F Gouttefarde, JC Lagarde, JL Thériot: questi deputati uscenti necessari per la Commissione nazionale di difesa e forze armate

All'interno dell'Assemblea nazionale francese, la Commissione per la difesa nazionale e le forze armate è lungi dall'essere la commissione più popolare tra i deputati. Essendo la funzione sovrana per eccellenza un dominio riservato dell'Eliseo, è difficile brillarvi, o affermare una voce alternativa o semplicemente costruttiva, di fronte alla doxa imposta dalla Presidenza della Repubblica e dal Ministero delle Forze Armate . . In effetti, è raro che i parlamentari, della maggioranza o dell'opposizione, svolgano un ruolo significativo. Tuttavia, durante la precedente magistratura, diversi deputati hanno potuto, attraverso il loro impegno e l'attualità delle loro analisi, mettere in luce questa estesa riflessione strategica, mentre sono coinvolti nella progettazione e nel monitoraggio della prima Legge di Programmazione Militare rispettata sin dall'inizio della questo esercizio.

Tra questi deputati, 3 sono oggi candidati alla propria rielezione e sono al ballottaggio dopo il primo turno delle elezioni legislative: Fabien Gouttefarde, Jean-christophe Lagarde e Jean-Louis Thériot (in ordine alfabetico). Mentre le questioni di difesa sono tornate ad essere un argomento importante per la condotta dello Stato, e pochissimi deputati o candidati possono vantare una comprovata esperienza o competenza in questo campo, sembra importante mantenere tali profili all'interno della Commissione per la Difesa Nazionale e le Forze Armate dell'Assemblea Nazionale, sia per vigilare sul suo funzionamento mentre è in corso una revisione della Legge di Programmazione e non emergerà presto una probabile nuova Rivista Strategica, solo per confrontarsi talvolta con la pianificazione della difesa con le sue incongruenze.

Per Fabien Gouttefarde, sarebbe importante convertire due SSBN di classe Triomphant quando vengono sostituiti dai SSBN 3G, in SSGN come ha fatto la Marina degli Stati Uniti con alcuni SSBN di classe Ohio

Deputato del secondo collegio elettorale dell'Eure dal 2017, Fabien Gouttefarde è uno di questi nuovi arrivati ​​in politica che si è unito al dinamico En Marche di Emmanuel Macron durante le precedenti elezioni presidenziali. Tuttavia, questo giurista aveva sempre mantenuto stretti legami con La Défense e gli eserciti, essendo egli stesso Luogotenente di Riserva della Marina francese, e avendo partecipato a numerose azioni e missioni per il Ministero prima della sua elezione. . Pur eletto dalla maggioranza presidenziale, sotto l'etichetta En Marche, il deputato Gouttefarde non ha esitato a fare proposte che non erano in linea con la politica di governo in materia durante il suo mandato, senza prendere posizione dissenziente su questo. In particolare, in vista delle elezioni presidenziali, ha pubblicato diversi articoli sulla stampa a favore di una politica di difesa molto più ambiziosa, in particolare per poter far fronte alle nuove minacce in Europa, Africa, Medio Oriente e nell'Indo-Pacifico regione. In particolare, ha proposto la conversione di due SSBN della classe Triomphant in sottomarini nucleari con missili da crociera, ma anche la progettazione di velivoli Rafale dedicati alla guerra elettronica e alla rimozione delle difese antiaeree, nonché l'estensione della flotta SNA a 7 unità. Inoltre, e come gli altri due eurodeputati in questo articolo, difende la possibilità di aumentare gli investimenti nella difesa facendo affidamento, in particolare, sull'efficienza economica dell'industria della difesa nazionale.

Se F.Goutterfarde e JL.Theriot sono stati nuovi arrivati ​​all'Assemblea nazionale durante questa magistratura, questo non è stato il caso di Jean-Christophe Lagarde, che dal 5 ricopre la carica di deputato per il 2002° distretto di Seine Saint Denis. Inoltre, è stato l'unico presidente di un gruppo parlamentare, in questo caso il partito centrista UDI, ad aver scelto di sedere nella Commissione Difesa nazionale e forze armate, ruolo che ha preso a cuore in un'opposizione costruttiva. Appoggiò così la legge sulla programmazione militare nonché la sua revisione, ma non esitò, in più occasioni, a segnalare le incongruenze o la mancanza di ambizione di fronte all'evoluzione delle minacce della programmazione militare francese, come l'assenza di un programma Rafale dedicato alla guerra elettronica (di nuovo lui), o un programma di droni da combattimento, potenzialmente basato sui risultati del programma dimostratore Neuron. Anche se il ministero delle Forze armate non ha tenuto conto di questi appelli, ha beneficiato della sovraesposizione mediatica di un presidente di gruppo ma anche del presidente dell'Udi che, a forza di ripetere, comincia a dare i suoi frutti.

Per JC Lagarde e F Gouttefarde, è essenziale che la Francia acquisisca una versione del Rafale dedicata alla guerra elettronica e alla soppressione delle difese antiaeree nemiche. Una posizione ampiamente rafforzata dalle lezioni della guerra in Ucraina

Sindaco di Beauvoir dal 2008 sotto l'etichetta UMP poi LR, Jean-Louis Thériot ha avuto un inizio discreto nell'Assemblea nazionale, eletto in sostituzione di Yves Jego. Ha assunto la carica di deputato per il terzo collegio elettorale di Seine et Marnes nel 2018, quando quest'ultimo ha annunciato il suo ritiro dalla vita politica. Questo avvocato appassionato di storia militare e politica, di cui ha pubblicato diversi libri, si è unito alla Commissione Difesa in un approccio, ancora una volta, di costruttiva opposizione. Lo è, tuttavia, indiscutibilmente il suo eccellente rapporto parlamentare sulla guerra ad alta intensità, co-autore con Patricia Miralles, deputata del primo collegio elettorale dell'Herald, e pubblicato pochi giorni prima dell'inizio dell'offensiva russa in Ucraina, che gli ha conferito autorità parlamentare in materia di difesa e da allora l'esposizione ai media è stata ampiamente utilizzata. Come F. Gouttefarde e JC Lagarde, Jean-Louis Thèriot sostiene l'aumento delle risorse ma anche nella forma degli eserciti, con diverse proposte rilevanti, in particolare in termini di sfruttamento della Riserva, sempre puntando sull'efficienza economica della Difesa L'industria per garantirne la sostenibilità.

Per JL Thériot, gli eserciti francesi soffrono di gravi carenze in termini di combattimento ad alta intensità, in particolare per quanto riguarda la disposizione delle forze e le riserve a loro disposizione, in particolare in termini di munizioni.

Mentre le prossime elezioni legislative promettono un voto ravvicinato, sarebbe senza dubbio più che vantaggioso per le forze armate e la Difesa nazionale se questi 3 deputati fossero riconfermati dai rispettivi elettori, in modo da costituire, sulla base di convinzioni condivise più che schieramenti politici , una base parlamentare che consenta l'effettiva attuazione di una nuova politica di difesa, una politica in cui il Parlamento, e in particolare il Comitato nazionale per la difesa e le forze armate, svolgerebbero un ruolo più strutturante rispetto ai mandati precedenti.

Related posts

Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE