Il sostegno militare europeo all'Ucraina dovrebbe essere aumentato?

Pochissimi, anche tra i più informati, avevano immaginato che dopo 5 settimane di combattimento, l'operazione militare speciale russa sarebbe stata così contenuta dai difensori ucraini, e che anche gli eserciti russi avrebbero subito perdite materiali e umane importanti. Tuttavia, oggi, nonostante la sua straordinaria potenza di fuoco e aviazione, è l'esercito russo a mettersi in posizione difensiva su molti fronti, e persino a ritirarsi di fronte ad alcuni contrattacchi ucraini, soprattutto intorno a Kiev. Tuttavia, questa percezione data sia dai media occidentali sia dall'efficace comunicazione di guerra ucraina non permette di comprendere le reali difficoltà che si trovano ad affrontare oggi gli eserciti ucraini che, se hanno combattenti ormai stagionati e in gran numero, vede la sua riserve di equipaggiamento pesante inesorabilmente ridotte, dove le forze russe dispongono di quantitativi di equipaggiamento in sovrannumero, e una Guardia Nazionale pronta a colmare le perdite umane.

In questo contesto, si comprende perché il presidente Zelensky, nonostante i recenti successi registrati dai suoi eserciti, continui a svolgere un'intensa attività diplomatica nel tentativo di porre fine al conflitto attraverso la negoziazione, anche se ciò significa concedere alla Russia pretese fino ad ora escluse, come il la rinuncia all'appartenenza alla NATO, il riconoscimento della Crimea e la negoziazione di uno statuto di autonomia per il Donbass. Da capo di stato molto più saggio di un certo numero di commentatori improvvisati specializzati in materia sui social network, anche in Ucraina per giunta, Zelensky sa che oggi gli eserciti russi possono applicare una strategia difensiva contro la quale sarebbe molto difficile combattere, e che alla fine potrebbe costare all'Ucraina il suo esercito e quindi la sua indipendenza. In altre parole, oggi, e controintuitivamente, è proprio il Cremlino, e non Kiev, ad essere in una posizione di forza per i negoziati in corso. Tuttavia, c'è un'alternativa alla rinuncia al territorio ucraino che alla fine sarebbe solo il riconoscimento di un'immensa vittoria strategica per Putin, anche a costo di diverse decine di migliaia di suoi soldati e di diverse migliaia di veicoli da combattimento. In effetti, se gli europei dovessero aumentare il loro sostegno militare all'Ucraina, l'equilibrio di potere, anche in una strategia offensiva, potrebbe effettivamente oscillare a favore degli ucraini. In questo articolo analizzeremo queste alternative dall'Europa, ma anche i loro rischi in termini di estensione del conflitto, nonché le loro conseguenze sulla situazione della sicurezza del dopoguerra nel vecchio continente rispetto alla Russia.

Le perdite ucraine in termini di attrezzature pesanti sono molto probabilmente strutturalmente sottovalutate dalla comunità OSINT, mentre il Paese non ha la capacità di ricostituire il proprio inventario, a differenza della Russia

Mentre l'attenzione dei media e della politica è da tempo concentrata sull'ipotesi di una consegna di caccia Mig-29 polacchi in Ucraina, è ora necessario notare che nell'attuale contesto operativo, è probabilmente una delle strutture che presentano il rischio peggiore- rapporto di benefici per l'Ucraina e gli europei. Infatti, è ormai chiaro che l'intero cielo ucraino è bloccato dalle difese antiaeree di entrambe le parti, e che l'aviazione da combattimento e d'assalto può svolgere solo un ruolo superficiale nella conduzione delle operazioni militari. Inoltre, se si trattasse di dotare l'Ucraina di capacità offensive, i nuovi aerei da combattimento avrebbero poca efficacia contro il sistema difensivo che i russi non avrebbero mancato di mettere in atto per difendere le loro posizioni. D'altra parte, gli eserciti ucraini beneficerebbero in gran parte di un aumento della potenza di fuoco, della mobilità e della protezione, ricevendo nuovi veicoli corazzati dall'Europa.

Va ricordato che se le perdite documentate oggi si riferiscono principalmente all'equipaggiamento russo, ciò non pregiudica in alcun modo le vere perdite ucraine in questo campo, perché i soldati e la comunicazione russa sono molto più parsimoniosi nelle loro pubblicazioni sulla scena pubblica rispetto ai combattenti e la popolazione ucraina. In altre parole, senza mettere in discussione la realtà delle perdite russe, si può oggettivamente dubitare della relativa debolezza delle perdite ucraine in termini di armature o di difesa antiaerea, ad esempio, come riportato dagli analisti dell'OSINT, che altrove si mettono in guardia su questo pregiudizio analitico. Inoltre, come accennato in precedenza, la Russia ha una riserva di materiale molto più ampia di quella dell'Ucraina, nonché un complesso militare-industriale non influenzato dai combattimenti, anche se sembrerebbe che le sanzioni occidentali ostacolino questa produzione. In altre parole, nel gioco dell'attrito reciproco, la Russia ha una spina dorsale molto più forte di un'Ucraina isolata che combatte sul proprio suolo. Ed è proprio qui che il sostegno degli europei può rivelarsi decisivo.

Dopo 5 settimane di guerra, gli eserciti russi hanno perso tra il 10 e il 15% della loro forza lavoro e equipaggiamento all'interno delle forze di terra e aviotrasportate. Una parte significativa di queste perdite colpisce le unità d'élite dell'esercito russo.

Il resto di questo articolo è riservato agli abbonati

Gli articoli ad accesso completo sono disponibili nella sezione “ Articoli gratuiti“. Gli abbonati hanno accesso agli articoli completi di Analisi, OSINT e Sintesi. Gli articoli negli archivi (più vecchi di 2 anni) sono riservati agli abbonati Premium.

A partire da € 6,50 al mese – Nessun impegno di tempo.


Related posts

Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE