L'ipotesi del ricatto nucleare si materializza a Pechino sul fascicolo taiwanese

Dall'inizio delle operazioni militari in Ucraina alla fine di febbraio 2022, Mosca si è impegnata ad aumentare le tensioni con l'Occidente moltiplicando manifestazioni di forza, esercitazioni e dichiarazioni per quanto riguarda il possibile utilizzo delle sue capacità nucleari. Per il Cremlino si trattava di impedire a europei e americani di rispondere favorevolmente alle richieste ucraine in merito all'implementazione di una no-fly zone ma anche contro la consegna agli eserciti di sistemi d'arma occidentali ad alte prestazioni. Se davvero la "No Fly Zone" sull'Ucraina non è mai stata implementata, giustamente poiché il rischio di una globalizzazione del conflitto sarebbe stato fin troppo alto, gli europei e gli americani hanno gradualmente aumentato le quantità e le prestazioni del materiale militare fornito agli ucraini, senza Mosca, e la minaccia nucleare più volte brandita, non può effettivamente opporsi.

Tuttavia, i risultati ottenuti sembrano aver convinto le autorità cinesi. Infatti, in occasione della controversa visita del Presidente della Camera dei Rappresentanti americana, la deputata democratica della California Nancy Pelosi, Pechino ha moltiplicato le manifestazioni di forza, anche per quanto riguarda le sue armi nucleari, nonché annunci che implicano che un intervento militare americano per opporsi all'annessione di Taiwan da parte della Repubblica popolare cinese, potrebbe dar luogo all'uso di armi nucleari, anche strategiche. Così, pochi giorni dopo la vorticosa visita del parlamentare americano a Taipei, sono stati pubblicati diversi video che mostrano il dispiegamento e il rifornimento di missili balistici intercontinentali DF-5, oltre a varie foto e video di altri sistemi d'arma a più corto raggio, come il DF-16, DF-27 e DF-15B. Per quanto riguarda la minaccia, è stata riportata sulla stampa cinese da vari analisti ed ex ufficiali dell'EPL, un modo per non coinvolgere direttamente lo stato cinese mentre trasmetteva chiaramente il messaggio.

Il DF-5A è un missile balistico intercontinentale a combustibile liquido con una portata di 15.000 km in grado di trasportare fino a 6 testate nucleari MIRV

La nuova posizione cinese, che fino ad ora non aveva mai, nemmeno indirettamente, sviluppato tali metodi, non è di per sé una sorpresa. Nel maggio 2022, il comandante del Comando strategico statunitense, L'ammiraglio Charles Richard, aveva così avvertito che ora era necessario aspettare, viste le posizioni utilizzate da Mosca nel contesto del conflitto ucraino, che la Russia, ma anche la Cina, moltiplichino questo tipo di minacce e posizioni per ostacolare le capacità di disturbo o addirittura di intervento dei paesi occidentali. Difficilmente quindi sarà stato necessario attendere che questa previsione si concretizzasse, anche se, nel caso cinese, la minaccia è più indiretta che nel caso russo, essendo tale anche il conflitto allo stesso modo.


Il resto di questo articolo è riservato agli abbonati

Gli articoli ad accesso completo sono disponibili nella sezione “ Articoli gratuiti“. Gli abbonati hanno accesso agli articoli completi di Analisi, OSINT e Sintesi. Gli articoli negli archivi (più vecchi di 2 anni) sono riservati agli abbonati Premium.

A partire da € 6,50 al mese – Nessun impegno di tempo.


Related posts

Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE