Il programma F-35 deve ancora affrontare ritardi significativi e sforamenti dei costi

Negli ultimi mesi, l'F-35 ha vinto in molte competizioni internazionali, anche in Europa Che si tratti di Svizzera, Finlandia, Canada o Germania, il dispositivo Lockheed-Martin ha sistematicamente preso il sopravvento sui suoi omologhi occidentali, come l'americano Super Hornet, o il Rafale europeo, Typhoon e Gripen. Paradossalmente, allo stesso tempo, il Pentagono ha annunciato che intende ridurre il numero di F-35 che verranno acquisiti entro il 2025, in modo sostanziale. Infatti, nonostante il suo innegabile successo commerciale, il dispositivo continua a subire notevoli ritardi per quanto riguarda la disponibilità della versione Block 4 del dispositivo, considerata dal Pentagono come la prima versione pienamente operativa, ora posticipato al 2029, oltre ai costi cumulativi aggiuntivi per gli investimenti necessari allo sviluppo di questa versione.

Ancora una volta, lo è la relazione annuale del Government Accountability Office, o GAO, che lancia l'allarme su questo programma, come ha fatto in diverse occasioni dal suo lancio. In effetti, secondo questo rapporto, più diun terzo degli F-35 che verranno prodotti sarà stato prodotto prima che la versione finale del Block 4 fosse disponibile, questo comporta notevoli costi aggiuntivi per i clienti che dovranno modernizzare rapidamente i propri dispositivi per raggiungere questo standard operativo. Questo, unito agli effetti sempre più rilevanti dell'inflazione americana e mondiale sul prezzo finale del velivolo, ma anche alla necessità di rimotorizzare il velivolo, e ai tempi di consegna consecutivi dell'emergenza Covid, ma anche a tanti problemi di qualità sul Lockheed-Martin Supply Chain, ha portato la US Air Force a ridurre significativamente le proprie acquisizioni per i prossimi anni, ridotte a 33 velivoli nel 2023, e solo 29 velivoli nel 2024, rispetto ai 48 del 2022.

I prezzi relativamente bassi dell'F-35 possono essere mantenuti solo con una produzione sostenuta dalla catena di montaggio e dalla sua rete di subappalto

Per la US Air Force, ma anche in misura minore per la US Navy e il US Marines Corps, non ha molto senso dotarsi di dispositivi che non sono nella versione finale, anche se tutti questi eserciti devono affrontare notevoli sfide di bilancio, come l'acquisizione dell'F-15EX per la US Air Force per rafforzare la sua posizione nel Pacifico. Inoltre, dal 2010 il Pentagono ha assorbito gran parte dei costi aggiuntivi legati al lancio industriale del programma, e ora intende affidarsi ad altri clienti e utilizzatori del dispositivo per mantenere l'attività della filiera produttiva. In altre parole, è indiscutibilmente il successo delle esportazioni degli F-35A e B che ora consente agli eserciti statunitensi di rallentare il ritmo delle acquisizioni, in attesa del 2029 e della versione finale e pienamente operativa dell'F-XNUMXA e B. aerei, ma anche l'arrivo del NGAD dalla US Air Force e dell'F/A-XX dalla US Navy...


Il resto di questo articolo è riservato agli abbonati

Gli articoli ad accesso completo sono disponibili nella sezione “ Articoli gratuiti“. Gli abbonati hanno accesso completo agli articoli di notizie, analisi e sintesi. Gli articoli in Archivio (più vecchi di 2 anni) sono riservati agli abbonati professionisti.

A partire da 5,90€ al mese (3,0€ al mese per gli studenti) – Nessun impegno di tempo.


Related posts

Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE