Decolla il programma Pele Transportable Nuclear Reactor del Pentagono

Ogni giorno il Pentagono consuma 50 milioni di litri di carburante per le sue forze armate, cifra che potrebbe più che raddoppiare in caso di uno scontro importante. Oltre ai costi esorbitanti che tale consumo rappresenta anche per un Paese produttore di petrolio come gli Stati Uniti, e all'impatto sempre più problematico per i circa 100 milioni di kg di CO2 immessi nell'atmosfera ogni giorno, questa dipendenza costituisce anche un mal di testa logistico permanente per le forze americane schierate fuori dal territorio, anche se la guerra in Ucraina ha dimostrato l'immensa vulnerabilità delle catene logistiche di fronte ai moderni sistemi d'arma e ad una fanteria motivata che sfrutta tecniche di guerriglia efficienti. Inoltre, il problema non può che aumentare con l'entrata in servizio di capacità sempre più operative legate alla produzione di energia elettrica, come armi ad energia diretta, veicoli a propulsione elettrica o ibrida, sistemi informatici, sistemi di rilevamento e comunicazione sempre più potenti, e quindi ad alta intensità energetica .

L'idea di schierare un mini-reattore nucleare per produrre l'energia elettrica necessaria alle forze armate non è nuova agli Stati Uniti. Così il Pentagono aveva avviato degli studi a metà degli anni Cinquanta per soddisfare questa specifica esigenza e il progresso tecnico registrato negli ultimi anni ha permesso di rinvigorire questo concetto dall'inizio degli anni 50. 2020 affinché DARPA rilevi ufficialmente il progetto, e finanzia uno studio preliminare per la progettazione di un reattore nucleare di potenza da 1 a 5 GW, in grado di essere imbarcato a bordo di un container aerotrasportabile di 20 piedi. Tre società sono state selezionate per svolgere questa ricerca preliminare, BWX Technologies, Inc in Virginia, Westinghouse Government Services di Washington DC e X-energy nello Stato del Maryland, e il programma è stato ufficialmente chiamato "Programma Pélé", dal nome della dea di fuoco e vulcani della mitologia hawaiana.

Il programma Pelé presentato nel 2020 da DARPA

Lo ha annunciato mercoledì 13 aprile il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti il programma Pelé stava per fare un nuovo passo, con la realizzazione di un prototipo da parte di uno dei due finalisti selezionati, in questo caso BWX Technologies e X-Energy, l'aggiudicazione del contratto definitivo avverrà nelle prossime settimane. L'obiettivo annunciato è quello di poter iniziare a testare il nuovo reattore nel 2024 sul sito dell'Idaho National Laboratory e una dimostrazione operativa dal 2025, secondo il dottor Jeff Waksman responsabile di questo progetto. Alla fine, i reattori di Pélé potranno essere trasportati per via aerea da aerei C-17 ove necessario per supportare il dispiegamento delle forze americane, e quindi semplificare notevolmente la catena logistica per supportare questi sforzi.


Il resto di questo articolo è riservato agli abbonati

Gli articoli ad accesso completo sono disponibili nella sezione “ Articoli gratuiti“. Gli abbonati hanno accesso completo agli articoli di notizie, analisi e sintesi. Gli articoli in Archivio (più vecchi di 2 anni) sono riservati agli abbonati professionisti.

A partire da 5,90€ al mese (3,0€ al mese per gli studenti) – Nessun impegno di tempo.


Related posts

Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE