La Corea del Sud cerca di offrire all'Australia il suo sottomarino Dosan Anh Changho

Il minimo che si può dire è che le autorità sudcoreane non risparmiano sforzi per promuovere il loro equipaggiamento di difesa in tutto il mondo. Dopo aver convinto L'Egitto acquisirà 200 cannoni semoventi K-9, e ha firmato una partnership con la Turchia per completare la costruzione del carro armato Altay, Seoul ha collaborato con Varsavia in quello che potrebbe essere uno degli sforzi di cooperazione industriale della difesa più ambiziosi del decennio. In Australia le autorità sudcoreane sono già riuscite a collocare il cannone semovente K-9 nell'ambito del programma Land 8116, avendo Canberra annunciato nel dicembre 2021 l'acquisizione di 30 sistemi semoventi corazzati K-9 designati per l'occasione AS9, e 15 veicoli AS10 per trasporto e ricarica munizioni, per 1 miliardo di dollari australiani, poco più di 700 m€. E come nel caso di Turchia e Polonia, Seoul intende sfruttare questa dinamica impegnata in Australia.

In primo luogo, il veicolo da combattimento della fanteria AS21 Redback è oggi in finale contro il tedesco KF41 Lynx nell'ambito del concorso nell'ambito del concorso Land 400 pass 3 per l'acquisizione tra 300 e 450 veicoli da combattimento di fanteria per l'esercito australiano, concorrenza per la quale molti echi suggeriscono che il carro armato sudcoreano sarebbe la preferenza delle autorità australiane, in particolare per via di un prezzo più accessibile. In effetti, le compagnie di difesa sudcoreane hanno ora una rete efficace in Australia, composta da ex figure politiche e militari, per supportare le loro proposte. Proprio questa rete è stata chiamata a presentare, in maniera del tutto ufficiosa, un'offerta sudcoreana per rispondere al problema sempre più pressante per Canberra relativo al rinnovo della sua flotta di sottomarini, in un esercizio di comunicazione perfettamente padroneggiato da Seoul.

Anche modernizzato ed ampliato, il 6 Collins della Royal Australian Navy non potrà appannare la linea oltre il 2035

Non torneremo a le conseguenze dell'annullamento del contratto SEA 1000 da parte dell'ex Primo Ministro australiano Scott Morrison a beneficio dell'acquisizione di sottomarini a propulsione nucleare americani o britannici. Ora sta diventando sempre più chiaro che la Royal Australian Navy dovrà affrontare un grande divario di capacità tra il ritiro dei suoi 6 sottomarini di classe Collins, che dovrebbe avvenire al più tardi entro il 2035, e l'arrivo del primo nucleare- sottomarini a motore sviluppati nell'ambito dell'alleanza AUKUS, che non si verificherà prima del 2040, nel migliore dei casi. In effetti, per più di 10 anni, le forze navali australiane dovranno affrontare un marcato deficit di capacità nel campo della guerra sottomarina, con almeno 5 anni di interruzione totale della capacità, anche se durante questo periodo la minaccia cinese raggiungerà il suo apice. Se tedeschi, svedesi e persino giapponesi tentano da diversi mesi di proporre con discrezione una soluzione transitoria alle autorità australiane, i sudcoreani hanno scelto un approccio probabilmente molto più efficace, prendendo di mira direttamente l'opinione pubblica del Paese.


Il resto di questo articolo è riservato agli abbonati

Gli articoli ad accesso completo sono disponibili nella sezione “ Articoli gratuiti“. Gli abbonati hanno accesso agli articoli completi di Analisi, OSINT e Sintesi. Gli articoli negli archivi (più vecchi di 2 anni) sono riservati agli abbonati Premium.

A partire da € 6,50 al mese – Nessun impegno di tempo.


Related posts

Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE