LPM 2023: Stealth Drone o Electronic Warfare Burst, ci vorrà uno dei due

Per impegnarsi al di sopra di un teatro di operazioni molto conteso, le forze aeree francesi dispongono di un aereo molto potente, il Dassault Aviation Rafale. Grazie alla sua capacità di volare ad alta velocità a bassissima quota, il velivolo francese può infatti sfruttare il mascheramento del terreno per evitare il rilevamento radar, almeno per quanto riguarda i radar terrestri. Inoltre, l'aereo ha una firma radar ridotta, senza essere qualificato come furtivo, anche se questa caratteristica tende ad appassire quando il Rafale trasporta diverse taniche di carburante e missili o bombe su tralicci. Il velivolo dispone anche di un sistema di autoprotezione molto avanzato, lo SPECTRA, in grado di contenere la minaccia sia dei radar che dei missili guidati a infrarossi. Infine, implementa le cosiddette munizioni "stand-off", come il missile da crociera SCALP o la bomba volante guidata A2SM, progettate per essere sganciate a distanza di sicurezza dal bersaglio, evitando così risposte Terra-Aria. Inoltre, il sistema ha dimostrato la sua validità in combattimento nel 2011, quando il Rafale francese ha preso il controllo del cielo libico sopra Bengasi, quando il DCA opposto era ancora attivo.

Tuttavia, se il Rafale è in grado di competere con l'SA-6 e l'SA-8 degli anni '70 come in Libia, e se è probabile che sia in grado di confrontarsi anche con una batteria S-400 perfettamente moderna, l'aereo non è progettato, come tutti i velivoli della sua generazione, per penetrare una moderna difesa antiaerea multistrato come quelle implementate dalla Russia o dalla Cina, composta da radar terrestri e sistemi aerei di diversa frequenza e potenza, lunghi, medi, corti e cortissimi gamma di sistemi terra-aria, che agiscono tutti in modo coordinato. Di fronte a una tale minaccia, né la radada (volo a bassissima quota), né Spectra né la discrezione radar del Rafale saranno grandi, e possiamo anche dubitare che un dispositivo stealth come l'F-35 possa farlo a causa dell'accelerazione entrata in servizio di radar a bassa frequenza. In questo contesto, come possono gli eserciti francesi preservare le loro capacità di manovra e attacco per supportare l'azione terrestre e navale, o per colpire in profondità la posizione del nemico per interromperne la logistica e il comando?

Volare a bassissima quota e ad alta velocità consente al Rafale di rimanere fuori dalla portata dei radar di terra, ma non dei radar aviotrasportati

Per affrontare questa sfida è necessario disporre di almeno uno dei tre tipi di attrezzatura adeguata. Da un lato, è possibile fare affidamento su capacità di attacco balistico o missili da crociera, l'argomento è stato in parte trattato in un articolo precedente. Tuttavia, questa soluzione è costosa e inadatta per azioni militari a lungo termine, come dimostra l'esaurimento delle scorte russe in Ucraina. Se è già difficile produrre proiettili di artiglieria a una velocità sufficiente per compensare il loro utilizzo sul campo, è impossibile fare lo stesso con missili che costano diversi milioni di dollari ciascuno, ciascuno dei quali richiede da alcune settimane a diversi mesi per essere assemblati. Questa capacità ha un interesse evidente, ma non è, intrinsecamente, sufficiente a sostenere nel tempo un impegno ad alta intensità. Se gli eserciti francesi dispongono già di equipaggiamenti di questo tipo, i missili da crociera SCALP e MdCN, le altre due soluzioni che ci interessano oggi, una versione specializzata del Rafale per la guerra elettronica e la soppressione delle difese nemiche, e un modello di drone da combattimento stealth, mancano dai suoi inventari.

Un Rafale dedicato alla guerra elettronica

La soppressione delle difese antiaeree nemiche non è un argomento nuovo. Durante la Guerra Fredda, l'Aeronautica Militare francese aveva persino squadroni appositamente addestrati ed equipaggiati per questo, con il missile anti-radiazioni (capire anti-radar, niente a che vedere con il nucleare) AS 37 Martel. Tuttavia, questa capacità è stata abbandonata nel 1997, per non essere sostituita, dovendo poi far fronte ad arbitrati critici di bilancio e capacità che non sono cessati fino a tempi recenti. Tuttavia, se il Jaguar e il Mirage IIIE della Guerra Fredda sono stati in grado di svolgere missioni SEAD (Suppression of Enemy Air Defense), impallidiscono rispetto ai due velivoli specializzati in questa missione implementati dall'US Air Force e dalla US Navy , rispettivamente l'EF-111a Raven e l'EA-6B Prowler. In effetti, questi dispositivi avevano, oltre ai missili anti-radiazioni Shrike then Harm, potenti jammer in grado di neutralizzare i radar nemici in tutto uno spazio aereo, consentendo ad altri dispositivi di entrare e svolgere le loro missioni. La loro efficacia è stata particolarmente dimostrata durante la campagna aerea contro l'Iraq nel 1990, così come su Serbia e Kosovo alcuni anni dopo.

Due EA-6b Prowler decollano dalla base aerea di Aviano nel 1999 per proteggere le forze aeree della NATO nei Balcani

Il resto di questo articolo è riservato agli abbonati

Gli articoli ad accesso completo sono disponibili nella sezione “ Articoli gratuiti“. Gli abbonati hanno accesso agli articoli completi di Analisi, OSINT e Sintesi. Gli articoli negli archivi (più vecchi di 2 anni) sono riservati agli abbonati Premium.

A partire da € 6,50 al mese – Nessun impegno di tempo.


Related posts

Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE