L'esercito ordina urgentemente munizioni americane Switchblade 300 vagabondi: di chi è la colpa?

In occasione della mostra Eurosatory svoltasi la scorsa settimana a La Villette, l'Esercito, tramite il suo capo del Pan Office, il colonnello Arnaud Goujon, aveva sollevato la possibilità l'ordine del vagabondo americano Switchblade 300 munizioni all'American AeroVironment, in quanto confermato dal Ministero, con l'obiettivo di colmare un urgente deficit di capitano. Questa procedura non è eccezionale, tanto più che lo Switchblade 300 non è un equipaggiamento particolarmente avanzato, né particolarmente costoso. Consentirà alla fanteria o alle unità smontate dell'esercito di acquisire una capacità di fuoco indiretto di precisione, integrando la dotazione di munizioni a fuoco diretto esistente come il razzo M4, il missile Eryx e il nuovo MMP. Da un punto di vista operativo, si tratta quindi di una buona notizia indiscutibilmente. Tuttavia, dal punto di vista della pianificazione e dell'anticipo dei bisogni, si tratta di un enorme fallimento, poiché il bisogno era prevedibile e pianificato e la base industriale della difesa francese ha la capacità di soddisfare tale bisogno con breve preavviso, se non la volontà fare così.

In primo luogo, la tecnologia delle munizioni vagabondi è tutt'altro che recente. I primi prototipi di questi droni dotati di una testata che esplode al contatto o vicino al bersaglio, sono comparsi negli anni '90, in particolare in Israele dopo il successo operativo dell'uso dei droni contro la difesa antiaerea in Libano nel 1982. I modelli attualmente in servizio , come Harop e Switchblade, sono stati sviluppati negli anni 2000 ed sono entrati in servizio all'incrocio tra gli anni 2000 e 2010, quasi 15 anni fa. Gli eserciti israeliani hanno quindi utilizzato le loro munizioni vaganti in Palestina, Siria e Libano dall'inizio degli anni 2010 e le forze speciali statunitensi hanno implementato i primi Switchblades nel 2012 in Afghanistan e Iraq. In effetti, la tecnologia è vecchia e sufficientemente distribuita per consentire agli operatori civili di “armeggiare” con munizioni vagabonde basate su modelli di droni commerciali, come è avvenuto in Siria nel 2014, poi in Libia.

L'Harop è stata una delle munizioni erranti che ha dimostrato la sua efficacia durante la guerra del Nagorno-Karabakh nel 2020

Il resto di questo articolo è riservato agli abbonati

Gli articoli ad accesso completo sono disponibili nella sezione “ Articoli gratuiti“. Gli abbonati hanno accesso agli articoli completi di Analisi, OSINT e Sintesi. Gli articoli negli archivi (più vecchi di 2 anni) sono riservati agli abbonati Premium.

A partire da € 6,50 al mese – Nessun impegno di tempo.


Related posts

Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE