La Svezia si unisce alla Finlandia per aderire alla NATO

Dalla fine della seconda guerra mondiale, Svezia e Finlandia hanno condiviso un destino comune in Europa. I due paesi mantennero così una posizione neutrale durante tutta la Guerra Fredda, non aderendo né alla NATO né al Patto di Varsavia, e non aderirono nemmeno alla Comunità economica europea nonostante una profonda cultura democratica e legami stretti con i paesi dell'Europa occidentale, ed episodi drammatici come l'assegnatario del primo ministro svedese Olof Palme. Dopo il crollo del blocco sovietico, Stoccolma ed Helsinki hanno aderito congiuntamente all'Unione Europea nel 1995, ma in assenza di una minaccia da est, nessuna delle due ha voluto aderire alla NATO, la neutralità mostrata corrispondeva perfettamente alle aspettative dell'opinione pubblica in entrambi i paesi . A partire dagli anni 2010, e con l'ascesa al potere dell'esercito russo, nei due stati scandinavi ha cominciato a emergere un movimento fondamentale a favore di tale adesione, senza tuttavia imporsi a maggioranza nell'opinione pubblica, e incontrando una certa ostilità da parte della classe politica.

Con l'atteggiamento sempre più aggressivo di Mosca nei confronti dei suoi vicini, Stoccolma ed Helsinki si sono avvicinate ai loro partner occidentali, anche in campo militare, senza però attraversare il Rubicone, mentre progressivamente le due opinioni pubbliche hanno sempre più favorito l'adesione alla NATO. Alla vigilia dell'attacco russo in Ucraina, questi erano ancora divisi sull'argomento, metà svedesi e finlandesi si dichiaravano a favore di tale adesione, l'altra metà si opponeva. Lo scoppio delle ostilità il 24 febbraio, tuttavia, ha avuto l'effetto di una scossa elettrica nelle menti dei due paesi, e una netta maggioranza di svedesi e finlandesi, oltre il 60%, si è poi dichiarata a favore dell'adesione del proprio paese alla l'Alleanza atlantica e, alla fine della scorsa settimana, il Primo Ministro finlandese, Sanna Marin, ha annunciato pubblicamente che ora intendeva avviare le consultazioni parlamentari affinché il suo paese aderisca alla NATO.

Il primo ministro svedese Magdalena Andersson (in primo piano) e il suo omologo finlandese Sanna Marin alla conferenza stampa congiunta di questa mattina per annunciare la decisione dei due paesi scandinavi di aderire alla NATO

Tuttavia, come nel 1995, la Finlandia ha voluto avviare una dinamica comune con il suo primo partner e alleato, la Svezia, ed è per questo che il leader finlandese si è recato questa mattina a Stoccolma per incontrare la sua controparte svedese, Magdalena Andersson, al fine di definire una posizione comune su questo argomento. Al termine di questo incontro, i due paesi hanno annunciato che stavano intraprendendo un approccio congiunto per l'adesione alla NATO, e ciò in un breve lasso di tempo, "entro poche settimane" secondo il Primo Ministro finlandese, e "prima della fine di giugno " per la sua controparte svedese. Dati gli indicatori socioeconomici e democratici dei due paesi, non vi sono dubbi sul fatto che questa adesione possa essere realizzata rapidamente, un imperativo importante per impedire alla Russia di attuare misure di ritorsione e minacce eccessive che potrebbero potenzialmente impedire un tale processo.


Il resto di questo articolo è riservato agli abbonati

Gli articoli ad accesso completo sono disponibili nella sezione “ Articoli gratuiti“. Gli abbonati hanno accesso completo agli articoli di notizie, analisi e sintesi. Gli articoli in Archivio (più vecchi di 2 anni) sono riservati agli abbonati professionisti.

A partire da 5,90€ al mese (3,0€ al mese per gli studenti) – Nessun impegno di tempo.


Related posts

Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE