Gli abusi russi in Ucraina servono a un obiettivo militare?

Dall'inizio del ritiro delle forze russe intorno ea nord di Kiev, le testimonianze e le prove di numerosi abusi perpetrati dai soldati russi contro la popolazione civile si sono rapidamente moltiplicate. Se c'è ancora tempo oggi per le indagini, ora sembra che queste non siano state opera di soldati isolati, ma di un'azione coordinata svolta con l'approvazione del comando russo. Allo stesso tempo, nelle ultime settimane sono aumentati in modo significativo anche gli attacchi diretti contro la popolazione civile, oltre a qualsiasi obiettivo militare, in particolare nel Donbass e dintorni. Mentre il dibattito odierno ruota principalmente intorno alle responsabilità di questi abusi, anche sulle possibilità molto improbabili che si tratti di una messa in scena da parte degli ucraini, le ragioni che hanno portato a tale comportamento rimangono meglio trascurate, sostenendo che questo scatenarsi di la violenza sarebbe la conseguenza dei metodi molto violenti di supervisione e nonnismo all'interno degli eserciti russi, una spiegazione molto poco convincente.

In effetti, se così fosse, e se questa fosse l'unica spiegazione, gli abusi russi sarebbero iniziati dall'inizio del conflitto. Tuttavia, ovviamente, durante le prime 3 settimane di guerra, gli eserciti russi hanno mostrato una certa moderazione nei confronti delle popolazioni civili: se poco importavano delle perdite civili nell'area di impegno, come a Irpin, Hostomel, Kharkiv o Mariopol, non ci sono state segnalazioni coerenti e ripetute di abusi massicci contro popolazioni civili in aree controllate. Così, gli abitanti di Kherson hanno ripetutamente mostrato la loro opposizione all'invasione russa, senza dover affrontare una massiccia repressione, almeno fino alla 4a settimana dei combattimenti. È vero che, con l'aiuto dei combattimenti, i soldati di entrambe le parti tendono a radicalizzarsi e l'aumento del livello di violenza contro i civili è, in un certo senso, un ben noto male degli eserciti sul campo. Tuttavia, i massacri come quelli osservati a Bouccha superano di gran lunga questo livello prevedibile di questo tipo di abusi, in particolare contro civili disarmati che ovviamente non rappresentano una minaccia immediata o ritardata contro le forze armate. È quindi necessario considerare altre ipotesi per spiegare questo cambiamento di orrore nel comportamento degli eserciti russi, o almeno di alcune unità, nella zona occupata, e determinare in che misura, e se sì, perché, il Comando russo organizzato tali abusi.

i civili nella città occupata di Kherson hanno potuto manifestare contro le forze russe durante le prime 3 settimane del conflitto

Per rispondere a questa domanda è utile tornare al comportamento degli eserciti russi durante le prime due settimane del conflitto. La comunicazione ucraina in quel periodo riportava numerosi prigionieri di guerra, e mostrava giovani soldati spesso demoralizzati, in parte sollevati e ben trattati dagli ucraini, che davano loro anche la possibilità di chiamare le loro mogli o le loro madri per rassicurarli. Ci sono state anche segnalazioni di soldati russi che hanno disertato verso le forze ucraine, con una procedura ben oliata per consentire una resa sicura, incluso il trasporto di attrezzature pesanti. Anche prendendo in considerazione il filtro rappresentato dalla propaganda ucraina, sembrava che il morale all'interno degli eserciti russi fosse particolarmente basso e che molti soldati mancassero di combattività e motivazione. Questo morale basso era stato anche proposto come uno dei motivi della scarsa prestazione delle forze russe contro le forze ucraine che, al contrario, mostravano un morale molto forte.


Il resto di questo articolo è riservato agli abbonati

Gli articoli ad accesso completo sono disponibili nella sezione “ Articoli gratuiti“. Gli abbonati hanno accesso completo agli articoli di notizie, analisi e sintesi. Gli articoli in Archivio (più vecchi di 2 anni) sono riservati agli abbonati professionisti.

A partire da 5,90€ al mese (3,0€ al mese per gli studenti) – Nessun impegno di tempo.


Related posts

Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE