A-XX della US Navy, il programma destinato a sostituire l'F/A-18 E/F Super Hornet, e che sarà probabilmente offerto per l'esportazione come il Super Hornet e l'Hornet prima di cio. Infine, l'F-35, e le sue evoluzioni probabilmente rimotorizzate da allora, continueranno ad imporsi su molti mercati.

Il KF-21 Boramae ha effettuato il suo primo volo all'inizio di luglio e dovrebbe entrare in servizio nel 2026

Tuttavia, i concorrenti più importanti, commerciali o operativi, del Rafale e dei suoi sviluppi oltre il 2030 probabilmente non saranno prodotti dall'altra parte dell'Atlantico. Si tratta di velivoli come il sudcoreano KF-21 Boramae, caccia medio con attributi della 5a generazione, che entrerà in servizio entro la fine del decennio, e il russo Su-57e, versione export del successore designato della famiglia Flanker. Altri programmi sono a diversi livelli di sviluppo, come il giapponese FX destinato a sostituire il Mitsubishi F-2, il turco T-FX se riesce a risolvere alcune criticità tecnologiche, o il russo Su-75 Checkmate, se effettivamente il programma in realtà è proseguito mentre l'industria della difesa russa, come l'intero Paese, sta sprofondando in gravi difficoltà. La Cina, dal canto suo, sta sviluppando il J-35, un caccia bimotore di quinta generazione basato su portaerei, più leggero e meno costoso del J-5, e che potrebbe fungere da base per la sostituzione del J-20 all'interno delle forze aeree dell'APL, e sarà infatti offerto per l'esportazione in un futuro relativamente prossimo.

Questi velivoli di nuova generazione ridurranno considerevolmente il progresso tecnologico e di capacità del Rafale dall'inizio degli anni '2030, anche se il velivolo francese è dotato di tecnologie avanzate in termini di fusione dei dati, impegno cooperativo e guerra multiuso. la probabile aggiunta di droni da combattimento dall'inizio del prossimo decennio. In altre parole, se il Rafale F4 allora F5 non verrà superato nel 2030 e nemmeno nel 2040, è probabile che non conferirà più alle forze aeree che lo implementano, marcati vantaggi tecnologici in termini di capacità nei confronti di questi nuovi dispositivi. In questo contesto, l'arrivo di un nuovo velivolo basato sulle caratteristiche che hanno decretato il successo della famiglia Mirage, ovvero un caccia monomotore ad alte prestazioni in grado di competere con i velivoli più avanzati del momento, non sarebbe solo aereo costringe a mantenere fino al 2050 e all'arrivo dell'NGF la famosa capacità di "entrare per primi", così spesso prospettata, ma anche alla Francia di posizionarsi in un segmento relativamente poco toccato dalla concorrenza, il sostituto F-16, Mirage 2000 e Mig -29, per i Paesi che non hanno i mezzi o la volontà di dotarsi di aeromobili più pesanti e costosi.

2- I limiti dello sviluppo del Rafale


Il resto di questo articolo è riservato agli abbonati

Gli articoli ad accesso completo sono disponibili nella sezione “ Articoli gratuiti“. Gli abbonati hanno accesso agli articoli completi di Analisi, OSINT e Sintesi. Gli articoli negli archivi (più vecchi di 2 anni) sono riservati agli abbonati Premium.

A partire da € 6,50 al mese – Nessun impegno di tempo.


Related posts

Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE