Il Congresso degli Stati Uniti blocca la vendita di nuovi F-16 alla Turchia

10 mesi fa, nell'ottobre 2021, le autorità turche hanno annunciato di aver inviato una richiesta di esportazione alla Foreign Miltiry Sales relativa a 40 nuovi caccia F-16 allo standard Block 70 Viper, oltre a 80 kit per portare 80 dei suoi F-16 Block 52 a questo standard, il più avanzato attualmente disponibile per il velivolo Lockheed. Se l'amministrazione Biden si era mostrata pronta a sostenere tale richiesta nella speranza di riprendere i rapporti normalizzati con Ankara, il Congresso americano, che ha l'ultima parola sull'argomento, era più che dubbioso. Per senatori e rappresentanti americani, infatti, le posizioni internazionali assunte dal presidente RT Erdogan, sia in Medio Oriente in Siria e Iraq, nel Mar Egeo di fronte a Grecia e Cipro, sia nelle sue ambigue relazioni con Russia e Iran, non hanno consentito la consegna sicura di queste nuove armi ad Ankara, sapendo che potrebbero benissimo rivoltarsi contro gli Stati Uniti o alcuni dei suoi alleati. Inoltre, molti parlamentari statunitensi non erano pronti a dimenticare l'ordine turco degli S-400 russi.

La situazione è rimasta relativamente congelata per diversi mesi, fino a quando l'inizio dell'invasione russa dell'Ucraina ha fatto precipitare gli eventi, portando le autorità turche a sostenere i difensori ucraini consegnando loro, in particolare, l'ormai famoso (ma sempre meno efficace) MASCHIO TB2 BAyraktar, oltre a chiudere lo stretto del Mar Nero, bloccando efficacemente diverse grandi unità navali russe, inclusi gli incrociatori di classe Slava Marshal Ustinov e Varyag, nel Mediterraneo piuttosto che al largo delle coste dell'Ucraina. Soprattutto, la domanda di Svezia e Finlandia di aderire all'Alleanza Atlantica è stata un'opportunità per il presidente turco di prendere una posizione di forza nei suoi negoziati con gli Stati Uniti e, più in generale, con gli altri membri dell'alleanza, molti dei quali avevano sanzioni significative in atto per quanto riguarda l'esportazione di tecnologia di difesa in Turchia negli ultimi anni.

La consegna dei droni TB2 all'Ucraina da parte della Turchia ha consentito alle forze ucraine di resistere alle prime offensive russe, in particolare contro Kiev, mentre contribuendo a ripristinare l'immagine della Turchia presso i leader occidentali.

Ufficialmente, non c'è stato alcun negoziato tra Stati Uniti e Turchia per revocare il veto di Ankara quando si tratta di queste due iscrizioni. Tuttavia, nella votazione finale sul bilancio dell'esercito per il 2023, i parlamentari americani hanno raccolto molte riserve per inquadrare la possibile vendita di nuove tecnologie di difesa alla Turchia, ma anche all'Arabia Saudita e all'Egitto. Questi tre paesi sono infatti presi di mira da un emendamento presentato dal rappresentante democratico del Massachusetts James McGovern, che è anche presidente del comitato di difesa della Camera dei rappresentanti, che regola rigorosamente l'esportazione di tecnologie di difesa statunitensi verso i paesi partecipanti o che hanno partecipato. ad atti di genocidio o in violazione del diritto internazionale umanitario. Inoltre, due rappresentanti democratici, Frank Pallone del New Jersey, e Chris Pappas del New Hampshire, hanno approvato un emendamento che obbliga l'esecutivo americano ad adottare misure concrete per "impedire che gli F-16 venduti alla Turchia non vengano utilizzati per violare spazio aereo greco nel Mar Egeo". Si possono ovviamente vedere gli effetti deluna visita del Primo Ministro greco al Campidoglio appena due mesi fa.


Il resto di questo articolo è riservato agli abbonati

Gli articoli ad accesso completo sono disponibili nella sezione “ Articoli gratuiti“. Gli abbonati hanno accesso agli articoli completi di Analisi, OSINT e Sintesi. Gli articoli negli archivi (più vecchi di 2 anni) sono riservati agli abbonati Premium.

A partire da € 6,50 al mese – Nessun impegno di tempo.


Related posts

Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE