L'industria della difesa russa alle prese con la pressione operativa in Ucraina

Dall'inizio dell'aggressione russa contro l'Ucraina, molte fonti hanno fatto eco alle gravi difficoltà incontrate dall'industria della difesa russa. Indipendentemente dal fatto che siano contestati o meno, è chiaro che gli schieramenti di equipaggiamento militare russo in Ucraina tendono a rientrare nella gamma tecnologica, e non il contrario. Pertanto, se durante le prime settimane di conflitto le perdite russe documentate in termini di carri armati hanno riguardato principalmente modelli recenti come il T-72B3obr1989 o obr2016, e il T80BV e BVM, le osservazioni di distruzione del T-72A sono aumentate da Aprile, poiché le perdite di carri armati moderni sono diminuite. Da giugno, abbiamo anche visto la comparsa di T62M, prima sui social network poi in inventari distrutti o danneggiati, mentre si supponeva che questi carri armati fossero stati ritirati dal servizio più di dieci anni fa. La situazione è la stessa in molte aree, con il ritorno di vecchi sistemi di artiglieria come il Tulpan, o munizioni aria-terra datate, come il KH-22. Infine, le intercettazioni di comunicazione tra soldati russi, che valgono quel che valgono, sembrano anche indicare che ora stanno lottando per ricevere una sanzione in dotazione di munizioni, o semplicemente per equipaggiare adeguatamente le nuove reclute.

In questo contesto, informazioni rivelate dal New York Times, secondo cui Mosca avrebbe negoziato con Pyongyang l'acquisizione di un ingente stock di munizioni di artiglieria da 152 mm e razzi da 122 mm, sistemi estremamente rustici e non guidati, tende a rafforzare la convinzione che l'industria della difesa incontrerebbe oggi notevoli difficoltà nel soddisfare le esigenze del forze impegnate in Ucraina. Tuttavia, se l'osservazione è poco contestata, anche se non costituisce in alcun modo una tendenza trasponibile in un certo modo in vantaggio o in debolezza sul terreno, le ragioni addotte per spiegare questa situazione, sono dal canto loro molto numerose, a volte antagonisti tra loro, e il più delle volte soffrono di una visione più globale.

La Russia avrebbe ordinato un grande stock di munizioni di artiglieria da 152 mm e razzi da 122 mm dalla Corea del Nord secondo il New York Times

In primo luogo, è utile osservare quanto fosse efficiente e produttiva questa industria nei mesi e negli anni precedenti il ​​conflitto. Pertanto, l'industria della difesa è stata la principale attività industriale secondaria del paese nel 2021, impiegando tra 2,5 e 3 milioni di dipendenti, ovvero il 20% dell'attività manifatturiera del paese. Ha realizzato un fatturato annuo di oltre 15 miliardi di dollari, la metà dei quali dedicata all'esportazione. Tuttavia, se questa industria rappresentava, in termini di volume umano, più di 10 volte la dimensione della base industriale e tecnologica della difesa francese, produceva solo dal 10 al 15% del fatturato aggiuntivo rispetto alla Francia e circa 2,5 volte più attrezzature rispetto alle principali compagnie di difesa francesi ogni anno. In altre parole, questa industria era già, prima del conflitto, particolarmente inefficiente, e se le attrezzature russe erano efficienti, anche in termini di prezzi sulla scena internazionale, era soprattutto per il bassissimo costo della manodopera nel Paese , soprattutto per questa attività.


Il resto di questo articolo è riservato agli abbonati

Gli articoli ad accesso completo sono disponibili nella sezione “ Articoli gratuiti“. Gli abbonati hanno accesso agli articoli completi di Analisi, OSINT e Sintesi. Gli articoli negli archivi (più vecchi di 2 anni) sono riservati agli abbonati Premium.

A partire da € 6,50 al mese – Nessun impegno di tempo.


Related posts

Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE