Dopo 100 giorni di guerra in Ucraina, la Francia non ha ancora adattato i suoi sforzi e le sue ambizioni di difesa

Informazioni Importanti : Un problema tecnico ha impedito agli abbonati di rinnovare l'abbonamento con lo stesso indirizzo email. Il problema ora è risolto.

Come l'attacco alla Polonia nel 1939 da parte della Germania nazista, e quello di Pearl Harbor da parte della flotta imperiale giapponese nel 1941, l'avvio dell'"operazione militare speciale" russa in Ucraina, il 24 febbraio 2022, ha preso i leader occidentali, compreso il Regno Unito. Stati, a sorpresa, in particolare a livello strategico. Non solo questo ha segnato il ritorno della guerra ad alta intensità, ma ha coinvolto una delle due potenze nucleari più importanti del pianeta. Peggio ancora, non si è svolto in Medio Oriente o in un oscuro paese del Caucaso, ma in Europa, un continente che è stato ampiamente preservato negli ultimi decenni, almeno dopo le guerre di Jugoslavia. E il minimo che si possa dire è che questa nuova realtà geopolitica non era stata anticipata dai leader occidentali, i loro eserciti non essendo, per la maggior parte, né dimensionati, né organizzati e attrezzati per rispondere a questo tipo di impegno, sia in termini di potenza di fuoco , resilienza o reattività.

Lo stesso giorno in cui iniziò l'attacco, il capo di stato maggiore della Bundeswehr, il tenente gen. Alfonso Ma, ha scritto sulla sua pagina LinkedIn che le forze armate tedesche, dopo 30 anni di sottoinvestimenti, non erano pronte a rispondere a questo tipo di minaccia, portando il nuovo cancelliere Olaf Scholz a presentarsi solo 3 giorni dopo prima del Bundestag un piano di investimenti molto ambizioso per ripristinare rapidamente le capacità necessarie agli eserciti tedeschis per affrontare la nuova realtà. Ciò si basa su una dotazione di emergenza di 100 miliardi di euro per finanziare le acquisizioni più critiche a breve termine, compresi gli aerei da combattimento F-35A per la missione di condivisione nucleare della NATO, i caccia Typhoon ECR per le missioni di soppressione della difesa aerea nemica, CH-47F Chinook elicotteri da trasporto pesante per sostituire la CH-53 Super Station degli anni '70, sistemi di difesa antiaerei e antimissilistica, veicoli corazzati da combattimento di fanteria e oltre 20 miliardi di euro per ricostituire le scorte di munizioni e pezzi di ricambio in gran parte erose negli ultimi decenni, aumentando al contempo i finanziamenti per i programmi europei critici SCAF, MGCS ed Eurodrone.

Berlino ha annunciato l'ordine di 2 squadroni di F-35A per garantire la missione di deterrenza condivisa della NATO. Questo ordine sarà finanziato dall'eccezionale dotazione di investimenti di 100 miliardi di euro per gli eserciti tedeschi annunciata dal cancelliere Scholz.

Questo piano, che deve ancora ricevere l'approvazione del Bundestag ma che ha già il sostegno della coalizione di governo ma anche della destra tedesca della CDU, prevede di mantenere il livello degli investimenti tedeschi in termini di difesa per 4 anni al suo Livello 2022 (48 miliardi di euro), a cui si aggiungeranno in media 25 miliardi di euro di investimenti eccezionali all'anno fino al 2025, prima di aumentare il budget assegnato a La Défense al 2% del PIL tedesco oltre tale scadenza. Berlino non è, tuttavia, l'unica capitale europea ad aver annunciato un cambiamento significativo nella sua politica e nelle sue ambizioni di difesa dal 24 febbraio. In effetti, quasi tutti i paesi europei hanno fatto lo stesso, L'Italia si è impegnata a portare la spesa al 2% del PIL entro il 2028, i Paesi Bassi avendo fatto lo stesso, come Svezia, Spagna et la maggior parte dei paesi dell'Europa orientale. Polonia, nel frattempo, punta ora a uno sforzo di difesa del 3% del suo PIL, proprio come la Grecia. Anche il Belgio, pur essendo un pessimo studente della Nato in questo campo, ha annunciato un aumento del suo budget per la difesa all'1,5% del suo PIL, un aumento di quasi il 50% rispetto al livello attuale. Ma un paese, e non ultimo l'Europa, è un'eccezione in quest'area, dal momento che la Francia non ha finora annunciato alcuno sviluppo nel suo sforzo di difesa o riguardo alle sue ambizioni in quest'area.


Il resto di questo articolo è riservato agli abbonati

Gli articoli ad accesso completo sono disponibili nella sezione “ Articoli gratuiti“. Gli abbonati hanno accesso agli articoli completi di Analisi, OSINT e Sintesi. Gli articoli negli archivi (più vecchi di 2 anni) sono riservati agli abbonati Premium.

A partire da € 6,50 al mese – Nessun impegno di tempo.


Related posts

Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE