La US Navy offre 3 opzioni per il futuro della sua forza navale

Per molti anni, la pianificazione della costruzione navale della Marina degli Stati Uniti è stata a dir poco caotica, con piani e obiettivi successivi divergenti, a volte persino contraddittori. L'argomento è anche oggetto di feroce opposizione tra senatori e rappresentanti repubblicani, sostenitori di una flotta imponente, e le loro controparti democratiche che desiderano tenere sotto controllo il bilancio della difesa. Al di là delle ambizioni a volte fantasiose presentate negli ultimi anni, e dei tanti stalli che hanno contrapposto il Pentagono ai parlamentari americani, in particolare sul tema del ritiro di alcuni edifici, è stato quindi necessario che la Marina degli Stati Uniti presentasse una strategia di pianificazione navale coerente e ragionevole, così da anticipare e tenere sotto controllo l'ascesa al potere delle forze navali di alcuni paesi, in particolare Cina e Russia. E il piano presentato questa settimana dallo Stato Maggiore della Marina degli Stati Uniti risponde a questa esigenza, pur essendo parte del particolare contesto dell'equilibrio delle forze politiche negli Stati Uniti.

In effetti, il piano presentato non si basa su uno, ma su 3 ipotesi, offrendo ai legislatori americani la possibilità di arbitrare efficacemente, all'interno di un determinato quadro, gli orientamenti di questa strategia navale, nonché le ambizioni americane in questo campo, e ponendoli così, in un certo modo, davanti alle proprie responsabilità, al di là di partigianee e sterili posizioni che hanno ostacolato questi sforzi per anni. Le prime due ipotesi si basano su uno sforzo di bilancio costante senza un aumento significativo degli investimenti federali nella cantieristica oltre alla compensazione dell'inflazione, è vero un parametro importante negli ultimi anni oltre Atlantico. La terza ipotesi si basa su un maggiore sforzo in quest'area, con un aumento del budget totale di 75 miliardi di dollari tra il 2025 e il 2045. Questi piani riguardano solo navi con equipaggio, la strategia mira a dotare la Marina degli Stati Uniti di 89-149 navi autonome entro il 2045 essere indipendente da questo sforzo.

Con il ritiro degli incrociatori Ticonderoga entro il 2027 e in attesa dei nuovi cacciatorpediniere DDG(x), il DDG51 Arleigh Burkes sarà l'unico grande combattente di superficie della US Navy per diversi anni

Le prime due ipotesi offrono un compromesso relativamente semplice, poiché la prima fa affidamento su un maggior numero di grandi navi da combattimento a scapito della dimensione complessiva della US Navy, mentre la seconda propone una riduzione del numero di queste grandi navi per finanziare più navi di medie dimensioni e attaccare sottomarini. Così, la prima ipotesi propone, per il 2045, una flotta composta da 10 portaerei nucleari, 75 cacciatorpediniere, 44 fregate e LCS, 55 sottomarini d'attacco nucleare, 47 navi anfibie, 46 navi logistiche e 29 navi appoggio. Nella seconda ipotesi, la flotta viene riorganizzata con 10 portaerei (-), 70 cacciatorpediniere (-5), 49 fregate e LCS (+5), 60 sottomarini d'attacco nucleare (+5), 40 navi navi (-7), 51 navi logistiche (+5) e 29 navi appoggio, oltre a un primo nuovo sottomarino missilistico da crociera nucleare, per un totale di 322 navi contro le 318 dell'ipotesi 1. Infatti la prima ipotesi privilegia la potenza di fuoco, un cacciatorpediniere che ne trasporta il doppio missili come fregata e sottomarino d'attacco nucleare combinati, ma un potenziale di distribuzione della forza inferiore, mentre il secondo propone una maggiore capacità di distribuzione, ma meno potenza di fuoco.


Il resto di questo articolo è riservato agli abbonati

Gli articoli ad accesso completo sono disponibili nella sezione “ Articoli gratuiti“. Gli abbonati hanno accesso completo agli articoli di notizie, analisi e sintesi. Gli articoli in Archivio (più vecchi di 2 anni) sono riservati agli abbonati professionisti.

A partire da 5,90€ al mese (3,0€ al mese per gli studenti) – Nessun impegno di tempo.


Related posts

Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE