La Finlandia chiede di entrare a far parte della NATO

Durante la Guerra Fredda, la Finlandia, che condivide un confine di 1300 km con la Russia, ha mantenuto un atteggiamento di neutralità nei confronti dell'Unione Sovietica e del blocco occidentale. Se, come la Svezia, è entrata a far parte dell'Unione Europea nel 1995, non aveva mai mostrato alcun desiderio di fare lo stesso nei confronti della NATO. Al contrario, pochi mesi fa, la maggioranza dell'opinione pubblica finlandese era contraria a un simile approccio, anche se da diversi anni Helsinki si avvicinava militarmente agli Stati Uniti e al blocco occidentale, e prendeva le distanze da Mosca. La guerra in Ucraina avrà provocato un profondo cambiamento in questo Paese sia all'interno dell'opinione pubblica, che ora sostiene oltre il 60% è membro dell'Alleanza Atlantica, che nella classe politica, molto più aperta a questa ipotesi nelle ultime settimane. L'annuncio fatto oggi dal premier Sanna Marin, tuttavia, costituisce un importante cambiamento nella posizione del Paese sulla scena internazionale. Infatti, in un comunicato, la leader finlandese ha annunciato che avrebbe presentato in parlamento il prossimo 14 aprile un testo aggiuntivo, proprio per annunciare La prossima candidatura della Finlandia per entrare a far parte della NATO, e chiedere l'accordo del parlamento in tal senso.

Come l'Ucraina e la Georgia hanno sperimentato, non basta voler aderire all'Alleanza Atlantica per raggiungere questo obiettivo. Ma a differenza di questi due paesi, la Finlandia offre un archivio quasi perfetto per questo, non avendo controversie territoriali con uno dei suoi vicini e offrendo criteri socioeconomici più elevati rispetto alla maggior parte dei suoi membri. Inoltre, gli eserciti finlandesi utilizzano già attrezzature e dottrine compatibili con la NATO e partecipano a lungo e frequente ad esercitazioni con i loro vicini e membri dell'Alleanza. Inoltre, Helsinki è diventata un importante cliente e partner dell'industria della difesa statunitense, avendo scelto in particolare il Caccia F-35 per sostituire i suoi F/A 18 Hornet, o il sistema di lanciamissili a lungo raggio HIMARS. In effetti, è probabile che l'adesione della Finlandia alla NATO incontrerà pochissima o nessuna opposizione e potrebbe anche procedere molto rapidamente nel contesto attuale una volta che il parlamento finlandese avrà dato il via libera.

La Finlandia ha selezionato l'F-2021A nel 35 per sostituire gli F/A 18 che oggi equipaggiano la sua forza aerea

Il resto di questo articolo è riservato agli abbonati

Gli articoli ad accesso completo sono disponibili nella sezione “ Articoli gratuiti“. Gli abbonati hanno accesso agli articoli completi di Analisi, OSINT e Sintesi. Gli articoli negli archivi (più vecchi di 2 anni) sono riservati agli abbonati Premium.

A partire da € 6,50 al mese – Nessun impegno di tempo.


Related posts

Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE