Tra le crescenti tensioni con Pechino, Taiwan vuole aumentare la spesa per la difesa del 13,9% nel 2023

solo un anno fa, le autorità di Taipei hanno annunciato un aumento del budget della difesa dell'isola autonoma dal 1949, di portare a 16,8 miliardi di dollari, 418 miliardi di dollari di Taiwan, il budget 2022, ovvero un aumento del 5,2% rispetto al 2021, per rispondere all'aumento della minaccia rappresentata dal rapido accumulo di forze armate forze della Repubblica popolare cinese. In tal modo, Taiwan intendeva superare l'attuale soglia del suo sforzo di difesa, fissata al 2% del PIL, per portarla gradualmente al 3%. La guerra in Ucraina, ma anche il forte aumento delle tensioni con Pechino negli ultimi mesi, e le dimostrazioni di forza del PLA a seguito della visita del Presidente della Camera dei Rappresentanti degli Stati Uniti nell'isola qualche settimana fa, avrebbero convinto il Le autorità taiwanesi per accelerare il ritmo di questa crescita, come hanno annunciato oggi che intendono aumentare questo sforzo di difesa a $ 586,3 miliardi di Taiwan, o 19,4 miliardi di euro negli Stati Uniti, un aumento di 108 miliardi di T$ e del 13,9% in valore relativo.

Per Taiwan si tratta soprattutto di aumentare la modernizzazione e il rafforzamento delle sue capacità difensive. Pertanto, questo nuovo budget sarà utilizzato in parte per finanziare l'acquisizione di nuovi aerei da combattimento incaricato di tenere a bada caccia, bombardieri e droni cinesi sempre di più da schierare davanti e intorno all'isola, anche al di là della linea di separazione nel passo di Taiwan finora considerato come linea di demarcazione tra i due paesi. È interessante notare che questo aumento è comunque inferiore all'aumento complessivo del bilancio dello Stato, che raggiungerà oltre il 20% nel 2023. Infatti, il bilancio della Difesa taiwanese rappresenta solo la 4a voce di bilancio dello Stato per il 14,6% di esso, dopo il budget dedicati ai servizi sociali, all'istruzione e al sostegno all'economia.

Dopo il caccia bimotore F-CK-1 derivato dall'F-16, l'industria aeronautica taiwanese ha progettato il Brave Eagle, un velivolo da addestramento e attacco destinato ad addestrare i piloti di F-16V, e ha intrapreso lo sviluppo di un cacciatore di quinta generazione

Va detto che Taiwan ha, a differenza delle democrazie europee, un contesto economico e di bilancio favorevole, con una crescita annua superiore al 4%, e un debito inferiore al 25% del suo PIL. Inoltre, il paese può contare su numerosi punti di forza economici di valore globale, in particolare nel campo della produzione di semiconduttori. Pertanto, il colosso taiwanese TSMC oggi da solo controlla quasi il 25% dei semiconduttori nel mondo, il 49% del mercato di produzione mondiale e persino il 92% dei chip per computer, molto più avanti del suo primo concorrente, Samsung, che raggiunge solo il 12% di quota di mercato . L'azienda da sola contribuisce per il 6% al PIL dell'isola e la sua valutazione di mercato di $ 540 miliardi rappresenta quasi il 65% di questo stesso PIL. La dipendenza dell'Occidente dai semiconduttori di TSMC è sia un motivo aggiuntivo per cui Pechino reintegra l'isola nella Repubblica popolare cinese, sia la migliore garanzia di Taipei del coinvolgimento dell'Occidente nella sua difesa. La perdita di questa capacità industriale, infatti, potrebbe rappresentare, per l'Occidente, una catastrofe economica molto più grande di quella che potrebbe costituire l'annessione del Kuwait da parte dell'Iraq di Saddam Hussein al mercato degli idrocarburi, e che tuttavia ha mobilitato la più grande coalizione militare della storia moderna.


Il resto di questo articolo è riservato agli abbonati

Gli articoli ad accesso completo sono disponibili nella sezione “ Articoli gratuiti“. Gli abbonati hanno accesso agli articoli completi di Analisi, OSINT e Sintesi. Gli articoli negli archivi (più vecchi di 2 anni) sono riservati agli abbonati Premium.

A partire da € 6,50 al mese – Nessun impegno di tempo.


Related posts

Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE