Il Rafale sarà l'erede del Mirage III per il futuro dell'industria aeronautica francese?

Veloce, agile, potente e ben armato, il Mirage III è senza dubbio una leggenda nell'aviazione militare da combattimento di tutto il mondo. Nelle mani dei piloti israeliani, il caccia monomotore ad ala delta della Dassault Aviation ha prevalso contro i MiG e i cacciatori arabi durante le guerre dei Sei Giorni e dello Yom Kippur e ha svolto un ruolo decisivo nella vittoria dello stato ebraico in questi due conflitti, adornando il aereo con un'aura di efficienza e prestazioni che ha costruito il suo successo nelle esportazioni con 1400 velivoli costruiti (Mirage III e V) e che ha imposto i caccia di Dassault Aviation sul mercato internazionale per diversi decenni. Il Mirage III/V è stato quindi esportato in 13 paesi, il suo successore Mirage F1 in 10 paesi e il Mirage 2000 in 8 paesi. Ciascuno di questi velivoli ha mantenuto i vantaggi chiave del Mirage III, ovvero prestazioni elevate per un velivolo compatto ed economico da acquistare e utilizzare rispetto alla maggior parte degli aerei americani, come l'F-100 Super Sabre e l'F-104 Starfighter per il Mirage III, all'F-4 Phantom II per il Mirage F1, e al Tornado, F-15 e F-18 per il 2000, anche se questi ultimi due hanno subito l'arrivo dell'F-16 American Falcon, appositamente progettato come un combattente leggero ed economico come i combattenti francesi, e non nella tradizionale tendenza anglosassone.

Con il Rafale, Dassault Aviation ha corso un rischio significativo, prendendo di mira non il suo campo preferito, i caccia monomotore ad alte prestazioni, ma un versatile caccia bimotore, un campo in cui americani e britannici si erano affermati in Occidente per diversi decenni, con l'F-4 Phantom e poi l'F-14, l'F-15, il Tornado e l'F-18, e mentre sviluppavano nuovi modelli di questo tipo con il Typhoon del consorzio Eurofighter, l'F-22 della Lockheed- Martin e il Super Hornet F/A-18 E/F della Boeing. Dopo quasi due decenni di vacche magre segnate da clamorosi fallimenti nelle esportazioni contro l'F-16 (Marocco), l'F-35 (Paesi Bassi, Danimarca) e persino lo svedese Gripen (Brasile), il Rafale è finalmente riuscito a convincere i suoi primi tre clienti esportatori nel 2015 Egitto con 24 aeromobili, Qatar con 24 aeromobili (+12 opzioni esercitate nel 2017) e India con 36 aeromobili. Ma la vera consacrazione per il Rafale è arrivata nel 2021, quando Grecia (18+ 6 dispositivi), Croazia (12 aerei), Egitto (30 aerei) et gli Emirati Arabi Uniti (80 aerei) annunciato i loro ordini, seguito nel 2022 dall'Indonesia (42 aerei), facendo del caccia francese il più grande successo d'esportazione della sua generazione, superando di gran lunga il Typhoon, il Super Hornet, l'Eagle II e il Su-35, e trasformando quello che a lungo era percepito anche in Francia come un costoso fallimento, in un vero successo internazionale.

Il Mirage III ha forgiato l'immagine e il successo dell'industria aeronautica francese per diversi decenni

Altri paesi sono in trattativa con Dassault Aviation per nuovi ordini, anche se il costruttore francese ha imparato da questi fallimenti e rimane particolarmente discreto sull'argomento. In tal modo, il Rafale è considerato molto ben piazzato nella competizione che lo oppone al Super Hornet equipaggiare le portaerei indiane, tanto più che il futuro della seconda è ormai segnato dall'annullamento dell'ordine tedesco e dal rifiuto della Marina americana di ordinare nuovi velivoli nel 2023, mentre è in discussione un nuovo ordine dall'aeronautica indiana, e che il Rafale è anche considerato un contendente molto serio per il super contratto MMRCA 2 che coinvolge 114 aeromobili. Grecia come L'Egitto ha anche accennato a un nuovo ordine di Rafale potrebbe verificarsi in futuro, soprattutto perché le prestazioni annunciate del Rafale F4 e le aspettative sulle capacità dello standard F5 interessano in particolare questi paesi. Il Qatar deve arbitrare anche sulla restante opzione per 24 aerei, mentre anche l'Iraq sembra interessato all'aereo francese nell'ambito della modernizzazione della sua forza aerea. Il combattente francese viene finalmente offerto ad altri paesi in maniera più o meno sostenuta, mentre in un articolo pubblicato oggi, l'informatissimo Michel Cabirol suggerisce che La Serbia sarebbe anche interessata al Rafale per sostituire i suoi aerei sovietici con 12 aerei francesi.


Il resto di questo articolo è riservato agli abbonati

Gli articoli ad accesso completo sono disponibili nella sezione “ Articoli gratuiti“. Gli abbonati hanno accesso completo agli articoli di notizie, analisi e sintesi. Gli articoli in Archivio (più vecchi di 2 anni) sono riservati agli abbonati professionisti.

A partire da 5,90€ al mese (3,0€ al mese per gli studenti) – Nessun impegno di tempo.


Related posts

Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE