La Francia ha perso la sua audacia nell'innovazione della Difesa?

All'inizio di questa settimana, l'Agenzia francese per l'innovazione della difesa ha lanciato due inviti a presentare progetti da progettare modelli di munizioni vagabondi. Queste armi, a volte impropriamente chiamate droni suicidi, segnano le novità nel conflitto ucraino, con l'arrivo dei modelli Switchblade 300 e 600 e misterioso Phoenix Ghost appositamente progettato dall'industria della difesa statunitense su richiesta degli ucraini. Tuttavia, l'efficacia delle munizioni vagabondi non è emersa durante questo conflitto, né durante la guerra del Nagorno Karabakh nel 2020 durante la quale gli Harops e gli Orbiters di fabbricazione israeliana hanno saturato le difese armene. In effetti, questo tipo di munizioni esiste da diversi decenni, ad esempio l'israeliano Harop ha effettuato il suo primo volo nel 2003, e il loro utilizzo è diventato motivo di preoccupazione dalla metà degli anni 2010, al punto da ispirare scenari cinematografici. grande spettacolo, senza che ciò generi alcuna reazione da parte dei militari e dei grandi industriali francesi.

Sfortunatamente, l'esempio del ritardo di accensione francese in termini di munizioni vagabondi è tutt'altro che aneddotico, e altri esempi recenti, nel campo dei droni, della guerra elettronica, dei sistemi di protezione attiva, CIWS e molti altri, mostrano che la Francia, che aveva costruito il suo successo sulla capacità di anticipare l'emergere di questo tipo di esigenza e di rispondervi in ​​modo creativo, innovativo e differenziato da quello che offrivano americani, inglesi e tedeschi, si è apparentemente allontanato dalla sua tradizionale raffinatezza, al punto ci si può chiedere se il Paese abbia effettivamente perso l'audacia e lo spirito di innovazione che hanno caratterizzato il suo approccio industriale alla difesa. In questo articolo, studieremo le ragioni che hanno portato a questa situazione, ma anche le soluzioni per uscire da questa spirale che, a lungo termine, danneggia sia l'industria della difesa nazionale che l'autonomia strategica e l'influenza internazionale del Paese. , nonché l'efficacia delle forze armate in un contesto tuttavia sempre più teso.

Se lo Switchblade 300 conosce il suo periodo di massimo splendore oggi, è entrato in servizio con le forze speciali statunitensi nel 2011 ed è stato utilizzato con successo in Afghanistan e Iraq

Le ragioni storiche del successo dell'innovazione della difesa francese

Dall'inizio degli anni '50, la Francia si è impegnata a ricostruire la sua industria della difesa e a farne uno strumento al servizio della sua sovranità e della sua influenza internazionale. Per raggiungere questo obiettivo ha fatto una scelta particolarmente proficua, quella di affidarsi a un'organizzazione molto dinamica e agile dei suoi programmi di difesa dando il posto d'onore all'innovazione, così da posizionarsi efficacemente contro i colossi americani e sovietici, ma anche quelli britannici industria ancora molto presente sulla scena internazionale in quel momento. Rapidamente, i produttori francesi hanno mostrato questa audacia in termini di innovazione, ad esempio con l'arrivo del Mirage III, degli elicotteri Alouette e dei veicoli corazzati AMX. Lo sforzo proseguì negli anni '60 e '70, e la Francia si posizionò in altri settori all'avanguardia, come i missili con il Magic, Exocet e Milan, o la costruzione di sottomarini con lanciamissili nucleari classe Redoutable, e producendo nuovi combattimenti di alta qualità aerei ed elicotteri, come il Mirage F1 e gli elicotteri Super Frelon, Gazelle e Puma, quest'ultimo coprodotto con la Gran Bretagna.

Icona della creatività e dell'audacia dell'ingegneria della difesa francese, il Mirage III si è distinto in termini di prestazioni e capacità rispetto al miglior velivolo americano della serie Century.

Questa propensione all'innovazione e all'audacia è culminata nei primi anni '90, con l'arrivo simultaneo del programma Rafale, fregate stealth leggere, missili come il MICA e l'Ade, l'elicottero Tiger e il combattimento Leclerc, tutti con vantaggi molto marcati rispetto -vis i modelli concorrenti americani ed europei. Pertanto, le La Fayette FLF furono le prime navi della linea progettate specificamente per ridurre la loro immagine radar; il MICA offriva capacità e versatilità senza precedenti con i suoi due cercatori IR/EM intercambiabili, e il missile balistico Hades stava già seguendo una traiettoria semi-balistica per contrastare le difese antibalistiche sovietiche, più di 10 anni prima dell'Iskander. Quanto al Tiger, che doveva poi essere ordinato in 225 esemplari dalla Light Aviation of the Army, offriva costi di acquisto e utilizzo più di 2 volte inferiori a quelli dell'Apache americano, per prestazioni comparabili. Alla fine, all'inizio degli anni '90, la produzione industriale francese era perfettamente competitiva e offriva approcci innovativi differenziati da quella degli Stati Uniti, questo avendo permesso al Paese di affermarsi come il 3° esportatore di sistemi di difesa del pianeta, dietro Stati Uniti e Russia.

Evoluzione verso un approccio conservativo alla produzione industriale di difesa


Il resto di questo articolo è riservato agli abbonati

Gli articoli ad accesso completo sono disponibili nella sezione “ Articoli gratuiti“. Gli abbonati hanno accesso completo agli articoli di notizie, analisi e sintesi. Gli articoli in Archivio (più vecchi di 2 anni) sono riservati agli abbonati professionisti.

A partire da 5,90€ al mese (3,0€ al mese per gli studenti) – Nessun impegno di tempo.


Related posts

Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE