Naval Group si ritira dalla competizione sottomarina P75i AIP dell'India

Fino a poco tempo fa, Naval Group è stato considerato uno dei favoriti per la competizione P75i lanciata nel 2017 da New Delhi progettare e costruire localmente 6 nuovi sottomarini d'attacco dotati di un sistema di propulsione anaerobica, designati dall'acronimo inglese AIP per Air Independent Propulsion. Lo specialista francese in navi e sottomarini militari poteva infatti fare affidamento sul precedente programma P75, lanciato nel 1999, basato sul sottomarino Scorpene, e la cui sesta ed ultima unità è stata varata mercoledì 6 aprile. Dopo un inizio difficile, come spesso accade in India, il programma è riuscito a proseguire una dinamica industriale efficiente con i cantieri navali Mazagon Dock Limited a Bombay, e le consegne sono seguite a ritmo costanteu negli ultimi anni, offrendo alla Marina indiana un nuovo sottomarino performante e particolarmente discreto, di gran lunga superiore al Kilo e al Tipo 209 ancora in servizio.

Questa difficile competizione ha portato il gruppo svedese Saab e il suo costruttore navale Kockums a gettare la spugna nel 2020, e anche lo specialista tedesco TKMS aveva annunciato di volersi ritirare nell'ottobre 2020, lasciando solo ile Russian Rubin con la classe Amur, lo spagnolo Navantia con l'S-80, il sudcoreano Huyndai con il DSME-3000 derivato da Dosan Ahn Changho classe;e il gruppo navale francese con l'SMX 3.0 competere. Sembra da allora che TKMS abbia fatto marcia indietro ed è rimasto in concorrenza con il suo Tipo 214. Tuttavia, tutto ha portato a credere che New Delhi ha visto l'offerta di Parigi con grande benevolenza, fino a quando le condizioni per l'aggiudicazione dell'appalto non sono state modificate dalle autorità indiane, richiedendo che il sistema di propulsione anaerobica proposto dai costruttori sia già in servizio a bordo delle navi operative. Sfortunatamente per il gruppo navale, il sistema AIP di nuova generazione proposto non è mai stato installato su una nave, escludendo di fatto il gruppo francese dalla concorrenza.

Il Vagsheer, il 6° e ultimo sottomarino di classe Kalvari progettato da Naval Group, è stato varato il 20 aprile 2022 a Bombay

Tuttavia, questo nuovo requisito potrebbe significare la fine del programma stesso P75i, dal momento che di tutti i sottomarini rimasti in corsa, solo il modello sudcoreano è effettivamente in servizio, così come quello del tedesco Type 214, se non del tutto. TKMS ha deciso di tornare alla competizione. In realtà i requisiti iniziali del programma, quelli che hanno portato svedesi e tedeschi a gettare la spugna, e i giapponesi a non gareggiare, sembrano contraddittori con i nuovi requisiti pubblicati, escludendo infatti Naval Group, ma anche l'offerta del Il russo Rubin nello stesso caso del gruppo francese, e lo spagnolo S80 che non è ancora operativo. Già si alzano le voci nel subcontinente contro questa nuova esigenza che porta alla concorrenza con un unico offerente, la sudcoreana Hyundai, con i rischi che ciò impone allo svolgimento e alla serenità del programma.


Il resto di questo articolo è riservato agli abbonati

Gli articoli ad accesso completo sono disponibili nella sezione “ Articoli gratuiti“. Gli abbonati hanno accesso agli articoli completi di Analisi, OSINT e Sintesi. Gli articoli negli archivi (più vecchi di 2 anni) sono riservati agli abbonati Premium.

A partire da € 6,50 al mese – Nessun impegno di tempo.


Related posts

Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE