Dopo il Freedoms, l'Independence LCS della US Navy sta affrontando gravi fallimenti

Più passa il tempo, più il programma Littoral Combat Ship della US Navy, che dovrebbe prefigurare gli sviluppi del combattimento navale litoraneo, sembra unirsi alla lunga lista di impasse tecnologici e operativi di cui il Pentagono ha fatto una specialità negli ultimi 30 anni. Dopo aver abbandonato, nel 2014, il principio del modulo di combattimento che doveva consentire alle due classi Freedom e Independence costituenti il ​​programma di avere una flessibilità operativa avanzata dotandosi, a seconda delle esigenze, di capacità di guerra antinave, guerra antisommergibile, intelligence e guerra elettronica o guerra con le mine, il personale della Marina degli Stati Uniti non ha mai smesso di cercare di ridurre il numero di navi da costruire, rendendosi conto che questi edifici non soddisfacevano più le esigenze operative per far fronte a marine avanzate come la flotta cinese, ma si è inventato contro senatori e rappresentanti americani ogni anno che si oppongono fermamente alla riduzione del format inizialmente previsto.

Nel 2019, però, la US Navy è riuscita a limitare il numero di navi a 52 a 38 navi, 19 per classe, e si è mossa verso una nuova strategia, dotando 15 navi di ogni classe di uno specifico modulo di guerra mine o antisommergibile guerra, gli altri edifici essendo riservati a scopi di test e addestramento. Allo stesso tempo, l'ammiraglio Gilday, capo di stato maggiore della Marina degli Stati Uniti, ha deciso di rafforzare le capacità operative e difensive di queste navi, in particolare dotandoli di missili anti-nave NSM. Tuttavia, questa non era la fine delle avventure di questo programma. Infatti, in questa stessa data, è apparso seri problemi con il sistema di propulsione impiegato dalla Freedom-class LCS, portando a guasti a cascata non appena le navi furono schierate, portando la Marina degli Stati Uniti a richiedere il ritiro dal servizio attivo di 9 delle 15 LCS classe Freedom già prodotte nel 2023, ritenendo la sostituzione del sistema di propulsione troppo costosa per queste navi già costruito, mentre fu abbandonato anche il modulo di guerra antisommergibile che doveva anche equipaggiare le navi.

Di fronte a gravi problemi con il suo sistema di propulsione Pump-jet, la Marina degli Stati Uniti vuole ritirare 9 della sua LCS di classe Freedom nel 2023

In questo contesto, le rivelazioni fatte a seguito di un'indagine svolta dal sito americano NavyTime non farebbero mentire la famosa legge di Murphy. Secondo loro, ora è la seconda classe del programma, la classe dell'Indipendenza, che sta affrontando seri problemi. In effetti, i cedimenti strutturali che hanno portato alla comparsa dei crick hanno costretto la Marina degli Stati Uniti a vietare a queste navi di salpare oltre il livello del mare 4, cioè con avvallamenti oltre i 2,5 metri, e a non superare la velocità di 15 nodi, anche se la LCS ha scommesso un gran parte del loro valore aggiunto operativo proprio alle alte velocità, comprese tra 35 e 40 nodi. Si sono così osservati grossi crepacci su 6 dei primi 10 LCS di classe Independence in servizio, che richiederanno, secondo gli esperti intervistati dal sito americano, importanti lavori di consolidamento che potrebbero immobilizzare le navi per un lungo periodo, e soprattutto renderle più pesante, al punto da modificarne le qualità nautiche e quindi la velocità potenziale.


Il resto di questo articolo è riservato agli abbonati

Gli articoli ad accesso completo sono disponibili nella sezione “ Articoli gratuiti“. Gli abbonati hanno accesso completo agli articoli di notizie, analisi e sintesi. Gli articoli in Archivio (più vecchi di 2 anni) sono riservati agli abbonati professionisti.

A partire da 5,90€ al mese (3,0€ al mese per gli studenti) – Nessun impegno di tempo.


Related posts

Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE