Di fronte a Cina e Russia, Tokyo vuole acquisire mille missili a lungo raggio

Di tutte le trasformazioni in atto della geopolitica globale, il rafforzamento senza precedenti delle capacità militari delle maggiori potenze asiatiche è senza dubbio quello che avrà la maggiore influenza a lungo termine sugli equilibri globali. Oltre alla Cina che, in pochi decenni, è arrivata a tangere la potenza militare americana al punto che quest'ultima deve ora intensificare gli sforzi per resistervi, l'ascesa al potere dei draghi asiatici, Taiwan, Singapore, Giappone e Sud La Corea, sconvolgerà profondamente l'equilibrio di potere militare e politico ben al di là del solo teatro indo-pacifico. Pertanto, Seoul intende aumentare il suo sforzo di difesa oltre il 3% del suo PIL, mentre Taiwan aumenterà la spesa per la difesa di quasi il 14% nel 2023. Per quanto riguarda il Giappone, la terza economia più grande del mondo con un PIL di oltre 5.000 miliardi di dollari, il doppio di quello della Francia, intende aumentare il suo sforzo di difesa al 2% del suo PIL negli anni a venire, rendendo il Paese la terza potenza militare del pianeta con un budget che supera i 100 miliardi di dollari l'anno, almeno dal punto di vista del bilancio.

Parallelamente a questo aumento senza precedenti del credito, quando il Paese del Sol Levante non aveva mai speso più dell'1% della sua ricchezza per le sue forze di autodifesa, Tokyo intende anche cambiare profondamente la sua industria della difesa, con l'annuncio di numerosi programmi ambiziosi in ultimi mesi, così come le sue dottrine di difesa, tra cui prendendo alcune libertà con la Costituzione del paese. È vero che questo, scritto da un pugno di diplomatici americani quando arrivarono nel Paese dopo la sconfitta del 1945, fu particolarmente avvincente, scritto sotto l'impatto di un'emozione ereditata dalla difficile e costosa campagna nel Pacifico alle forze americane , privando Tokyo di molti attributi sovrani riguardo al potenziale impiego delle sue forze armate. Tuttavia, poiché il teatro del Pacifico è stato una zona di confronto secondaria tra gli Stati Uniti e l'Unione Sovietica durante la Guerra Fredda e la Cina comunista non avendo quindi capacità di proiezione del potere, questi vincoli non sono stati un grave handicap per la sicurezza dell'arcipelago giapponese durante questo periodo.

La portaelicotteri d'assalto Izumo e la sua nave gemella, la Kaga, potranno operare il caccia a decollo verticale J-35B

La situazione si è ovviamente evoluta profondamente negli ultimi anni e, come altri draghi asiatici, Tokyo non ha risentito della miopia che ha colpito gli europei nel decennio precedente, avendo ripreso a investire nelle sue capacità di difesa dal 2015 al fine, in particolare, di ammodernare ed espandere la propria flotta acquisendo nuovi cacciatorpediniere, nuove fregate e nuovi sottomarini ad alte prestazioni, nonché trasformando due dei suoi LHD in portaerei in grado di utilizzare il caccia F-35B. Il paese si è inoltre impegnato a modernizzare la propria forza aerea con l'acquisizione di oltre 140 F-35, la modernizzazione del suo F-15J e lo sviluppo di un nuovo caccia multiuso, in collaborazione con gli inglesi. Infine, si è impegnato nello sviluppo di sistemi ad altissima tecnologia, come un cannone a rotaia, sistemi energetici diretti, un drone da combattimento così come i missili con alianti ipersonici in grado di colpire obiettivi navali o su terra a diverse centinaia di chilometri di distanza. Ovviamente, quest'ultimo programma sarà strategico per Tokyo, avendo le autorità giapponesi annunciato che per contenere la minaccia russa e cinese, si doterebbero di mille di questi missili ipersonici.


Il resto di questo articolo è riservato agli abbonati

Gli articoli ad accesso completo sono disponibili nella sezione “ Articoli gratuiti“. Gli abbonati hanno accesso agli articoli completi di Analisi, OSINT e Sintesi. Gli articoli negli archivi (più vecchi di 2 anni) sono riservati agli abbonati Premium.

A partire da € 6,50 al mese – Nessun impegno di tempo.


Related posts

Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE