Con la consegna degli S-300PMU slovacchi, l'Occidente cambia marcia per supportare l'Ucraina

Se dall'inizio del conflitto l'Occidente si era limitato a reagire sulla scena internazionale contro la Russia, in particolare consegnando all'Ucraina solo armamenti leggeri o difensivi, la dinamica sembra essersi notevolmente evoluta negli ultimi giorni. Così, dopo l'annuncio del la consegna di diverse dozzine di carri armati T-72M1 e veicoli da combattimento di fanteria BMP-1 tratto dalle riserve dell'esercito ceco, ora è il turno della Slovacchia di annunciare il trasferimento della sua unica batteria di difesa antiaerea a lungo raggio S-300PMU in Ucraina, informazione confermato dal primo ministro slovacco Edouar Heger su Twitter. La Gran Bretagna, da parte sua, lo ha annunciato trasferirebbe rapidamente i veicoli corazzati Maastif e Ridgeback in Ucraina, mezzi corazzati per il trasporto di personale protetti contro gli IED che possono sostituire i BTR persi dagli eserciti ucraini, e soprattutto dare loro una maggiore mobilità nel teatro delle operazioni.

Il sistema antiaereo S-300PMU o SA-20A Gargoyle nella tassonomia NATO, è un sistema antiaereo con un lungo raggio di rilevamento di 300 km e in grado di intercettare aerei fino a 150 km. Implementa diversi tipi di missili, il 5V55U a guida semiattiva (150 km) il 48N6 a guida mista (150 km) e il nuovo missile 9M96E a guida attiva che equipaggia anche il sistema S-400. Entrato in servizio nel 1993, è stato per molto tempo il più avanzato sistema antiaereo in servizio con gli eserciti russi, fino all'entrata in servizio dei sistemi S-400 nel 2007. L'aeronautica slovacca disponeva di una batteria S-300PMU unica ereditato dalla sua partecipazione con la Repubblica Ceca. Altri paesi europei hanno lo stesso sistema, la Bulgaria allinea 6 batterie e la Grecia 4 batterie. Si può quindi prevedere che altri sistemi di questo tipo verranno trasferiti in Ucraina nei giorni e nelle settimane a venire, soprattutto come ilLe forze ucraine hanno perso più di venti lanciatori S-300 dall'inizio del conflitto, oltre ad almeno 5 radar, più della metà del suo inventario iniziale.

L'S-300PMU è stato a lungo considerato uno dei migliori e più moderni sistemi antiaerei al mondo. È ancora in servizio in 18 paesi tra cui Russia, Ucraina, India, Iran e Cina.

Questi annunci successivi non sono solo iniziative nazionali, come si potrebbe pensare. Lo ha annunciato ieri il segretario generale della Nato, Jens Stoltenberg l'Alleanza ora aumenterebbe il suo sostegno militare all'Ucraina, questa volta compresi armamenti pesanti come carri armati o sistemi antiaerei di fattura sovietica per accelerare l'implementazione da parte degli eserciti di Kiev, ma anche equipaggiamenti prettamente occidentali, che richiederanno la formazione di operatori ucraini, ma che potrebbero, una volta in servizio, fornire loro un significativo valore aggiunto operativo. Inoltre, a differenza dell'equipaggiamento ereditato dal Patto di Varsavia, che è sempre meno presente nelle forze NATO, l'Alleanza dispone di riserve molto più ampie di equipaggiamento occidentale per sostenere lo sforzo bellico a Kiev.


Il resto di questo articolo è riservato agli abbonati

Gli articoli ad accesso completo sono disponibili nella sezione “ Articoli gratuiti“. Gli abbonati hanno accesso agli articoli completi di Analisi, OSINT e Sintesi. Gli articoli negli archivi (più vecchi di 2 anni) sono riservati agli abbonati Premium.

A partire da € 6,50 al mese – Nessun impegno di tempo.


Related posts

Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE