Per la US Air Force, ora è tutto F-35!

Solo 3 anni fa, su iniziativa dell'allora direttore delle acquisizioni, il dottor Will Roper, la US Air Force si stava imbarcando in un approccio industriale molto audace, sulla base di programmi brevi e limitati, maggiore concorrenza tra i produttoriE cicli di vita ridotti per i suoi materiali volanti. Questo modello aveva sedotto anche lo stato maggiore americano, che vedeva in essa i mezzi per risolvere i suoi problemi di costi relativi relativi all'implementazione di una flotta di F-35 oltre le 1200 unità, affidandosi a velivoli meno avanzati ma con prestazioni più idonee come l'F-15EX di Boeing, o nuovi velivoli meno costosi dell'aereo Lokcheed-Martin ma in grado di prendere il posto degli F-16 attualmente in servizio, e che sarebbero stati sviluppati nell'ambito del programma NGAD. Con il cambio di amministrazione in seguito all'elezione di Joe Biden, tutti questi approcci furono scartati, a volte senza tante cerimonie, dal nuovo Segretario dell'Aeronautica Militare, Frank Kendall.

Non si trattava così rapidamente di fare del programma NGAD il ricettacolo tecnologico di molteplici e iterativi sviluppi, come proposto da Roper, ma di attenersi all'approccio tradizionale dell'Air Force, ovvero lo sviluppo di un complesso molto complesso e molto costoso dispositivo top di gamma, destinato a sostituire, entro l'inizio del prossimo decennio, l'F-22 Raptor. Quanto a un eventuale sostituto dell'F-16 assumendo i crismi della 5a generazione, ma senza i vincoli di manutenzione dell'F-35, l'idea svanì proprio il giorno della nomina di Kendall al suo incarico da parte di Joe Biden. Quest'ultimo aveva infatti annunciato, nel corso della sua audizione al Senato prima della nomina, che secondo lui l'F-35 era la soluzione d'elezione per l'Aeronautica americana, e che i problemi di costo di proprietà posti innanzi dagli studi ma anche dalla stessa US Air Force, troverebbero le loro risposte aumentando le dimensioni della flotta.

La sostituzione dell'F-22 dovrà iniziare all'inizio del prossimo decennio, con gli apparati progettati nell'ambito del programma Next Generation Air Dominance o NGAD

Da allora, era iniziata una silenziosa resa dei conti tripartita tra lo staff dell'aeronautica americana da un lato, Franck Kendall dall'altro, e con il Congresso americano come arbitro. Pertanto, negli ultimi due anni, il Pentagono ha chiesto un calo degli ordini per l'F-35A, ma anche un aumento degli ordini per l'F-15EX, ritenuto l'aereo più adatto a soddisfare le esigenze immediate, in particolare nel Pacifico . Pertanto, nel 2023 verranno ordinati solo 33 F-35A, oltre a 24 F-15EX, mentre il tasso di rinnovo della flotta richiede una tariffa di 76 nuovi aeromobili consegnati all'anno, se non altro per mantenere il formato della caccia dell'aeronautica americana 1800 aerei. Ma sembra che in questo contrasto maculato, la politica stia prendendo il sopravvento sulle operazioni. Infatti, a giudicare da le ultime dichiarazioni di Franck Kendall, ma anche del tenente generale Moore che ha recentemente assunto la carica di chief planning officer dell'Air Force, come quelli di Andrew Hunter, il sostituto di Will Roper, sembra che il futuro per l'Air Force sarà quello di aumentare massicciamente gli ordini e la flotta di F-35A.


Il resto di questo articolo è riservato agli abbonati

Gli articoli ad accesso completo sono disponibili nella sezione “ Articoli gratuiti“. Gli abbonati hanno accesso agli articoli completi di Analisi, OSINT e Sintesi. Gli articoli negli archivi (più vecchi di 2 anni) sono riservati agli abbonati Premium.

A partire da € 6,50 al mese – Nessun impegno di tempo.


Related posts

Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE