Erdogan mobilita il suo elettorato nazionalista minacciando la Grecia con un attacco senza preavviso

Per un po', è sembrato che il presidente turco RT Erdogan stesse cercando di riscattare la sua verginità nei confronti dei suoi partner della NATO e degli Stati Uniti dopo che la Russia ha attaccato l'Ucraina. Inizialmente ferma con Mosca, Ankara ha sostenuto in particolare la difesa ucraina fornendo droni TB2 Bayraktar, che sono diventati rapidamente uno dei simboli della resistenza del paese, e chiudendo lo stretto che porta al Mar Nero per impedire alla Marina russa di trasferirvi navi. Allo stesso tempo, la Turchia stava facendo pressioni su Washington e sulla Casa Bianca per autorizzare l'acquisizione di nuovi caccia F-16 e kit di modernizzazione per i propri aerei, nonché per poter acquisire nuovamente turbine ed elicotteri per la propria industria. Successivamente, quando Finlandia e Svezia hanno chiesto di aderire alla NATO, il presidente turco ha posto il veto, ufficialmente per portare Stoccolma ed Helsinki a inasprire le loro posizioni contro i militanti curdi che si sono rifugiati in questi paesi, ma anche per portare Washington a cedere sulla questione degli armamenti.

Sfortunatamente per il leader turco, ilIl Congresso degli Stati Uniti non sembra essere propenso a cedere rapidamente sull'argomento, mentre al contempo quest'ultimo affronta con il suo partito un calo significativo dei sondaggi a pochi mesi dalle prossime elezioni legislative e presidenziali nel Paese. Incapace di rivoltarsi contro il nemico curdo in territorio siriano come aveva precedentemente annunciato, mentre la Russia è già sotto tiro con l'Occidente, sembra che RT Erdogan abbia deciso di rilanciare una dinamica di tensione con la vicina Grecia, interrompendo innanzitutto le discussioni bilaterali a maggio, poi annunciando la ripresa delle esplorazioni minerarie nel Mar Egeo, e moltiplicando le incursioni aeree nella zona di identificazione aerea sotto il controllo greco, mentre accusava Atene di provocazione facendo intervenire il suo caccia e la sua difesa antiaerea. L'ultima argomentazione fino ad oggi, le autorità turche hanno denunciato la rimilitarizzazione delle isole greche del Mar Egeo confinanti con le sue coste, come l'isola di Lesbo, e il presidente Erdogan di aver minacciato direttamente Atene con un possibile attacco militare senza preavviso per rappresaglia, utilizzando forte simbolo nazionalista per questo, in particolare la battaglia di Smirne che vide una vittoria turca sulle forze greche nel 1922.

Giù nelle urne e a pochi mesi dalla scadenza delle elezioni nazionali, il presidente Erdogan si rivolge al suo elettorato nazionalista riaccendendo le tensioni con Atene

Va detto che le elezioni presidenziali e legislative del 2023 stanno andando male per il presidente Erdogan e il suo partito AKP. Dato oltre il 45% nei sondaggi a metà del 2021, il partito è caduto oggi tra il 30 e il 35% delle intenzioni di voto, avendo perso in particolare gran parte dei membri della gioventù turca. Allo stesso tempo, il principale partito di opposizione kemalista, il CHP, ha approvato l'intenzione di voto del 30%, avendo persino superato temporaneamente l'AKP ad aprile, prima che Erdogan rianimasse le tensioni con Atene. Non potendo vantare né una grande vittoria simbolica nell'ambito della NATO, né di aver fatto piegare Washington sugli F-16, è necessario che il presidente turco si affidi al suo elettorato nazionalista per cercare di invertire la tendenza, mentre l'inflazione è in il Paese resta al galoppo, avendo superato l'80% ad agosto, e la disoccupazione resta molto alta, soprattutto per i giovani sopra il 20%.


Il resto di questo articolo è riservato agli abbonati

Gli articoli ad accesso completo sono disponibili nella sezione “ Articoli gratuiti“. Gli abbonati hanno accesso agli articoli completi di Analisi, OSINT e Sintesi. Gli articoli negli archivi (più vecchi di 2 anni) sono riservati agli abbonati Premium.

A partire da € 6,50 al mese – Nessun impegno di tempo.


Related posts

Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE