La Turchia è nuovamente interessata al sistema antiaereo e antimissilistico franco-italiano SAMP/T

Le relazioni tra l'Europa, e in particolare la Francia, e la Turchia sono state tumultuose negli ultimi anni, per non dire altro. Tra l'intervento turco nel nord della Siria contro gli alleati curdi di Francia e Stati Uniti, il supporto militare fornito da Ankara al regime di Tripoli in Libia, e le tensioni nel Mediterraneo orientale, nel Mar Egeo e intorno a Cipro, i punti di gli attriti tra Ankara e Parigi non sono mancati, ei rapporti tra i due Paesi, come tra i due capi di Stato, erano diventati molto difficili. Allo stesso tempo, la decisione turca di acquisire il sistema antiaereo russo S-400 a lungo raggio, rompendo con la strategia e l'interoperabilità della NATO, aveva provocato le ire di Washington, portando all'esclusione del programma F-35 della Turchia e persino a severe sanzioni sulle esportazioni di armi statunitensi ad Ankara. Anche la richiesta della Turchia di kit di modernizzazione e nuovi velivoli per aggiornare la sua flotta di F-16 è stata respinta dal Congresso degli Stati Uniti poiché le sanzioni europee hanno interrotto diversi programmi chiave dell'industria della difesa, come il carro armato Altai.

Tuttavia, se l'atteggiamento del presidente Erdogan nei confronti del suo omologo russo Vladimir Putin è stato spesso ambiguo, il sostegno di Ankara all'Ucraina e al suo sforzo di difesa è stato molto probabilmente il più volontario dei campi occidentali, al punto da creare in cambio tensioni, sommesse ma sensibili, con Mosca. Dall'inizio del conflitto, questo supporto è cresciuto ancora di più, con la consegna dei droni TB2 Bayraktar, diventati l'icona della resistenza in Ucraina, e arrivando persino a chiudere lo stretto alla marina russa, impedendo il trasferimento di navi da o per il Mar Nero. Inoltre, il coinvolgimento turco nella posizione difensiva della NATO è irreprensibile dal 24 febbraio, mentre il presidente Erdogan ha giocato il più possibile la carta del mediatore nel tentativo di trovare una via d'uscita a questa guerra. Si tratta di un cambio di posizione da parte del presidente turco o dell'espressione di una percezione più complessa di quanto sembri della posizione della Turchia all'interno dell'alleanza e del blocco occidentale su questo teatro? È ancora difficile da stabilire, ma è indiscutibile che il volto presentato da Ankara dall'inizio del conflitto possa indurre gli occidentali a rivedere i propri giudizi.

I droni MASCHIO leggeri TB2 Bayraktar di fabbricazione turca ottengono un successo significativo in Ucraina contro le forze russe, rendendo il drone uno dei simboli della resistenza ucraina

Il primo spettacolare annuncio in quest'area è avvenuto la scorsa settimana, quando Turchia, Grecia e Francia, i 3 Paesi in tensione solo pochi mesi fa, hanno annunciato un'iniziativa congiunta volta a cercare di evacuare la popolazione civile dalla città martire di Mariupol nel Donbass. Se l'iniziativa è ovviamente fallita, ha comunque segnato un cambiamento radicale di atteggiamento di Parigi, Atene e Ankara, al punto da considerare azioni congiunte sulla scena internazionale in una situazione di crisi. Di conseguenza, le dichiarazioni del presidente Erdogan alla stampa alla fine della scorsa settimana circauna possibile ripresa delle trattative con Roma e Parigi sulla possibile acquisizione di sistemi antiaerei e antimissilistici SAMP/T, deve essere considerato con la massima attenzione, tanto più che le autorità italiane hanno confermato la ripresa dei colloqui sull'argomento. Secondo RT Erdogan, sull'argomento sono già stati presi contatti con l'Italia e la Francia, che potrebbero avanzare una volta terminate le elezioni presidenziali francesi, consapevole che nessun annuncio può essere fatto in merito prima che il prossimo presidente francese non venga eletto.


Il resto di questo articolo è riservato agli abbonati

Gli articoli ad accesso completo sono disponibili nella sezione “ Articoli gratuiti“. Gli abbonati hanno accesso completo agli articoli di notizie, analisi e sintesi. Gli articoli in Archivio (più vecchi di 2 anni) sono riservati agli abbonati professionisti.

A partire da 5,90€ al mese (3,0€ al mese per gli studenti) – Nessun impegno di tempo.


Related posts

Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE