LPM 2023: una traiettoria già tracciata per l'Air and Space Force?

Durante gli anni 2000 e fino al 2015, l'Aeronautica Militare francese, che da allora è diventata l'Aeronautica Militare e Spaziale, è stata in gran parte privilegiata, e talvolta invidiata, rispetto agli altri eserciti. Ha infatti catturato, da solo, quasi la metà dei crediti per equipaggiamenti dedicati ai Programmi con effetti maggiori, costringendo sia l'Esercito che la Marina a rivedere alcuni dei loro programmi riducendo i volumi e dispiegando i calendari. Questa situazione non era tanto dovuta alla preferenza del governo oa una forma di lobbying, quanto a forti vincoli industriali. Occorreva infatti allora per mantenere in attività la catena di montaggio del Rafale che allora non veniva esportata ed era lontana dal raggiungere tale unanimità come oggi, anche all'interno della classe politica dirigente, produrre 11 apparecchi all'anno. E spettava all'Air Force acquisire la maggioranza. Allo stesso tempo, Parigi ha dovuto rispettare i suoi impegni europei nell'ambito del programma A400M, anch'esso particolarmente costoso e soggetto a eccessi. Questi due programmi rappresentavano quasi 2 miliardi di euro all'anno di investimento, ovvero la metà dei 5 miliardi di euro poi destinati a programmi con effetti importanti, nell'ambito di uno sforzo ampiamente sottofinanziato durante questo periodo.

Tuttavia, questi crediti, presi in valore assoluto, erano ben lontani dal consentire all'Aeronautica di modernizzare in modo significativo le sue forze, o di assumere un ruolo significativo in questo settore. Pertanto, nel 2015, poteva operare solo un centinaio di Rafale, mentre a quella data erano stati consegnati solo 3 A400M e le flotte Jaguar e Mirage F1CT/CR erano state ritirate dal servizio nel 2005 e nel 2014. L'ultimo Mirage 2000N è stato che lascerà il servizio nel 2018. Come per l'ultimo C160 Transall, lascerà il servizio nel 2022. Oggi, infatti, questa forza aerea critica in Occidente, che ha in particolare una componente di deterrenza, e che è stata ampiamente utilizzata in tutte le teatri operativi al di sopra dei quali operavano gli eserciti francesi, è gravemente sottocapacitato, come ha sottolineato il suo capo di stato maggiore, il generale Mille, durante la sua ultima audizione davanti al Comitato di difesa dell'Assemblea nazionale, stimando che al suo esercito mancavano, per la sola componente caccia, 40 velivoli per affrontare le sfide a breve e medio termine. Spetterà quindi alla prossima legge di programmazione militare, che entrerà in vigore nel 2023, soddisfare queste esigenze, tutt'altro che sopravvalutate.

Un format già insufficiente nel 2014

L'attuale formato dell'Air and Space Force è stato definito nell'ambito del Libro bianco redatto nel 2014 a seguito dell'elezione di François Hollande alla carica suprema. Contrassegnato fin dalla sua concezione da una critica sottovalutazione delle minacce, anche immediate, questo documento quadro prevedeva di fornire all'Aeronautica una flotta di 185 aerei da combattimento, 50 aerei da trasporto pesante e 12 velivoli cisterna, per citare solo i più flotte significative. Scritto nel 2013, il Libro bianco era obsoleto ancor prima di essere presentato pubblicamente nell'aprile 2014, quando gli eserciti francesi sono intervenuti in Mali nell'ambito dell'operazione Serval a partire da gennaio 2014, appena un mese dopo l'inizio dell'operazione Sangaris nella Repubblica Centrafricana . Un mese dopo, gli eserciti russi si impadronirono militarmente della Crimea ucraina, segnando l'inizio di una crisi che oggi condiziona gli sforzi di difesa di tutta l'Europa. Tuttavia, le autorità francesi non hanno modificato il presente Libro bianco o la sua traiettoria di bilancio e di capacità evidentemente insufficiente dopo la sua pubblicazione, nonostante gli sviluppi significativi nel contesto della sicurezza internazionale. C'è voluto anche l'intervento forte e determinato del ministro della Difesa, Jean-Yves le Drian, nonché dei 4 capi di stato maggiore dell'epoca, per impedire al governo socialista di spingersi ancora oltre nel formato e nei numeri delle riduzioni.

Per mantenere in funzione la linea di produzione Rafale, l'Aeronautica Militare ha ordinato 11 aeromobili all'anno fino al 2015, e la firma dei primi contratti di esportazione

Resta il fatto che il format poi definito per l'Aeronautica Militare, come per gli altri due eserciti, resta il riferimento in termini di pianificazione, essendo questo stato posto in particolare come base inamovibile di lavoro in sede di redazione della Rivista Strategica. 2017, come durante la sua revisione del 2021, e questo, anche se era ovvio che questo formato non è stato nemmeno sufficiente a sostenere la pressione operativa delle operazioni esterne francesi negli ultimi anni. Inoltre, mentre le consegne degli A400M e A330 MRTT sono proseguite oltre il 2015, quelle del Rafale sono state sospese con la firma dei primi contratti di esportazione, consentendo in particolare di rilasciare crediti per finanziare altri programmi critici come Scorpion for the Army, o la sostituzione di SNA, fregate e petroliere della Marina francese. Non solo l'Air Force non ha più ricevuto Rafales tra il 2016 e il 2022, ma allo stesso tempo ha dovuto ritirare dal servizio i suoi Mirage 2000N, poi i suoi Mirage 2000C, mentre 24 dei suoi Rafales sono stati prelevati da esso per essere esportati di seconda mano in Grecia e Croazia. Infatti, oggi, la flotta di caccia francese è composta da 96 Rafale B e C, di cui una ventina sono dedicati alla missione di deterrenza e 3 all'addestramento, 28 Mirage 2000-5, oltre a 66 Mirage 2000D, meno di 200 dispositivi, di cui ne ha allineati 380 all'inizio degli anni 2000.

La flotta da trasporto tattico non sta molto meglio, con 19 A400M Atlas che operano insieme a 18 C-130 Hercules e 27 CN-235 da trasporto tattico leggero, dove prima ha schierato più di 80 C160 Transall. Alla fine, solo la sua flotta di velivoli cisterna ha visto il suo formato mantenuto, le 15 stratotanker KC-135 acquisite negli anni '60 dagli Stati Uniti dovettero essere sostituite da 15 A330 MRTT Phoenix, un aereo molto più efficiente. En revanche, la flotte de satellites militaires français, désormais sous le controle de l'Armée de l'Air devenue Armée de l'Air et de l'espace, s'est considérablement accrue, avec l'arrivée des satellites de reconnaissance optique NCO (2 satellites), Pléiades (2 unités) et Pléiades Neo (4 satellites), ainsi que les satellites de renseignement électromagnétiques Elisa et CERES (7 satellites), et de satellites de communication avec les 3 satellites du système Syracuse IV et 2 satellites franco -italiani. L'Aeronautica, infine, ha acquisito 12 droni Male MQ-9A Reaper, a cui si aggiungeranno i 6 sistemi Euromale attualmente in fase di progettazione, ed è stato incaricato del controllo della difesa antiaerea a lungo raggio, finora di competenza dell'Esercito, e utilizza 6 batterie SAMP/T Mamba, ovvero il 2% del numero di batterie S300-400 in Russia.

l'arrivo dell'MQ9A Reaper ha svolto un ruolo importante nel supporto aereo fornito dall'Air Force alle forze francesi impegnate in Mali nell'ambito dell'Operazione Barkhanne

Tuttavia, e sebbene per molti aspetti l'Aeronautica abbia ancora un formato superiore a quello previsto dal Libro bianco del 2014, l'esperienza ha dimostrato senza il minimo dubbio che è gravemente sottocapacità, anche se allora si trattava solo di supportare i militari azioni al di sopra dei teatri di bassa o media intensità, come nell'Africa subsahariana e nel Levante. Infatti, l'effetto cumulativo di un uso intenso delle risorse aeree nelle operazioni esterne ha comportato un consumo molto rapido del potenziale aeronautico, logoramento legato ai programmi di ammodernamento, e una flotta sottodimensionata, ha portato a un crollo dei tassi di disponibilità per tutte le flotte, accentuato, è vero, da una scarsa organizzazione della manutenzione, in parte legata alla gestione di parti just-in-time incompatibili con la realtà operativa. Tuttavia, se 200 velivoli da combattimento non bastano a supportare un'attività operativa a supporto di poche operazioni esterne a bassa intensità, è chiaro che questo format non sarà sufficiente a supportare nel tempo un'azione ad alta intensità a beneficio dei francesi eserciti. o alleati.

Vicoli ciechi di capacità critica


Il resto di questo articolo è riservato agli abbonati

Gli articoli ad accesso completo sono disponibili nella sezione “ Articoli gratuiti“. Gli abbonati hanno accesso agli articoli completi di Analisi, OSINT e Sintesi. Gli articoli negli archivi (più vecchi di 2 anni) sono riservati agli abbonati Premium.

A partire da € 6,50 al mese – Nessun impegno di tempo.


Related posts

Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE