Gli Stati Uniti intendono rafforzare le proprie capacità di deterrenza in Europa

Attuato dalla metà degli anni '60 nel bel mezzo della Guerra Fredda, e in modo molto riservato, il deterrente condiviso della NATO ha consentito agli eserciti dei suoi membri di utilizzare armi nucleari americane, con un principio noto come "doppie chiavi", gli Stati Uniti e i vertici degli eserciti europei che implementano queste armi hanno entrambi una "chiave" che consente di armare le cariche nucleari, la designazione degli obiettivi essendo, invece, responsabilità del comando integrato dell'Alleanza, non degli Stati stessi. Nel corso degli anni, questo sistema si è evoluto per riunire, su base permanente, solo 5 membri dell'Alleanza, Germania, Belgio, Italia, Paesi Bassi e Turchia, ciascuno con armi nucleari.La NATO sul suo suolo, in questo caso B- 61 bombe nucleari gravitazionali, ma anche dispositivi adattati per implementarle, ovvero F-16 e Panavia Tornado.

Segnata da tempo dal sigillo di segretezza, anche nei confronti dell'opinione pubblica dei paesi partecipanti a questa missione, la comune deterrenza della NATO era però perfettamente nota alle autorità sovietiche, avendo Washington informato Mosca di tale missione in vista delle prime discussioni in merito la limitazione delle armi strategiche nei primi anni 70. Oltre a queste armi, gli Stati Uniti avevano anche schierato sul suolo di alcuni membri della NATO, come Germania, Gran Bretagna e Turchia, capacità nucleari sotto il controllo americano, siano essi missili da crociera Tomahawk , il missile balistico Pershing 2 o le bombe aviotrasportate, in particolare durante la difficilissima crisi degli euromissili tra il 1983 e il 1986, quando anche Francia e Gran Bretagna avevano proprie capacità di attacco nucleare, aereo, navale o terrestre, senza che nessuna di queste capacità fosse controllata dall'AlleanzaAtlantico stesso.

Dal 1977 al 1999, gli F-111 della Lakenheath Air Force Base in Gran Bretagna hanno svolto missioni di deterrenza in Europa a beneficio della NATO e degli Stati Uniti.

Con la fine della Guerra Fredda, l'atteggiamento deterrente sia della NATO che dei suoi membri si è notevolmente ridotto. Gli Stati Uniti hanno ritirato le sue ultime armi nucleari dal suolo europeo nel 2009, mentre la Francia ha rimosso la sua componente terra-terra della sua triade nucleare e la Gran Bretagna da parte sua ha eliminato la componente aerea del suo deterrente per evitare di fare affidamento solo sulla sua balistica sottomarini missilistici. Anche la deterrenza condivisa della NATO è stata presa di mira dalla critica quando il velo di segretezza è stato appassito e parte dell'opinione pubblica ha considerato questa posizione superata. Le tensioni e poi la guerra in Ucraina hanno, ancora una volta, ribaltato profondamente la situazione, così come la percezione dell'opinione pubblica sull'argomento, portando la Germania a schierarsi a favore degli F-35A come i Paesi Bassi, il Belgio e l'Italia , il dispositivo scelto dalla NATO per trasportare la nuova versione della bomba nucleare B-61Mod12 destinata a diventare la munizione standard per la deterrenza condivisa.


Il resto di questo articolo è riservato agli abbonati

Gli articoli ad accesso completo sono disponibili nella sezione “ Articoli gratuiti“. Gli abbonati hanno accesso agli articoli completi di Analisi, OSINT e Sintesi. Gli articoli negli archivi (più vecchi di 2 anni) sono riservati agli abbonati Premium.

A partire da € 6,50 al mese – Nessun impegno di tempo.


Related posts

Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE