Quali soluzioni per affrontare la minaccia dei droni leggeri e delle munizioni vaganti?

All'inizio dell'offensiva russa contro l'Ucraina, l'equilibrio delle forze, in particolare in termini di potenza di fuoco disponibile, era così tanto favorevole alle forze russe che sembrava molto difficile, se non impossibile, perché le forze ucraine potevano resistere a più di un poche settimane di fronte all'assalto di fuoco e acciaio che doveva venire. Tuttavia, il comando ucraino è riuscito a utilizzare al meglio i mezzi a sua disposizione per sfruttare le debolezze dell'avversario, come la necessità di rimanere su strade e strade asfaltate, per vessare con unità di fanteria mobili e determinate, le linee logistiche russe, mentre bloccando le offensive meccanizzate che fanno affidamento sui centri urbani. In tutti questi scontri, gli eserciti ucraini hanno fatto ampio uso di droni leggeri per localizzare e tracciare le unità russe, nonché per dirigere devastanti attacchi di artiglieria con alta precisione.

Il ruolo crescente dei droni nei recenti impegni militari

Questi droni leggeri hanno svolto un ruolo importante nell'eliminazione delle forze d'attacco russe e nei 600 carri armati e circa 800 veicoli corazzati persi dall'inizio dello scontro. Soprattutto, sono stati al centro dello sforzo ucraino che ha permesso di distruggere quasi 1.000 camion che compongono il treno logistico russo, avendo svolto un ruolo decisivo nel fallimento dell'offensiva contro Kiev e il nord del Paese. Per raggiungere questo obiettivo, lo Stato Maggiore ucraino si è affidato a un know-how privato, composto da piccole unità dedicate, implementando droni commerciali modificati per soddisfare le aspettative militari, in particolare dotandoli di efficienti sistemi elettro-ottici, giorno e notte, in modo da condurre imboscate hit-and-fade nelle migliori condizioni possibili. Ancora oggi, poiché la natura del conflitto si è evoluta verso un approccio più convenzionale, questi droni leggeri continuano a rappresentare una minaccia costante per le forze russe, in particolare dirigendo attacchi di artiglieria ucraina molto efficaci, mentre le munizioni vaganti Switchblade 300 e 600 iniziano a arrivare al fronte.

I droni ucraini hanno svolto un ruolo chiave nel molestare le linee logistiche delle forze russe inviate contro Kiev

L'Ucraina non è il primo teatro in cui i droni commerciali leggeri hanno giocato un ruolo decisivo. Già nel 2015 in Siria, combattenti dello Stato islamico e delle Forze siriane libere hanno utilizzato questi droni leggeri per attacchi di precisione, anche contro la base aerea russa molto strategica e molto protetta di Khmeimim, danneggiando diversi aerei da combattimento per questa manovra. Nello Yemen, anche i combattenti Houthi hanno fatto di questo tipo di conversione una specialità, arrivando al punto di progettare munizioni vagabonde a lungo raggio per colpire le basi saudite. Durante la guerra del Nagorno-Karabakh nel 2020, le forze azere, avvalendosi del supporto militare e tecnologico della Turchia e soprattutto degli israeliani, hanno utilizzato anche molti droni, sia per dirigere i loro attacchi di artiglieria che sotto forma di munizioni vaganti. Ogni volta, le forze prese di mira si trovavano incapaci di combattere questi droni leggeri, troppo piccoli e troppo lenti per essere presi di mira dai sistemi antiaerei convenzionali e troppo mobili per essere abbattuti da armi leggere.

Gli eserciti occidentali sono consapevoli da diversi anni della minaccia rappresentata da questi droni leggeri e dalla loro versione offensiva, munizioni vagabonde a volte erroneamente indicate come il drone suicida, e si stanno prendendo in considerazione 4 approcci tecnologici per affrontarlo, ognuno con i propri vantaggi ma anche vincoli specifici: disturbo delle comunicazioni elettromagnetiche, armi ad energia diretta di tipo laser, armi ad energia diretta di tipo a microonde e sistemi di artiglieria antiaerea.

Interferenze nelle comunicazioni e pistole antidrone

Se l'immagine pubblica dei droni militari lascia il posto a fantasie di intelligenza artificiale e droni killer che agiscono da soli, la realtà è molto meno spettacolare, la stragrande maggioranza dei droni leggeri e medi viene pilotata direttamente da un operatore tramite una connessione UHF o VHF . Se il drone si trova privato di questa connessione, non è in grado di svolgere la sua missione, quindi cerca di atterrare o tornare al suo punto di origine, se ha un segnale GPS per navigare. In effetti, è diventato subito evidente che il jamming elettromagnetico poteva costituire una risposta adeguata per contrastare la minaccia rappresentata da questi droni, sia in ambito militare che civile, ed è per questo che la maggior parte dei grandi stadi è ora dotata di jammer per prevenire la luce droni per interrompere le competizioni sportive. I militari, invece, si sono dotati di fucili antidrone, jammer direzionali destinati a privare il drone preso di mira delle sue capacità di comunicazione e geolocalizzazione.

i fucili antidrone hanno una portata molto limitata e un'efficacia sempre più discutibile contro i droni leggeri di livello militare

Sfortunatamente, questi sistemi hanno i loro limiti. Da un lato i fucili antidrone hanno una portata ridotta a poche centinaia di metri, le onde elettromagnetiche hanno la sfortunata tendenza a disperdersi nell'atmosfera e perdere potenza al quadrato della distanza che separa trasmettitore e bersaglio. Inoltre, i droni potrebbero essere stati progettati per cambiare le frequenze in caso di disturbo, complicando così il compito dei jammer. Per alcune munizioni vaganti, a condizione che il bersaglio sia stato individuato e confermato dall'operatore prima dell'inceppamento ea distanza di sicurezza, è possibile proseguire l'attacco in autonomia. Infine, queste armi antidrone il più delle volte non offrono alcun sistema di rilevamento avanzato per i droni, che il più delle volte si basa sulla vista degli operatori, o su sistemi di rilevamento secondari per dirigere il fuoco. In altre parole, il jamming può solo costituire un sistema ausiliario per contrastare i droni leggeri, ma in nessun caso una soluzione globale e duratura.

Armi a energia laser diretta

Per combattere i droni leggeri e medi, diverse forze armate, comprese quelle statunitensi, hanno deciso di affidarsi ad armi ad energia diretta, ed in particolare a laser ad alta energia. Dunque l'esercito americano ha sviluppato il DE-SHORAD Guardian, un veicolo corazzato Stryker montato con un laser da 50 Kw e un sistema di rilevamento elettro-ottico multispettrale per ingaggiare e distruggere droni e munizioni vaganti e proteggere le unità schierate in combattimento. Con tale potenza, distruggere un drone di categoria 1 (fino a 20 libbre) o 2 (fino a 55 libbre) richiede solo pochi secondi e queste armi sono in grado di affrontare un gran numero di bersagli in breve tempo, e quindi rispondere ad attacchi volti a saturare le difese avversarie. Approcci simili sono sviluppati nella maggior parte dei maggiori eserciti del mondo, in Francia dalla compagnia CILAS che da pochi mesi è entrata a far parte dei gruppi SAFRAN e MBDA.

Il DE-SHORAD Guardian dell'esercito americano entrerà in servizio quest'anno ed è chiamato a svolgere un ruolo centrale nella lotta contro i droni nella zona di combattimento

Tuttavia, queste armi non sono prive di vincoli, in primo luogo la necessità di disporre di una grande fonte di energia elettrica per funzionare. Tuttavia, chi dice che la produzione di elettricità dice un significativo rilascio di calore e un fabbisogno di carburante. Pertanto, il DE-SHORAD Guardian è caratterizzato da grandi aspiratori di calore che coprono quasi l'intero veicolo, che non sono molto discreti per chi ha telecamere termiche. Inoltre i laser vedono diminuire le loro prestazioni anche al peggioramento delle condizioni atmosferiche, la polvere e le molecole d'acqua presenti nell'aria indeboliscono la potenza del raggio, che deve poi puntare più a lungo su un bersaglio per ottenere l'effetto termico desiderato per assicurarne la distruzione. Infine, e questo è tutt'altro che trascurabile, queste tecnologie finora non sono mai state utilizzate in combattimenti reali, e non sappiamo fino a che punto questi laser saranno in grado di resistere ai vincoli di un impegno operativo nel tempo intensivo.

Armi a energia diretta a microonde

Se il jamming mira a privare il drone dei suoi sistemi di comunicazione e i laser a distruggere l'integrità strutturale del drone dall'effetto termico rilasciato, le armi a microonde mirano a distruggere i sistemi elettronici incorporati nel drone. Come un'arma a impulsi elettromagnetici, questi sistemi proiettano potenti radiazioni a microonde direzionali in grado di distruggere tutti i componenti elettronici presenti nell'area bersaglio, come un forno a microonde distruggerà il tuo cellulare se ti viene in mente l'idea di mettere il secondo nel primo. Anche in questo campo sono di iniziativa gli eserciti statunitensi, con il sistema THOR (Tactical High Power Operational Responder) della US Air Force, e il sistema IFPC-HPM for Indirect Fire Protection Capability- High Power Microwave, dell'US Esercito, da cui deriva.

Le armi a microonde, come il THOR dell'aeronautica americana, possono essere utilizzate solo per proteggere le aree critiche dalla minaccia rappresentata dai droni sciami

Se questi sistemi sono progettati per liberare una parte del cielo dalla minaccia dei droni, e in particolare dai droni che si evolvono in sciami, entrambi soffrono di un vincolo di spazio molto significativo. infatti, sia il THOR che l'IFPC-HPM si svolgono in un container di 20 piedi, che contiene sia il sistema di produzione elettrica, che il sistema di controllo e la stessa pistola a microonde. Inoltre, per quanto imponente, questo sistema ha una portata limitata a pochi chilometri, limitandone l'uso alla protezione di basi chiave contro gli attacchi massicci dei droni, il che lo rende un'arma molto specializzata e di difficile trasposizione, come fanno le microonde non distingue tra sistemi elettronici alleati e avversari.

Artiglieria contraerea e micromissili

L'ultima risposta alle minacce poste dai droni leggeri si basa sui tradizionali sistemi di artiglieria antiaerea. Questo è in particolare il tracciato scelto dalla Russia dopo le battute d'arresto in Siria, modificando i propri sistemi antiaerei Pantsir S1/2 e TOR M2 per poter rilevare e ingaggiare piccoli droni che si muovono a bassa velocità. Infatti, tradizionalmente, i sistemi antiaerei di questo tipo eliminano bersagli di questo tipo dagli schermi di controllo, in modo da non saturare gli schermi ad ogni volo di storni, e i russi hanno eliminato urgentemente questi filtri per poter contrastare i droni FSL, con un certo successo sembra. Tuttavia, queste capacità non fornivano una protezione efficace dei convogli russi nell'Ucraina settentrionale, probabilmente perché solo una parte dei sistemi era stata modificata per rispondere a questa minaccia, non ce n'erano abbastanza per proteggere tutti i convogli e vedevano le loro capacità ridotto quando hanno cercato di fornire una scorta mobile e non statica come in Siria.

La torretta Skyranger 30 è una risposta efficace ma limitata alla minaccia rappresentata dai droni leggeri

Tuttavia, l'artiglieria antiaerea rappresenta una risposta interessante contro parte della minaccia rappresentata dai droni leggeri di categoria 1 e 2. Pertanto, la tedesca Rheinmetall ha sviluppato il sistema Skyranger 30 armato con un cannone da 30 mm proprio per ingaggiare droni e minacce aviotrasportate all'interno di un Raggio di 3 km, supportato da missili terra-aria a corto raggio per minacce fino a 7 km. In Francia, è il RapidFire di Thales e Nexter, che equipaggerà in particolare le motovedette oceaniche e le petroliere della Marina francese, che si occuperà di questo tipo di minaccia, mentre sarebbe prevista anche una versione terrestre per equipaggiare gli eserciti francesi con SHORAD potenziato e capacità anti-drone. D'altra parte, questi sistemi soffrono di una grave debolezza, una portata troppo limitata per ingaggiare droni di categoria 2 che si spostano oltre i 3 o 4 km di protezione che forniscono e la cui firma infrarossa è troppo debole a questa distanza per essere ingaggiata da missili antiaerei leggeri o MANPADS a guida infrarossa.

Per colmare queste carenze, diversi paesi hanno intrapreso lo sviluppo di missili antiaerei di dimensioni ridotte destinati a combattere i droni leggeri oltre il perimetro coperto dai cannoni antiaerei. L'obiettivo è fornire una risposta economicamente sostenibile per abbattere droni che, nella migliore delle ipotesi, costano solo poche decine di migliaia di dollari, dove il più piccolo missile terra-aria del tipo Manpad supera gli 80.000 dollari per unità. Tuttavia, riducendo le dimensioni dei missili, riduciamo la portata e la precisione del sistema di guida. Infatti, ad oggi, non è noto se questo approccio, adottato in particolare dalla Russia, sia davvero una soluzione praticabile ed efficace, o se sia un vicolo cieco tecnologico.

Conclusione

Come possiamo vedere, non esiste una soluzione definitiva in grado di affrontare pienamente la minaccia rappresentata dai droni leggeri e medi e dai loro derivati ​​vaganti di tipo munizioni. Sebbene i sistemi di disturbo abbiano rappresentato una prima risposta a breve termine, è probabile che la loro efficacia militare tenderà a diminuire man mano che i droni si evolvono per aumentare le loro capacità in quest'area. L'artiglieria antiaerea è sempre una soluzione efficace e relativamente semplice da implementare purché i sistemi di rilevamento e avvistamento siano adatti a questo tipo di bersaglio, ma possa coprire solo una parte della minaccia in un perimetro. Le armi a microonde, invece, sono estremamente specializzate, e possono solo fornire una soluzione specifica ad una precisa esigenza, anche se in questo campo non hanno eguali.

la capacità di far evolvere i droni a sciami è ancora sperimentale, ma costituirà nel prossimo futuro una componente decisiva delle capacità offensive dei grandi eserciti moderni

Le armi basate su laser ad alta energia sembrano, invece, fornire le migliori risposte in questo campo, anche se non sono nemmeno prive di vincoli, e se ancora non sappiamo che sarà la resistenza al combattimento. Tuttavia, molti eserciti, al di là delle forze americane che stanno sviluppando ben 4 programmi laser ad alta energia contemporaneamente, hanno deciso di intraprendere questa strada, sia per proteggere le proprie forze di terra che per le proprie unità navali. Inoltre, anche i vincoli meteorologici sopra menzionati possono essere ridotti quando il laser rispetta determinate frequenze, in modo che possano fornire una protezione efficace anche quando le condizioni meteorologiche sono sfavorevoli, tanto più che le cattive condizioni ostacolano pesantemente anche l'implementazione di droni leggeri.

Resta il fatto che, oggi, la stragrande maggioranza dei programmi di questo tipo è ancora sperimentale, anche se il Guardian dell'esercito americano dovrebbe entrare in servizio quest'anno in numero limitato, mentre la minaccia rappresentata dai droni e dalle munizioni vagabonde è bella e ben presentata , e in rapida crescita. In questo campo, come in quello dei droni leggeri e delle munizioni erranti, gli eserciti europeo in generale, e quello francese in particolare, sono ancora una volta indietro, mentre si congratulano per aver ricevuto veicoli blindati che saranno dotati di IED jammer in prossimi anni. Probabilmente è essenziale, per sopperire al ritardo e cercare di riconquistare il predominio tecnologico in alcuni ambiti chiave, che i cicli decisionali e finanziari all'interno degli eserciti siano rivisti in profondità, anche a costo di offendere certe sensibilità, fallire che paesi più opportunisti come Israele, Corea del Sud o Cina conquisteranno quote di mercato sempre maggiori negli anni a venire.

Related posts

Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE