Possiamo salvare il programma di caccia di nuova generazione SCAF europeo?

Annunciato nel 2017 da Emmanuel Macron e Angela Merkel, il programma SCAF per Future Air Combat System mira a sviluppare, entro il 2040, un aereo da combattimento di nuova generazione (il 6° all'ultimo conteggio), il Next Generation Fighter, oltre a un set di sistemi progettati per fornire al velivolo capacità operative senza rivali. Fin dal suo lancio, il programma si è trovato in più occasioni di fronte a grosse difficoltà, sia legate all'arbitrato politico ed in particolare alle prescrizioni del Bundestag tedesco, sia alla difficile condivisione industriale tra i 3 paesi partecipanti (Germania, Francia e Spagna) e le differenze concettuali e dottrinali tra le forze armate dei 3 paesi. Tuttavia, lo SCAF non si era mai trovato di fronte a un'impasse come quella che lo colpisce oggi, quando l'amministratore delegato di Dassault Aviation ha annunciato di non avere più intenzione di negoziare con Airbus DS sul tema del primo pilastro del programma NGF , e che ora stava aspettando un arbitrato politico per continuare il programma, sapendo che le difficoltà già incontrate avevano già posticipato di 5-10 anni l'entrata in servizio del dispositivo.

Scegliendo questa posizione, Dassault Aviation significa chiaramente che spetta ora a Emmanuel Macron, iniziatore del programma, indurre Berlino, il Bundestag e Airbus DS a rinunciare ai loro requisiti di copilota del primo pilastro, in mancanza della quale Dassault Aviation si ritirerebbe dal programma, sapendo che con il suo ricco portafoglio ordini dopo i recenti successi internazionali del Rafale, e la sua autonomia di capitale nei confronti dello Stato, il gruppo aeronautico francese ha molto più tempo da aspettare di 'Emmanuel Macron, che l'Aeronautica Militare e l'Aeronautica Navale francesi. Tuttavia, questa feroce resa dei conti in atto è solo la conseguenza finale di un programma segnato da forti differenze, in particolare tra Parigi e Berlino, all'origine di un clima di sospetto reciproco tra i due partner, e sempre più fermo e incompatibile atteggiamenti che promettono allo SCAF un oscuro destino; Saremmo tentati di dire ancora una volta che l'elenco dei programmi di cooperazione europea in materia di difesa abortiti o nati morti è così lungo.

Il successo delle esportazioni del Rafale pone Dassault Aviation in una posizione di forza nelle trattative con l'Eliseo e con la Germania

In queste condizioni, sembra difficile immaginare un futuro per questo programma. È vero che sulla semplice analisi delle profonde divergenze e degli antagonismi emersi in questi anni attorno a questa, le soluzioni che permetterebbero di rifondare lo SCAF su basi più solide sono tutt'altro che scontate. Tuttavia, una volta studiate le cause stesse di queste impasse, potrebbe emergere una soluzione. Anzi, piuttosto che cercare di forzare la cooperazione tra produttori su basi instabili e mal definite, sarebbe molto più efficace concentrare l'attenzione sulle loro cause, in questo caso le profonde divergenze tra le aspettative di Berlino e la sua Luftwaffe, e Parigi, la sua Air and Space Force, e il suo Aéronavale, ovvero che la Germania intende soprattutto sviluppare un successore del Typhoon, un caccia da superiorità aerea ad alte prestazioni in grado di volare alto e veloce, mentre per la Francia si tratta di sostituire il Rafale, un caccia multiuso a bordo in grado di effettuare profondi attacchi nucleari. Una lettura superficiale di queste due specifiche potrebbe concludere che sono incompatibili. Tuttavia, questo dimenticherebbe rapidamente che un aereo da combattimento non è solo una cellula, ma un sistema di sistemi e che queste due esigenze possono essere basate su molti sistemi comuni. In altre parole, per salvare SCAF, bisognerebbe passare da un programma basato su un sistema di sistemi, a un Programma di programmi che condividono un sistema comune di sistemi.


Il resto di questo articolo è riservato agli abbonati

Gli articoli ad accesso completo sono disponibili nella sezione “ Articoli gratuiti“. Gli abbonati hanno accesso agli articoli completi di Analisi, OSINT e Sintesi. Gli articoli negli archivi (più vecchi di 2 anni) sono riservati agli abbonati Premium.

A partire da € 6,50 al mese – Nessun impegno di tempo.


Related posts

Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE