La Polonia ordinerà 180 carri armati K2, 670 cannoni K9 e 48 caccia FA-50 dalla Corea del Sud

Dall'inizio dell'attacco russo in Ucraina, Germania, Gran Bretagna e Francia sono in competizione tra loro in termini di dichiarazioni e progetti per dotarsi della più grande forza armata convenzionale europea, del miglior esercito o del miglior marine. Ma in effetti, nel febbraio 2022, la più grande forza di terra convenzionale in Europa non era né francese, né britannica o tedesca, ma polacca. In effetti, Varsavia stava allora schierando 750 carri armati da combattimento Leopard 2A4, PT-91 e T-72, oltre a 1500 veicoli da combattimento di fanteria BWP-1 e KTO Rosomak, quasi 500 cannoni semoventi Krab, Dana, Godzik e Rak, nonché come quasi 200 sistemi lanciarazzi multipli Grad, RM-70 e Langgusta, per una forza di terra di 175.000 uomini, e intende aumentare i propri mezzi con l'ambizione di passare da 4 a 6 divisioni entro il 2035. Sebbene dotata di equipaggiamenti spesso vecchi ereditati dal tempo del Patto di Varsavia, la Polonia aveva quindi una forza di terra sostanzialmente equivalente numericamente a quella degli eserciti britannico, tedesco e francese messi insieme, mentre il paese ha solo un PIL di soli $ 600 miliardi e una popolazione di 39 milioni, rispetto agli oltre 210 milioni di abitanti e ai 9.000 miliardi di dollari delle tre maggiori economie europee.

A causa delle sue grandi riserve di armamenti e della natura di molti dei suoi equipaggiamenti pesanti vicini a quelli in servizio negli eserciti ucraini, Varsavia è stata, dall'inizio del conflitto, il più importante contributo europeo al sostegno degli eserciti di Kiev, con in particolare il trasferimento dei suoi 250 T-72, più di 20 sistemi di artiglieria 2S1 Gozdzik, 18 cannoni semoventi Krab e più di 250 sistemi Grad, mentre il paese si prepara a consegnare i suoi 91 carri armati PT-300 Twardy che saranno sostituiti da circa 1 Abrams M1AXNUMX usati acquisiti in emergenza dal Stati Uniti. Inoltre, Varsavia ha già annunciato numerosi programmi volti a modernizzare le sue forze, come l'ordine di 250 carri armati pesanti M1A2 Abrams, 120 lanciarazzi Himars e 35 aerei da combattimento F-35 degli Stati Uniti, nonché nuove fregate vicino alla Gran Bretagna;e Elicotteri utilitari AW149 dall'Italia. Per molti mesi, Varsavia stava anche negoziando un'ambiziosa partnership industriale nel settore della difesa con Seoul., dopo aver già collaborato alla progettazione del cannone semovente Krab da 155 mm. Secondo la stampa sudcoreana, queste trattative avrebbero portato al più grande contratto di esportazione per l'industria della difesa sudcoreana, con Varsavia che aveva ordinato 180 carri pesanti K2 Black Panther con un'opzione per altri 400, oltre a 670 cannoni semoventi K9 e 48 velivoli da attacco leggero FA-50, il tutto per un importo stimato in oltre 19.000 miliardi di Won, ovvero quasi 15 miliardi di euro.

La Polonia si prepara a consegnare i suoi 250 carri armati PT-91 derivati ​​dal T-72 alle forze ucraine

Da un punto di vista operativo, questo ordine eccezionale ha naturalmente un senso. il Carro armato K2 Black Panther è un modernissimo carro medio da 55 tonnellate, con armamento ad alte prestazioni, protezione rinforzata che include un sistema di protezione attiva, oltre a una mobilità più che soddisfacente con un rapporto di potenza di 27 CV per tonnellata. Se non offre certe capacità dei più moderni carri armati occidentali come l'Abrams M1A2 SepV3, il Leopard 2A7 o il Challenger 3, è comunque più leggero di quasi 15 tonnellate, mostrando infatti mobilità e consumi di carburante superiori. risulta essere significativamente meno costoso, con un prezzo unitario di circa 8 milioni di dollari, rispetto a quasi il doppio di quello dei carri pesanti europei e americani. Il fatto è che, per le prime 180 copie ordinate da Varsavia, il conto ammonterà a 3.000 miliardi di won, ovvero 2,25 miliardi di euro, per un prezzo unitario di 12,5 milioni di euro per veicolo blindato, inclusi trasferimenti tecnologici, industriali e supporto. A titolo di confronto, i 250 Abrams M1A2 ordinati da Varsavia da Washington sono stati venduti per 4,6 miliardi di euro, senza trasferimento industriale, ovvero un prezzo unitario a perimetro ravvicinato di 18,5 milioni di euro, il 50% in più rispetto al K2 Black Panther.


Il resto di questo articolo è riservato agli abbonati

Gli articoli ad accesso completo sono disponibili nella sezione “ Articoli gratuiti“. Gli abbonati hanno accesso agli articoli completi di Analisi, OSINT e Sintesi. Gli articoli negli archivi (più vecchi di 2 anni) sono riservati agli abbonati Premium.

A partire da € 6,50 al mese – Nessun impegno di tempo.


Related posts

Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE