LPM 2023: 5 Quickwin tecnologici per rafforzare gli eserciti francesi di fronte all'Alta Intensità

Giungiamo alla conclusione di questa serie di articoli dedicati ai temi, ai rischi e alle opportunità che inquadrano il disegno della prossima Legge di Programmazione Militare. Nei giorni scorsi, attraverso la voce del ministro delle Forze armate Sebastien Lecornu, sono emerse alcune piste sugli obiettivi prioritari di questa LPM, come il raddoppio della riserva operativa (Ipotesi 1 dell'articolo "L'"Esercito al bivio"), e come la riorganizzazione dello sforzo industriale al fine di rafforzare l'autonomia strategica del paese. È ovvio che la più grande incognita, ad oggi, resta l'organizzazione, il finanziamento e la portata di questo sforzo, temi che nelle settimane e nei mesi a venire susciteranno numerosi dibattiti e commenti. Tuttavia, al di là di questo sforzo globale sostenuto nel tempo, ci sono opportunità tecnologiche all'interno degli eserciti francesi che permetterebbero di aumentare significativamente le capacità di ingaggio in un contesto ad alta intensità, con costi e ritardi ridotti, compatibili con gli obiettivi e i mezzi a breve termine che probabilmente avranno.

In questo articolo analizzeremo 5 di queste opportunità qualificate come quickwin, cercando di valutarne l'efficacia attraverso un unico indicatore, l'Operational Multiplier Coefficient o CMO, una sintesi dei benefici operativi attesi rispetto agli investimenti richiesti: un hard- sistema di protezione dalle uccisioni per il carro armato Leclerc, un sistema CIWS per navi francesi, un Rafale da guerra elettronica, un drone da combattimento subacqueo, nonché l'evoluzione del sistema di lancio missilistico verticale SILVER.

Sistema di protezione Hard-Kill per serbatoio Leclerc CMO x3

Che ci piaccia o no, è più che probabile che l'esercito avrà solo un numero limitato di carri armati nei prossimi 15 anni. Nel migliore dei casi, come detto sopra, può sperare di schierare 270 di questi veicoli corazzati, cioè un'allocazione quasi 3 volte inferiore per divisione rispetto all'esercito polacco o americano. In assenza di un programma provvisorio, o dell'acquisizione immediata di un modello straniero, non c'è alternativa ovvia a questa debolezza dimensionale in termini di impegno ad alta intensità, come hanno ampiamente dimostrato i combattimenti in Ucraina. Tuttavia, come la Germania ou della Gran Bretagna Di fronte agli stessi vincoli, l'esercito potrebbe ricorrere a una soluzione tecnologica efficace per compensare questa debolezza, sistemi di protezione attiva Hard-kill, come il famoso Trofeo israeliano e Iron Fist, o ADS e TAPS tedeschi. Questo sistema permette di intercettare con grande efficienza minacce dirette rivolte al carro armato, come razzi e missili anticarro, nonché proiettili a bassa velocità iniziale come proiettili di carica sagomati. Pertanto, durante il loro primo dispiegamento in combattimento nel 2011 nei territori occupati della Palestina, i carri armati israeliani Merkava dotati del sistema Trophy non hanno registrato perdite in combattimento, anche se i loro APS avevano intercettato decine di razzi e missili anticarro che avrebbero gravemente danneggiato o distrutto i veicoli blindati presi di mira.

I Merkava Mk-IV israeliani sono tutti equipaggiati con i sistemi Trophy. Nota i radar su entrambi i lati della torretta

Gli APS attuali come il Trophy o l'Iron Fist, tuttavia, non possono intercettare tutte le minacce. Pertanto, i missili con una traiettoria in picchiata, munizioni vaganti, proiettili di artiglieria pesante e proiettili di frecce sparati da un altro carro armato, rimangono fuori portata di questi APS, almeno nella loro versione attuale. Tuttavia, il più importante conflitto ad alta intensità degli ultimi 30 anni, la guerra in Ucraina, ha dimostrato che la maggior parte dei carri armati e dei veicoli da combattimento della fanteria, russi o ucraini, sono stati distrutti da missili anticarro e razzi in un fuoco teso , proprio quelli contro i quali gli Hard Kill APS sono più efficaci. Inoltre, le versioni più recenti di Hard-kill APS offrono capacità di protezione contro minacce in caduta libera come il missile anticarro Javelin o le munizioni vagabonde. Come tale, Il prototipo KF51 Panther di Rheinmetall è dotato di un sistema di difesa attiva APS Hard-kill contro il fuoco a distanza e le minacce cinetiche (compresi i proiettili di frecce), nonché il Top Attack Protection System (TAPS) hard-kill per le minacce in caduta libera. Così equipaggiato, il carro armato vede crescere considerevolmente la sua capacità di sopravvivenza.

Il KF51 Panther di Rheinmetall è dotato di un APS Hard-Kill altamente evoluto, basato su ADS per contrastare le minacce cinetiche e TAPS per le minacce in immersione

L'attuale sistema del Trofeo israeliano offre un guadagno minimo di sopravvivenza di 2, poiché almeno un carro su due in Ucraina è stato distrutto da munizioni contro le quali il Trofeo sarebbe stato efficace. Inoltre, l'installazione del Trofeo su un veicolo blindato esistente costa in media 4 milioni di dollari, sia per il Leopard 2A7 che per il Challenger 3. Nel caso del Leclerc, l'Operational Multiplier Coefficient o CMO sarebbe quindi 2 (guadagno di sopravvivenza) x 12(prezzo unitario del serbatoio in m$)/(12 (prezzo unitario del serbatoio in m$)+4(prezzo Trofeo installato), ovvero un moltiplicatore di 1,5, 1 serbatoio equipaggiato con il Trofeo equivale quindi a 1,5 serbatoi senza di esso. D'altra parte, questa visione vale solo per ciò che riguarda la differenza tra un nuovo carro armato dotato del Trofeo e un nuovo carro armato che non ne sarebbe dotato. Nel caso degli eserciti francesi, essendo i carri armati già costruiti e finanziati, non si tratta di finanziare due volte lo stesso carro armato. In altre parole, equipaggiare i 200 carri armati francesi Leclerc destinati alla conversione MLU con sistemi Hard-Kill, darebbe una flotta da combattimento equivalente di 400 carri armati (+200 carri armati / sopravvivenza x2) al prezzo di 66 serbatoi aggiuntivi (200×4/12), o un CMO di 200/66.66 = 3.

Sistema di protezione missilistica per navi da combattimento CIWS – CMO x4

I sistemi di protezione ravvicinata delle navi da combattimento, o CIWS, sono l'equivalente navale dei sistemi hard-kill corazzati. Questi possono essere sistemi missilistici a corto raggio come il SeaRam, sistemi automatici di artiglieria leggera come il Phalanx o sistemi misti come il Pantsir navale russo. Questi sistemi hanno la funzione di intercettare le minacce che avrebbero violato le difese a lungo e medio raggio delle navi da combattimento, in particolare per contrastare i missili antinave. Tutte le principali marine del pianeta equipaggiano le loro principali navi di superficie da combattimento con questo tipo di protezione, dagli Stati Uniti alla Cina, dalla Russia alla Grecia. Pertanto, i 3 FDI greci ordinati da Naval Group differiscono dalla versione francese in due aspetti: l'aggiunta di 2 sistemi Sylver 50 per ricevere 16 missili antiaerei Aster 30 aggiuntivi e un sistema CIWS SeaRam sul retro della tuga. Perché infatti, ad oggi, gli edifici della Marina Militare francese non dispongono di sistemi CIWS.

Gli IDF greci saranno dotati di un sistema CIWS SeaRAM per la protezione missilistica ravvicinata

Il resto di questo articolo è riservato agli abbonati

Gli articoli ad accesso completo sono disponibili nella sezione “ Articoli gratuiti“. Gli abbonati hanno accesso agli articoli completi di Analisi, OSINT e Sintesi. Gli articoli negli archivi (più vecchi di 2 anni) sono riservati agli abbonati Premium.

A partire da € 6,50 al mese – Nessun impegno di tempo.


Related posts

Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE