La Turchia lancia la competizione per il motore del suo jet da combattimento TF-X di nuova generazione

Al Salone dell'Aeronautica di Parigi 2019, il modello presentato dalla Turchia del programma TF-X puntare a sviluppare un nuovo velivolo da combattimento medio con caratteristiche vicine alla 5a generazione, aveva fatto scalpore, soprattutto perché allora sembrava molto più realizzato di quello presentato con grande clamore da Francia, Germania e Spagna riguardo al programma FCAS. Tuttavia, tra le conseguenze della crisi del Covid, e soprattutto le sanzioni occidentali contro Ankara a seguito degli interventi turchi in Siria e Libia, le sue provocazioni nel Mediterraneo orientale, e soprattutto l'acquisizione di una batteria S-400 dalla Russia, ha inferto un duro colpo alle ambizioni industriali della difesa del paese e il suo Presidente RT Erdogan. Quest'ultimo ha infatti fatto del rilancio dell'industria della difesa turca un indicatore politico della sua azione. Diversi importanti programmi sono stati quindi gravemente handicappati, in particolare a causa del rifiuto delle società europee e americane di fornire sistemi di motorizzazione, sia per le fregate e corvette del programma MILREM, gli elicotteri T-129 e T-629, il carro armato Altay nonché il programma di punta di questo sforzo, il TF-X.

Inizialmente i prototipi del nuovo caccia dovevano essere equipaggiati con motori turbojet F-110 dell'americana General Electric, identici a quelli che muovono gli F-16 Block 50 che equipaggiano l'aviazione turca e che sono stati prodotti localmente su licenza per 30 anni dalla società TUSAS. Per la propulsione di velivoli di serie è stato preso in considerazione anche l'F-110, ma nel 2015 Ankara si è rivolta anche alla britannica Rolls-Royce per la produzione locale con trasferimento tecnologico di un motore turbojet derivato dall'Eurojet EJ-200 -A1 che equipaggia l'Eurofighter Typhoon . Tuttavia, nel 2017, ben prima delle sanzioni occidentali, le trattative tra il produttore di motori britannico e la Turchia sono state abbandonate, ritenendo le posizioni dei due protagonisti troppo distanti per riuscire. La sanzione di Ankara di fine 2019, in particolare per quanto riguarda i turbojet americani, ha fermato il programma TF-X, e anche se le autorità turche hanno annunciato pubblicamente di potersi rivolgere ad altri partner, come la russia, la realtà era molto più vincolante. In questo contesto, la guerra in Ucraina ha permesso ad Ankara di sbloccare la situazione.

Il modello TF-X ha fatto scalpore nel giugno 2019 al Paris Air Show

Il resto di questo articolo è riservato agli abbonati

Gli articoli ad accesso completo sono disponibili nella sezione “ Articoli gratuiti“. Gli abbonati hanno accesso agli articoli completi di Analisi, OSINT e Sintesi. Gli articoli negli archivi (più vecchi di 2 anni) sono riservati agli abbonati Premium.

A partire da € 6,50 al mese – Nessun impegno di tempo.


Related posts

Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE