LPM 2023: 5 opportunità di capacità per preparare gli eserciti francesi all'alta intensità

Sta per concludersi la serie di articoli dedicati alla Legge di Programmazione Militare 2023. Finora abbiamo affrontato molti argomenti, sia strategici, come il futuro del formato dell'esercito globale ereditato dal generale de Gaulle, sia argomenti puramente tecnici, come l'opportunità di fornire alla Marina francese marinai a propulsione subconvenzionale accanto ai suoi SNA. Se questi articoli hanno permesso di presentare in modo relativamente esauriente la posta in gioco ma anche i vincoli che si applicheranno a questo LPM, gli ultimi due articoli che concluderanno questa serie, trattano, da parte loro, di potenziali Quickwin, capacità su un tecnologico dall'altro, atto a fornire agli eserciti significativi benefici operativi in ​​termini di ingaggio ad alta intensità, a costi significativamente inferiori a quelli cui sono soggetti per sviluppare capacità simili, e con tempi compatibili con l'esecuzione del Legge di programmazione.

Questo primo articolo tratta delle abilità di Quickwins, perdonate l'anglicismo, ma non c'è quasi un termine nella lingua francese in grado di scrivere questa nozione di vittorie rapide e con sforzo limitato, che può essere caratterizzata dal rispetto di 3 criteri rigorosi, vale a dire un guadagno di capacità superiore al 20% rispetto a quello esistente, un costo inferiore al 35% del prezzo standard, e tempi di attuazione inferiori a 7 anni, consentendo così un guadagno di capacità prima del 2030. Questo articolo non esaustivo ne ha individuati 5 Quickwins, relativo alla flotta di caccia dell'Aeronautica Militare, alla flotta di pattugliamento marittimo e di superficie della Marina francese, nonché alla flotta di carri armati ed elicotteri da combattimento dell'esercito, tutti fortemente influenzati dall'evoluzione della minaccia di ingaggio ad alta intensità.

1- Portare la flotta di carri armati Leclerc dell'esercito a 270 unità

La Legge di programmazione militare 2019-2025, riprendendo lo schema emanato dal Libro bianco del 2014, prevede, ad oggi, di modernizzare solo 200 carri armati Leclerc per costituire la forza d'attacco delle unità terrestri francesi almeno fino al 2035 e all'arrivo dei primi corazzati veicoli del programma MGCS. Tuttavia, questo numero costringerà l'esercito a ridurre il personale dei suoi 4 reggimenti di carri armati che armano le 2 divisioni francesi, vale a dire il 1° reggimento di cacciatori di Thierville-sur-Meuse in Lorena, il 501° reggimento di carri armati di Mourmelon-le-Grand, il 12° Reggimento Cuirassier di Olivet, e il 5° Reggimento Dragoni di Mailly-le-Camp, oltre a rimuovere l'assegnazione di 15 Leclerc al 5° Reggimento Cuirassier posizionato negli Emirati Arabi Uniti. Per equipaggiare questi 4 reggimenti con i 60 carri armati Leclerc di cui hanno bisogno, e per preservare la dotazione del 5° reggimento Cuirassier da un lato, e del 1° reggimento Chasseurs de Canjuers africano che addestra gli equipaggi, l'esercito non avrebbe bisogno di 200 carri armati, ma 270 Leclerc modernizzati. Tuttavia, questa esigenza potrebbe essere soddisfatta facilmente e ad un costo inferiore.

Il Leclerc rimane un carro armato da combattimento molto mobile ed efficace, anche contro i carri armati più moderni.

In effetti, l'esercito era ancora allineato all'inizio degli anni 2010, 356 carri armati Leclerc. A parte le 220 copie ancora in servizio, le 136 copie sono state messe fuori servizio. Come spesso in questo caso, sono stati utilizzati per molte scorte di pezzi di ricambio, soprattutto perché gli anni 2010 sono stati caratterizzati da budget affamati e tutt'altro che una pressione operativa trascurabile. Tuttavia, ad oggi, una cinquantina di questi carri armati potrebbero effettivamente essere portati fuori dalla loro riserva e, previa riorganizzazione tecnica e ammodernamento dell'MLU, potrebbero benissimo arrivare a completare l'inventario dei reggimenti di carri armati francesi. In totale, i 50 carri armati conservati, così come le 20 unità ancora in servizio, rappresenterebbero un aumento di capacità del 35% per l'Esercito in questa zona chiave per l'alta intensità. Gli investimenti necessari per un tale aggiornamento dovrebbero rappresentare, dal canto loro, tra 3 e 4 m€ per veicolo blindato, ovvero il 35% del prezzo di un Leclerc modernizzato, se davvero questa nozione ha senso poiché è impossibile per la Francia produrre nuovo Leclerc per molti anni e lo smantellamento della linea di produzione. Infine, il lavoro necessario potrebbe essere svolto senza grandi difficoltà durante il prossimo LPM, ovvero prima del 2030, rispettando così la definizione data inizialmente a Quickwin.

2- Acquisire l'Emirati Mirage 2000-9 per l'Air and Space Force


Il resto di questo articolo è riservato agli abbonati

Gli articoli ad accesso completo sono disponibili nella sezione “ Articoli gratuiti“. Gli abbonati hanno accesso agli articoli completi di Analisi, OSINT e Sintesi. Gli articoli negli archivi (più vecchi di 2 anni) sono riservati agli abbonati Premium.

A partire da € 6,50 al mese – Nessun impegno di tempo.


Related posts

Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE