La US Navy vuole eliminare 5 squadroni di aerei da guerra elettronica EA-18G Growler

Dal ritiro degli ultimi EF-111A Ravens dalla US Air Force nel 1998, la US Navy è stata l'unica forza aerea statunitense con una flotta di caccia tattici dedicati alla guerra elettronica e alla soppressione delle difese antiaeree nemiche. , inizialmente in servizio EA-6B Prowler, poi, dal 2011, su EA-18G Growler, una versione del Super Hornet F/A 18 F appositamente per questa missione. Tuttavia, le esigenze del Pentagono per questo tipo di missioni non sono scomparse con il ritiro degli EF-111A, e gli F-16C/D dotati di missili HARM non sono stati sufficienti per garantire le missioni di scorta delle forze aeree nelle aree contese. Per questo, oltre ai 9 squadroni a bordo delle portaerei della US Navy, quest'ultima ha allestito 5 squadroni cosiddetti "di spedizione" per sopperire a questa mancanza, e opera da basi di terra a beneficio dell'US Air Force e le forze aeree alleate, in particolare in Italia e Giappone.

Ora, però, ogni dollaro conta per la marina americana per finanziare la sua evoluzione operativa per affrontare la sfida cinese e, ovviamente, non intende più assumere missioni che non rientrino in senso stretto nelle sue competenze. Così, nei documenti preparatori per il bilancio 2023 del Pentagono, si chiede di farlo mettere fuori servizio i 5 squadroni di guerra elettronica di spedizione e mettere i 25 Growler EA-18G che li armeranno sotto naftalina entro il 2025, liberando così più di 1000 marinai e ufficiali per altre missioni, oltre a oltre 800 milioni di dollari negli anni a venire, ovvero la metà del prezzo di una nuova fregata di tipo Constellation. Ricordiamo al riguardo che il Aveva convocato il Congresso americano, lo scorso luglio, che l'aeronautica americana acquisisce nuovamente il proprio apparato di guerra elettronica e la soppressione delle difese antiaeree nemiche.

Dal ritiro dell'EF-111A Raven dalla US Air Force, l'unico velivolo dedicato alla guerra elettronica e alla soppressione delle difese antiaeree americane (SEAD) è stato l'EA-6B Prowler poi l'EA-18G Growler degli Stati Uniti Air Force. "Marina degli Stati Uniti. Qui due Growler decollano dalla base di canottaggio in Italia nel 1999 durante l'intervento della NATO in Kosovo.

Questa proposta, che deve ancora essere approvata dalla Casa Bianca e dal Congresso, tutt'altro che certa, mostra, tuttavia, un profondo cambiamento nell'atteggiamento della US Navy, già avanzato con la presentazione del piano di costruzione navale fino al 2045 pochi giorni fa. Sembra, infatti, che la US Navy non intenda più tentare di “risolvere i problemi” del Pentagono o dei parlamentari americani, proponendo modelli complessi e costosi da implementare. Di fronte a un contratto operativo sempre più impegnativo e alle risorse che, tutto sommato, restano limitate rispetto alle ambizioni manifestate al Campidoglio, al Pentagono e alla Casa Bianca, lo Stato Maggiore della Marina degli Stati Uniti ora pone compromessi chiari o addirittura eccessivi, così da provocare, si potrebbe pensare, una presa di coscienza a livello politico sui mezzi che saranno effettivamente necessari per affrontare le sfide che verranno.


Il resto di questo articolo è riservato agli abbonati

Gli articoli ad accesso completo sono disponibili nella sezione “ Articoli gratuiti“. Gli abbonati hanno accesso completo agli articoli di notizie, analisi e sintesi. Gli articoli in Archivio (più vecchi di 2 anni) sono riservati agli abbonati professionisti.

A partire da 5,90€ al mese (3,0€ al mese per gli studenti) – Nessun impegno di tempo.


Related posts

Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE