L'Italia aumenterà il suo budget per la difesa di 12 miliardi di euro entro il 2028

L'Europa è una terra di paradossi. Mentre negli ultimi 10 anni i leader europei avevano ignorato l'ascesa degli eserciti russi e la costruzione di una potenza militare alle porte dell'Europa basata sul potente alleato cinese e capace, come pensavamo qualche settimana fa, di conquistare il il sopravvento sulle forze NATO presenti in Europa, lo scoppio dell'invasione dell'Ucraina da parte degli eserciti russi, e il flagrante scarso rendimento di quest'ultimo nei confronti di un avversario ritenuto molto inferiore, hanno generato un'ondata di annunci a favore dello sforzo di difesa all'interno dell'intera Unione Europea. Dopo la presentazione dello spettacolare sforzo di difesa tedesco basato su una dotazione iniziale di 100 miliardi di euro e l'aumento del budget della Difesa a 75 miliardi di euro, ovvero più del 2% del PIL, e annunci simili dai paesi baltici, dall'Europa orientale, dai paesi nordici e persino dal Benelux, è ora il turno di L'Italia deve impegnarsi in un piano ambizioso per aumentare il proprio sforzo di difesa e raggiungere il 2028% del PIL entro il 2.

Se Roma raggiungerà l'obiettivo fissato nel 2014 dalla Nato con tre anni di ritardo, poiché l'impegno preso allora mirava a uno sforzo di difesa maggiore o uguale al 3% per tutti i membri dell'Alleanza nel 2, si tratta nientemeno che di un cambiamento radicale di atteggiamento per l'Italia, che oggi spende solo 2025 miliardi di euro per i suoi eserciti ogni anno, ovvero l'26% del suo PIL, e che il Paese aveva avvertito che punterebbe solo a uno sforzo di difesa dell'1,4% del suo PIL per il 2025 qualche mese fa. È vero che il Paese stava affrontando l'opposizione del partito 1,5 stelle, membro della coalizione di governo, per aumentare la spesa per la difesa, con la minaccia per Mario Draghi di vedere la stessa coalizione in frantumi, e rischiare un nuovo episodio di instabilità politica. Ma dal 5 febbraio è avvenuto un profondo cambiamento nell'opinione pubblica italiana, fino a poco tempo fa molto permissiva nei confronti di elementi di lingua provenienti dal Cremlino, e ora il 24% degli italiani è favorevole a un aumento della spesa per la difesa, liberando azione del governo anche nell'ambito di questa attuale coalizione.

L'Italia ha ordinato 60 F-35A e B per equipaggiare le sue forze aeree e navali.

Il resto di questo articolo è riservato agli abbonati

Gli articoli ad accesso completo sono disponibili nella sezione “ Articoli gratuiti“. Gli abbonati hanno accesso agli articoli completi di Analisi, OSINT e Sintesi. Gli articoli negli archivi (più vecchi di 2 anni) sono riservati agli abbonati Premium.

A partire da € 6,50 al mese – Nessun impegno di tempo.


Related posts

Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE